--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Politica - Enrico Panunzi, rieletto consigliere regionale del Pd, non ci sta proprio a sentir dire di correnti, sulle dimissioni di Egidi: "Un atto di responsabilità"

“C’è un partito da salvare e ancora parliamo di renziani e orlandiani”

Condividi la notizia:

Enrico Panunzi

Enrico Panunzi

Viterbo – “C’è un partito da salvare e ancora parliamo di renziani e orlandiani”. Enrico Panunzi, rieletto consigliere regionale del Pd, non ci sta proprio a sentir parlare di correnti. Un discorso che va chiuso definitivamente.

“Il partito non si gestisce a colpi di maggioranza”, tuona Panunzi.

Per lui, che alle regionali ha ottenuto 11mila 868 preferenze, c’è da tenere conto di una sola cosa: “C’è stato un voto di cui bisogna prendere atto. Dobbiamo far sì che questo partito sopravviva e non sono i metodi passati che lo fanno sopravvivere. 

Credo che chi ha gestito il partito, imponendo determinate scelte, specie per le candidature regionali, debba trarre delle conseguenze”.

Su un punto dunque c’è da farla finita. “C’è un partito da salvare e ancora andiamo avanti con le correnti. Non si gestisce il partito a colpi di maggioranza, anche perché poi gli elettori hanno dimostrato chi sono le maggioranze e chi le minoranze. Il partito è ridotto ai minimi termini e si parla ancora di orlandiani, renziani e fioroniani. La politica è fatta di responsabilità e di conseguenze”.

Infine sulle dimissioni di Andrea Egidi da segretario provinciale del Pd: “Ha fatto un atto di responsabilità”. 


Condividi la notizia:
10 marzo, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR