--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - A Omnibus domani, 22 febbraio si parla dello sfregio al monumento di via Fani

Svastica sulla lapide di Aldo Moro, Fioroni a La7

Condividi la notizia:

Giuseppe Fioroni

Giuseppe Fioroni

Roma – (g.f.) – Una svastica e scritte sulla lapide commemorativa in via Fani a Roma, dove il 16 marzo del 1978 furono uccisi gli uomini della scorta di Aldo Moro, statista della Democrazia Cristiana.

Un oltraggio sul quale sono in corso accertamenti per risalire agli autori.

Domani mattina se ne parla su La7, nel corso della trasmissione Omnibus. In studio, Giuseppe Fioroni.

Il deputato viterbese è stato invitato, in quanto presidente della Commissione d’inchiesta sul rapimento e sulla morte di Aldo Moro. Insieme a lui, tra gli altri, Ignazio La Russa e il direttore dell’Espresso Marco Damilano.

Il programma d’informazione va in onda dalle 7 alle 9,45 e la parte dedicata al fatto di cronaca è prevista attorno alle 8,45.

Il ritrovamento della scritta è avvenuto stamani poco prima delle 8: “A morte le guardie” con una vernice nera e accanto, disegnata una svastica.

Un oltraggio sul basamento della lapide, dal momento che la targa è stata rimossa per essere restaurata, in vista del quarantennale dell’agguato.

Dura la condanna al gesto, tanto dal presidente della regione Nicola Zingaretti, che lo ha definito un’autentica vergogna, quanto dalla sindaca di Roma Virginia Raggi, per la quale si tratta di un insulto per tutti i cittadini, romani e italiani.


Condividi la notizia:
21 febbraio, 2018

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR