Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Delitto di Santa Lucia - Nel casellario giudiziale e in un'informativa della polizia, i precedenti del 44enne indagato per aver ucciso i genitori

“Truffa, furto e falso” nel passato di Ermanno Fieno

Condividi la notizia:

Rosa Franceschini e Gianfranco Fieno

Rosa Franceschini e Gianfranco Fieno

Delitto di Santa Lucia - L'attizzatoio usato per uccidere Rosa Franceschini

Delitto di Santa Lucia – L’attizzatoio usato per uccidere Rosa Franceschini

Sanremo - Delitto di via Santa Lucia - Il fermo di Ermanno Fieno

Sanremo – Delitto di via Santa Lucia – Il fermo di Ermanno Fieno

Delitto di Santa Lucia - Il cuscino del salone sporco di sangue usato per soffocare Rosa Franceschini

Delitto di Santa Lucia – Il cuscino del salone sporco di sangue usato per soffocare Rosa Franceschini

Delitto di Santa Lucia - La cucina dei coniugi Fieno, luogo del delitto

Delitto di Santa Lucia – La cucina dei coniugi Fieno, luogo del delitto

Viterbo – “Truffa, furto e falso” nel passato di Ermanno Fieno, il figlio dei coniugi trovati morti e avvolti nel cellophane nel loro appartamento a Santa Lucia, in carcere con l’accusa di omicidio volontario per aver cagionato la morte di entrambi i genitori. Emerge dal casellario giudiziale del 44enne e da un’informativa inviata in procura dai poliziotti della squadra mobile di Viterbo, documenti poi finiti nel corposo fascicolo d’inchiesta per duplice omicidio.

Due le sentenze ai danni di Ermanno Fieno per “falsità materiale commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici”. La prima, con cui è stato condannato a “tre mesi e 20 giorni di reclusione”, risale al febbraio 2004. Il reato sarebbe stato commesso l’anno prima, il 20 febbraio 2003, presso lo studio notarile di Vetralla in cui il 44enne avrebbe lavorato fino a una decina di anni fa, per poi essere licenziato. La seconda sentenza, con cui il 44enne è stato condannato a “cinque mesi di reclusione”, risale ai primi giorni del 2009, e il reato sarebbe stato “commesso in epoca anteriore e prossima al 27 febbraio 2006 a Viterbo”.

Ma nel suo casellario giudiziale, ovvero il certificato che contiene i provvedimenti di condanna definitivi, c’è anche una “insolvenza fraudolenta in concorso” per cui nel 2008 è stato condannato dal gip di Bologna a una “multa di 200 euro” per non aver pagato, dal 13 marzo al 9 maggio 2008, il soggiorno presso un albergo di Imola.

Ma nell’informativa inviata in procura dopo il ritrovamento dei cadaveri dei coniugi Fieno, i poliziotti della mobile segnalano che “l’indagato (Ermanno Fieno, ndr) risulta avere notizie di reato (anche per) furto aggravato”. Il 23 novembre scorso il 44enne sarebbe stato sorpreso a rubare una confezione di fette di tacchino dal banco frigo del supermercato Conad di via Garbini, e per questo sarebbe stato denunciato a piede libero. Non sarebbe stata la prima volta, e i commessi lo avrebbero tenuto d’occhio a lungo.

Il furto ha anticipato di sei giorni l’omicidio della madre. È la mattina del 29 novembre. Gianfranco Fieno, il padre di Ermanno, giace senza vita sul letto della camera matrimoniale. È morto da almeno dodici ore, nel pomeriggio del giorno precedente. Per cause naturali. Il medico legale Saverio Potenza, nella relazione inviata in procura dopo l’autopsia, indica come causa del decesso “un’insufficienza cardiocircolatoria e respiratoria acuta”.
Ermanno sarebbe riuscito a convincere la madre a non chiamare i fratelli, almeno per una notte. Ma la mattina successiva, nonostante i rapporti con i figli Anna Maria e Luciano fossero conflittuali da anni, la donna vuole smetterla di temporeggiare. Li vuole contattare, per annunciare loro la morte del padre. Potrebbe aver litigato con Ermanno per questo, ma alla fine Rosa avrebbe comunque alzato la cornetta del telefono. A quel punto il figlio va in salotto, prende l’attizzatoio e torna in cucina. Rosa sta digitando il numero, è di spalle, vicino al tavolo da pranzo. Ermanno la colpisce due o più volte alla testa. Con una violenza tale da far piegare quell’attizzatoio di ferro.
Rosa potrebbe essere caduta faccia a terra. Ma nonostante quei colpi così violenti, avrebbe continuato a respirare. Ermanno sarebbe tornato in salotto e avrebbe riposto l’attizzatoio accanto al camino: lì gli investigatori lo hanno trovato la sera del 13 dicembre, ancora sporco di sangue e capelli. Ma accanto al camino c’è un divano. Ermanno avrebbe visto uno di quei cuscini, potrebbe averlo preso, essere tornato in cucina e averlo premuto sulla testa della madre, schiacciandole il volto contro il pavimento. Fino a che la donna ha smesso di respirare. Poi sarebbe tornato in salotto e l’avrebbe rimesso al suo posto.

E il dottor Potenza, nella relazione inviata in procura subito dopo l’autopsia, lo scrive: “Rosa Franceschini è morta per trauma cranico encefalico ed emorragia cerebrale”, ma anche per “insufficienza cardio respiratoria acuta”. Ma risposte certe sulle cause, le modalità e il giorno della morte di Rosa, 76 anni, e Gianfranco, ottantatré, le daranno solo gli esiti dell’esame autoptico. Scaduti i sessanta giorni di tempo per gli accertamenti, a breve potrebbero finire sulla scrivania del procuratore capo di Viterbo Paolo Auriemma e del sostituto Chiara Capezzuto.


Multimedia: video: La testimonianza di una conoscente – I funerali dei coniugi Fieno – Le testimonianze dei vicini – La polizia al lavoro – Trovati morti in casa – Fotocronaca: L’addio a Gianfranco Fieno e Rosa Rita Franceschini – L’arresto di Ermanno Fieno – Delitto di Santa Lucia, la polizia al lavoro – Tragedia in via Santa Lucia – Coppia uccisa in casa


Presunzione di innocenza
Per indagato si intende semplicemente una persona nei confronti della quale vengono svolte indagini preliminari in un procedimento penale.

Nel sistema penale italiano vige la presunzione di innocenza fino al terzo grado di giudizio. Presunzione di innocenza che si basa sull’articolo 27 della costituzione italiana secondo il quale una persona “non è considerata colpevole sino alla condanna definitiva”.


Condividi la notizia:
20 febbraio, 2018

Delitto di Santa Lucia ... Gli articoli

  1. 15 anni per omicidio e occultamento di cadavere a Fieno, "una pena congrua" per la difesa
  2. Uccise la madre, condannato a quindici anni Ermanno Fieno
  3. Uccise la madre, chiesti 20 anni per Ermanno Fieno
  4. "Ermanno Fieno non è infermo di mente", secondo lo psichiatra del tribunale
  5. "Fieno, incapace di volere in una famiglia patologica, non va messo in carcere..."
  6. Uccise la madre, oggi si saprà se Ermanno Fieno è sano di mente
  7. Rubò fette di tacchino al supermercato, assolto Ermanno Fieno
  8. Al via la perizia psichiatrica su Ermanno Fieno, il verdetto a primavera
  9. Uccise la madre, due psichiatri per stabilire se Ermanno Fieno è sano di mente
  10. Coniugi morti e avvolti nel cellophane, al via il processo al figlio
  11. Avvolse nel cellophane i genitori morti, perizia psichiatrica per Ermanno Fieno
  12. Uccise la madre, rito abbreviato per Ermanno Fieno
  13. Uccise la madre, via libera al processo per Ermanno Fieno
  14. La procura vuole il giudizio immediato per Ermanno Fieno...
  15. "Ho ucciso io mia madre"
  16. Delitto di Santa Lucia, Ermanno Fieno confessa l'omicidio della madre
  17. L'autopsia al vaglio di procura e difesa
  18. Non è stato duplice omicidio
  19. "A mamma e papà hai detto che gli hai raccontato molte bugie?"
  20. Colpita con l'attizzatoio e finita con un cuscino...
  21. "Morto per insufficienza cardiocircolatoria"
  22. Okay alla difesa Fieno, Massatani incontra la pm Capezzuto
  23. Incontro in carcere tra Ermanno Fieno e l'avvocato Massatani
  24. "Non eravamo graditi a persone vicine a Ermanno Fieno"
  25. "L'interrogatorio di Ermanno Fieno non è sinonimo di abbreviato"
  26. Ermanno Fieno rinuncia al riesame contro l'accusa di duplice omicidio
  27. "Cattivi rapporti con i miei per colpa di Ermanno"
  28. Delitto coniugi Fieno, venerdì l'udienza al Riesame
  29. Ermanno Fieno scrive lettere alla compagna dal carcere
  30. Fieno ricorre al riesame contro l'accusa di duplice omicidio
  31. "Devo litigare con mia sorella, sarà una lunga nottata..."
  32. In procura il fratello e la sorella di Ermanno Fieno
  33. "Capace di agire con violenza del tutto sproporzionata..."
  34. "Fieno voleva sbarazzarsi dei cadaveri"
  35. Ermanno Fieno "studia" le carte dell'inchiesta
  36. Due colpi in testa per uccidere la madre
  37. Fieno vuole farsi interrogare
  38. I difensori di Fieno: "Infondata l'accusa di duplice omicidio"
  39. Ermanno Fieno resta in carcere
  40. I fratelli di Ermanno tentarono di parlare con i genitori...
  41. "Frastornato, ma inizia a rendersi conto della situazione"
  42. Primo incontro a Mammagialla tra Fieno e i suoi avvocati
  43. Perizia psichiatrica su Fieno, difesa al lavoro
  44. "La verità verrà accertata solo nelle sedi giudiziarie..."
  45. Fieno in isolamento a Mammagialla
  46. Ermanno Fieno nel carcere di Mammagialla
  47. "15 giorni con due cadaveri in casa, serve una perizia psichiatrica su Fieno"
  48. "I corpi nel cellophane per cancellare l'omicidio dalla mente..."
  49. Gianfranco e Rosa morti da almeno due settimane
  50. Gianfranco non è stato ammazzato
  51. "Ermanno Fieno non è un mostro e non è matto"
  52. "I giorni in carcere non sono i più duri della mia vita..."
  53. Il gip: "Fieno deve restare in carcere"
  54. "Chi ha sbagliato comprenda l'errore"
  55. "Una violenta lite, poi non li ho più visti..."
  56. Rosa colpita alle spalle, il sangue sulle pareti
  57. Fieno non ha versato una lacrima
  58. Ermanno Fieno ha fatto scena muta
  59. Ermanno Fieno davanti al magistrato
  60. Ermanno Fieno riconosciuto mentre scendeva le scale della stazione
  61. Sangue anche in cucina
  62. "Aveva 750 euro in contanti e vestiti appena acquistati"
  63. Rintracciato e fermato a Ventimiglia Ermanno Fieno
  64. Oggi il riconoscimento delle vittime e l'affidamento dell'autopsia
  65. Rintracciato e fermato a Ventimiglia Ermanno Fieno
  66. “Non li abbiamo mai sentiti litigare, lui era un solitario”
  67. Rosa uccisa con uno spiedo di ferro
  68. Indagato per omicidio volontario il figlio Ermanno
  69. La scientifica col luminol sul luogo del delitto
  70. Aperto dalla procura un fascicolo per duplice omicidio
  71. Trovati morti sul letto avvolti nel cellophane
  72. Coppia trovata morta in casa, si ipotizza il duplice omicidio
  73. Trovati due cadaveri in una casa
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR