--

--

Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Politica - Regione Lazio - Sergio Pirozzi commenta il suo risultato che ha rappresentato per lui una vittoria e annuncia: "Sono consigliere di opposizione e voterò contro la fiducia a Zingaretti"

“Cosa farò alla Pisana? Mi divertirò…”

di Paola Pierdomenico

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

Sergio Pirozzi durante la presentazione del suo libro

Sergio Pirozzi durante la presentazione del suo libro

Viterbo – “Cosa farò alla Pisana? Mi diverto. Sono consigliere di opposizione e voterò contro la fiducia a Zingaretti”. Sergio Pirozzi dice di attendere la convalida degli eletti e poi tutto sarà più chiaro. Il 5 per cento dei cittadini lo ha votato perché diventasse presidente della Regione e, per lui, è una vera vittoria. Lo accusano al tempo stesso di aver fatto perdere il centrodestra e di essere pronto a un ‘inciucio’ con Zingaretti che, al momento, non ha la maggioranza. Su questo Pirozzi precisa: “So’ ragazzi… le bugie, come dico io, hanno sempre le gambe corte”.

Come sono andate queste elezioni?
“Sono state una cosa straordinaria – dice Pirozzi – 152mila voti, senza un partito alle spalle. Un risultato importante”.

Si aspettava questa affermazione?
“C’erano parecchio interesse e consenso poi la concomitanza con le politiche ha catalizzato l’attenzione. E’ stato comunque un risultato straordinario”.

Ha qualche rammarico?
“No, assolutamente”.

Perché l’accusano di aver fatto perdere il centrodestra?
“Perché so’ ragazzi… c’è una differenza sostanziale tra un vincente e un perdente: quando perde, il vincente per prima cosa si chiede dove abbia sbagliato, creando le basi per poter tornare a vincere. Chi è un perdente per natura dà subito le colpe agli altri. Questo la dice lunga…”.

Lei dove si classifica?
“Io sono un vincente, perché non do mai la colpa agli altri”.

Anche in questo caso quindi ha ottenuto una vittoria?
“152mila voti e cioè poche decine di migliaia di voti dietro un partito strutturato come Fratelli d’Italia e una percentuale superiore a LeU, la Bonino e Lorenzin… quindi sì”.

Pensa davvero che se non ci fosse stato per il centrodestra sarebbe andata diversamente?
“Non lo so… so solo che non c’è in Italia una legge che impedisca a un uomo di candidarsi. Non ho costretto nessuno a votarmi e non penso nemmeno che ci siano 152mila imbecilli. Chi mi ha votato lo ha fatto perché voleva farlo”.

Adesso cosa farà alla Pisana?
“Adesso, mi diverto”.

Cosa intende?
“Mi diverto”, ripete.

E come consigliere come si comporterà?
“Mi diverto”, continua a ripetere.

Ma sarà consigliere di opposizione?
“Certo, mi sembra chiaro”.

Perché c’è chi dice che sia pronto a un ‘inciucio’ con Zingaretti.
“So’ ragazzi. Si vedrà a breve… le bugie, come dico io, hanno sempre le gambe corte”.

Quindi è consigliere di opposizione
“Tempo al tempo”.

Cioè?
“Vedremo nei prossimi giorni chi ha infangato un uomo e chi no, chi ha detto la verità e chi non lo ha fatto e chi si è prestato ai giochetti. Il tempo è galantuomo”.

Lei non si presta a giochetti quindi?
“Ma beata a te – ride -. So’ ragazzi… che Dio li perdoni”.

Cosa farà come prima cosa in consiglio?
“Posso fare poco… voterò contro”.

Contro la fiducia a Zingaretti?
“Certo”.

Perché secondo lei, nei suoi confronti, ci sono tutti questi pregiudizi: si è detto che ha fatto perdere il centrodestra e che è pronto a un ‘inciucio’ Zingaretti.
“Perché chi lo dice, è quello che lo ha fatto. Mi spiego, se in vita tua non hai mai rubato, non pensi che gli altri possano farlo. Chi dice quindi che sono stato io a far perdere il centrodestra è chi invece lo ha fatto per davvero non assumendosi la responsabilità di una scelta all’ultimo secondo, ‘last minute’;  poi quelli che dicono che sono pronto a un inciucio, sono gli stessi che li hanno sempre fatti. Quello che dici, quindi, dimostra quello che sei, è semplice”.

Zingaretti non ha la maggioranza, la sua quindi si può davvero definire vittoria?
“No, macché. Aspettiamo la convalida degli eletti e vi farò divertire”.

Durerà Zingaretti?
“Non lo so, questo dovete chiederlo a lui”.

Lei però ha detto che non andrà oltre le elezioni Europee?
“Ma forse anche di meno… Dipende da quello che fanno ‘i ragazzi’. Nei prossimi giorni vi faccio divertire” . 

Paola Pierdomenico

13 marzo, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR