--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Elezioni - Presidenza della Regione Lazio - Intervista alla candidata M5s Roberta Lombardi

“Due le priorità per la Tuscia: Belcolle e il comparto della ceramica”

Condividi la notizia:

Roberta Lombardi

Roberta Lombardi

Roma – “Due le priorità per la Tuscia: Belcolle e il comparto della ceramica”. Roberta Lombardi candidata M5s alla presidenza della Regione Lazio presenta la sua candidatura in vista del voto del 4 marzo. Tra le priorità di Lombardi sanità, ambiente e rifiuti, famiglia, imprese e lavoro, trasporti.

Perché ha deciso di candidarsi?
“Ogni portavoce del MoVimento 5 Stelle – dice Lombardi – ha a disposizione al massimo due mandati. Io ho preferito dedicare il secondo al governo del territorio in cui sono nata, diventata attivista e che mi ha eletta portavoce in Parlamento per il MoVimento 5 Stelle. Un atto dovuto, oltre che una sfida per me stimolante, dopo la prima possibilità che mi è stata offerta dai cittadini”.

Quali sono le priorità del suo programma?
“Le priorità del programma regionale del MoVimento 5 Stelle per il Lazio sono emerse da un percorso partecipato con tutti i portatori d’interesse della società civile, del mondo del lavoro e delle imprese.

Si tratta di cinque settori fondamentali: sanità, ambiente e rifiuti, famiglia, imprese e lavoro, trasporti. Tutti con un unico obiettivo: ripristinare i diritti fondamentali dei cittadini nei nostri territori, dalla salute al lavoro.

Le azioni concrete che abbiamo programmato vanno dall’abbattimento delle liste d’attesa allo sblocco delle assunzioni di medici, infermieri e personale sanitario, per quanto riguarda la sanità; dall’introduzione di un Piano regionale dei rifiuti basato sul modello ‘Rifiuti zero’, che punti a prevenire, ridurre e riusare i rifiuti, al reddito energetico, già realizzato dal MoVimento 5 Stelle nel Comune di Porto Torres, in Sardegna, e che grazie a un fondo per la diffusione dei pannelli fotovoltaici porterà ad un risparmio di duecento euro in bolletta l’anno per imprese e famiglie meno abbienti producendo energia pulita.

E ancora: bonus di 150 euro al mese per le neomamme che tornano al lavoro fino ai primi tre anni del bambino e sgravi fiscali per le imprese che assumono neomamme e per le famiglie monoreddito con figli e potenziamento del trasporto pubblico regionale e locale e della mobilità sostenibile per far uscire le province del Lazio dall’isolamento e dare ai tanti pendolari del Lazio un servizio pubblico dignitoso e in grado di ridurre lo smog”.

Cosa vuole portare a termine e per cosa vuole si ricordata la sua consigliatura regionale?
“Tutte le azioni delle nostro programma regionale del MoVimento 5 Stelle sono pensate e scritte per essere concretizzate e portate a termine al più presto o comunque in un tempo congruo all’importanza della sfida. Di sicuro l’atto per il quale sarò ricordata, perché senza precedenti nel Lazio, è l’abolizione dell’istituto del vitalizio, taglio degli stipendi dei consiglieri regionali, di privilegi e sprechi. Una manovra che oltre a essere un segno di civiltà recupererà 200 milioni di euro di soldi pubblici in cinque anni che potranno essere messi di nuovo al servizio dei cittadini, acquistando ad esempio dieci nuove Pet, macchinari per la diagnostica oncologica”.

Chi teme di più tra i suoi sfidanti?
“Non si teme ciò che è vecchio e ormai smascherato, come la vecchia partitocrazia, anche se questa si presenta sotto spoglie fintamente nuove”.

Perché dovrebbero votarla?
“Per due motivi: primo perché ho già dato un segnale concreto di rottura con la vecchia politica dei partiti con il mio esempio sia come cittadina e attivista sia come portavoce del MoVimento 5 Stelle in Parlamento; secondo perché ho un programma per il Lazio con obiettivi chiari e priorità condiviso e scritto con i cittadini, come già detto sopra”.

Cosa farà per la Tuscia?
“Due sono le priorità specifiche su cui intervenire, oltre a quelle generali già indicate e che riguarderanno tutto il Lazio: l’ospedale Belcolle di Viterbo, facendo ripartire a pieno regime tutti i reparti e garantire così l’accesso ai servizi per tutti quei cittadini che attualmente sono costretti a spostarsi per curarsi. C’è poi il comparto della ceramica in crisi, che va risollevato favorendo l’aggregazione di filiera e la valorizzazione delle reti d’impresa attraverso un marchio di qualità per le produzioni del Lazio”.

Come valuta questa campagna elettorale?
“Sui partiti in corsa mi sono già espressa, sulla campagna elettorale del MoVimento 5 Stelle è un grande lavoro di squadra: lavoriamo a testa bassa, facendo del nostro meglio. Per il resto saranno i cittadini a valutare”.  

Coma valuta l’attuale ceto politico?
“Il ceto politico che finora ci ha governato rispecchia la realtà che noi stessi creiamo e viviamo ogni giorno attraverso le nostre scelte, nei consumi, nelle relazioni… e anche in politica, esprimendo ad esempio chi ci dovrà rappresentare per migliorare, si spera, la società in cui viviamo. Spero quindi – conclude Lombardi – che i cittadini vadano innanzitutto a votare e che, guardandosi attorno, facciano la scelta giusta”.


Condividi la notizia:
2 marzo, 2018

Elezioni politiche e regionali 2018 ... Gli articoli

  1. Polverini, Gasparri, Bongiorno dalla Tuscia al parlamento
  2. Fioroni fuori, Sabatini il più votato di FI ma non eletto
  3. "A Ronciglione Pd al 67,85% e M5s al 59,33%”
  4. "Zingaretti non ha la maggioranza, abbia approccio costruttivo con l'opposizione"
  5. Eletti Silvia Blasi ed Enrico Panunzi
  6. Oltre un milione di voti per Zingaretti (33,26%) - Parisi (31,49 %) - Lombardi (27,26 %)
  7. Fioroni, buona incidenza sulla coalizione di centrosinistra
  8. "Zingaretti può costituire una risorsa per il Pd"
  9. Zingaretti presidente ma a Viterbo "vince" Parisi
  10. I tre consiglieri viterbesi saranno due: Panunzi e Blasi
  11. "Il mio ingresso in regione? E' legato al fattore 'C'"
  12. Daniele Sabatini il più votato a Viterbo
  13. Zingaretti presidente (33,23%) - Parisi (31,44 %) - Lombardi (27,20 %)
  14. "Una Tuscia connessa e al centro di un processo di sviluppo"
  15. "Salvini deve fare il presidente del consiglio"
  16. "Le dimissioni non si annunciano, si danno"
  17. "Il centrodestra è unito e da qui ripartiamo"
  18. Panunzi rieletto e al comitato elettorale è festa
  19. "300mila voti in più nel Lazio rispetto alle politiche"
  20. Zingaretti verso la riconferma
  21. Zingaretti primo tallonato da Parisi
  22. Panunzi fa il pieno di preferenze a Viterbo, segue Daniele Sabatini
  23. Zingaretti torna in testa, Parisi secondo e terza Lombardi
  24. Parisi in testa, Zingaretti terzo
  25. "Continuerò il mio impegno politico al servizio della mia comunità"
  26. Gioia, sonno e tanta voglia di partire con "un'altra storia"...
  27. Parisi supera Lombardi, Zingaretti sempre primo
  28. Rotelli deputato, Battistoni e Fusco senatori
  29. Zingaretti al 34,4%, Lombardi al 31,9% e Parisi al 26,8%
  30. Mauro Rotelli eletto deputato
  31. Umberto Fusco eletto senatore
  32. Fioroni fuori dal parlamento, nell'uninominale è terzo
  33. Matteo Salvini: “A Viterbo abbiamo ottenuto il 18,05%”
  34. Fioroni fuori dal parlamento, nell'uninominale è terzo
  35. Flop di Boldrini, D'Alema, Grasso e Franceschini
  36. Rotelli (FdI) e Battistoni (FI) i più votati a Viterbo, M5s primo partito
  37. A Viterbo, Rotelli 16mila voti e Battistoni quasi 15mila
  38. A Viterbo, Rotelli 16mila voti e Battistoni quasi 15mila
  39. Mauro Rotelli (FdI) e Francesco Battistoni (FI) verso la vittoria
  40. Mauro Rotelli (FdI) e Francesco Battistoni (FI) avanti
  41. “Un'ora e quaranta per votare e la gente se ne andava..."
  42. Politiche e regionali - Affluenza e risultati
  43. Nella Tuscia ha votato il 76,04%
  44. Movimento 5 stelle primo partito con oltre il 30%
  45. Battistoni 194 voti, Cozzella 146, Mazzoli 122
  46. Movimento 5 stelle primo partito, centrodestra prima coalizione
  47. Nicola Zingaretti avanti
  48. Movimento 5 stelle primo partito
  49. Due ore per votare... Vergogna! Vergogna! Vergogna!
  50. Alle 19 ha votato il 56,76%
  51. Alle 12 ha votato il 17,59%
  52. Politiche e regionali - Affluenza e Risultati
  53. "Dopo cinque anni di Zingaretti il Lazio è diventata una regione peggiore"
  54. "Nella Tuscia più impulso a mobilità, turismo e distretto di Civita"
  55. "La Tuscia deve essere al centro di un processo di sviluppo"
  56. "Il M5s sta portando avanti una rivoluzione morale e culturale"
  57. "Il vero rischio per il paese è rappresentato da Salvini e Di Maio"
  58. "I 5 stelle vogliono illuminare la scena politica"
  59. “Lavoro, ambiente e lotta alle disuguaglianze"
  60. "Lavoro, sicurezza e rilancio del territorio"
  61. Elezioni politiche e regionali, ecco come si vota
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR