--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Elezioni politiche - Viterbo - Mazzoli (Pd) critico con la scelta di Renzi di voler lasciare il partito dopo la formazione del governo: "E' una sconfitta che brucia, c'è da rimettere tutto in discussione"

“Le dimissioni non si annunciano, si danno”

di Paola Pierdomenico
Condividi la notizia:

Alessandro Mazzoli (Pd)

Alessandro Mazzoli (Pd)

Viterbo – “Le dimissioni con rinvio incorporato non esistono. Le dimissioni non si annunciano, si danno”. E’ duro Alessandro Mazzoli e non vede di buon occhio la scelta di Renzi di lasciare la guida del partito dopo la formazione del governo.

Spoglio in tempo reale: Regionali Lazio provincia di Viterbo in tempo reale – cliccando sul link dei partiti le preferenze candidato per candidato – Regionali Lazio in tempo reale – Politiche e regionali – Affluenza e risultati

Le elezioni hanno rappresentato una vera débâcle per il Pd. “E’ una sconfitta pesante, che brucia”, commenta Mazzoli che ha ottenuto 53mila 182 voti.

Ora è fuori dal Parlamento. Ma ciò che lo infastidisce è che, in questi anni, il Pd non sia riuscito a costruire una risposta vera alle esigenze e alle preoccupazioni del paese. Chiede di rimettere tutto in discussione e di fare un congresso che porti a dei cambiamenti seri e che  non sia la copia di quelli passati, per lui, poco efficaci alla luce dell’esito elettorale. 

Non è più in Parlamento.
“Dopo questi anni – dice Mazzoli -ero consapevole della difficoltà della battaglia, ma ho comunque accettato la candidatura mettendomi a disposizione del partito e della coalizione per dare un contributo. Bisogna prendere atto di una sconfitta molto pesante e del fatto che larga parte della società italiana chiede un cambiamento molto forte”.

Come vede questa richiesta?
“Non la condivido se guardo alle proposte e alle forze maggiormente premiate che sono la Lega e il Movimento 5 stelle. Questa realtà, però, va guardata in faccia, compresa e rispettata, perché il pronunciamento degli elettori è sacro. Dal nostro punto di vista, e cioè quello del Pd, l’unica cosa da fare, in tempi brevissimi, è cambiare tutto, mettersi in discussione perché in gioco c’è proprio il progetto del partito”.

Quali sono i fattori che più hanno inciso nella sconfitta?
“In questo voto di protesta e nella richiesta di cambiamento, c’è di base una domanda di protezione da parte della società italiana che noi non abbiamo saputo cogliere in tempo e a cui non abbiamo dato le risposte più efficaci. Il centrodestra lo ha fatto individuando i volti delle cose di cui avere paura e cioè gli immigrati, piuttosto che la sicurezza. M5s, a suo modo, ha cercato di dare una risposta alla rabbia e al disagio. Noi, invece, abbiamo pensato di rispondere dicendo di aver portato l’Italia fuori dalla crisi e di proseguire passo dopo passo su questa strada. Un messaggio insufficiente vista la radicalità delle preoccupazioni di milioni di persone”.

Renzi ha ammesso la netta sconfitta netta e ha detto di volersi dimettere solo dopo la formazione del nuovo governo.
 “Non esistono dimissioni con rinvio incorporato. Le dimissioni non si annunciano, si danno. Era importante dare un segnale per avviare una discussione vera e libera nel Pd e ripartire, senza fare un congresso che sia la copia di quelli precedenti che non hanno portato a nulla. Dobbiamo, infatti, rivedere il nostro modo di essere, le regole, i luoghi decisionali e appunto come si prendono le decisioni”.

Renzi ha anche affermato di essere “orgoglioso del lavoro strepitoso di questi anni”.
“Sul lavoro di questi anni, noi lo abbiamo difeso in campagna elettorale, ma la risposta dei cittadini impone una riflessione”.

Che fine farà il Pd?
“Siamo di fronte a una sconfitta che va oltre perfino alle peggiori previsioni. Bisogna prenderne atto e rimettere in discussione tutto, coinvolgendo iscritti ed elettori. L’unica via maestra è quella di un congresso nei tempi giusti”.

Renzi ha distrutto il Pd?
“Mi ero espresso criticamente nei confronti di Renzi già dal congresso nazionale decidendo di non sostenerlo, perché, dopo la sconfitta del referendum, avevo capito che da parte dell’opinione pubblica e dei cittadini molto era cambiato nei nostri confronti. Ecco perché dico che non siamo arrivati in tempo, perché già da allora si potevano fare scelte diverse e prendere contromisure per rispondere alle esigenze dei cittadini. Ora, anche se tardivamente e a fronte di una sconfitta cocente, dobbiamo cambiare tutto perché in gioco c’è il progetto del Pd”.

Ci sarà una prospettiva di governo?
“La parola sta a chi ha vinto le elezioni, pur non avendo una maggioranza parlamentare. Non so quale sarà lo scenario ed è difficile fare previsioni perché bisogna capire i margini di dialogo del Movimento 5 stelle e come il centrodestra risolverà il problema della leadership. L’incertezza è molta”.

Brucia questa sconfitta?
“E’ molto pesante e mi auguro che si determinino le condizioni perché l’Italia abbia un governo e possa fronteggiare una situazione non risolta con difficoltà che sono aperte e non affrontabili con le promesse della campagna elettorale, ossia col reddito di cittadinanza, la flat tax e questo tipo di propaganda”.

Come vede le elezioni di Viterbo?
“Dopo questi risultati, abbiamo bisogno di fare una seria riflessione perché è cambiato tutto rispetto a 5 ani fa”.

Cosa c’è nel suo futuro?
“Per adesso, qualche ora di riposo e poi il fatto che non smetterò di dedicarmi alla politica perché mi piace farla a prescindere dal ruolo o incarico che posso ricoprire. Mi dedicherò a proseguire il mio impegno, sempre molto appassionatamente.

Ringrazio chi mi ha sostenuto e chi ha dato una mano, il Pd, i circoli e gli amministratori locali. Gli uomini e le donne che si sono messi in gioco, poi i cittadini che, con il loro consenso, hanno voluto attribuirmi fiducia. Non è finito nulla, è solo una sconfitta, dura, ma da questa bisogna trarre gli insegnamenti utili a ripartire e rinnovare quei valori che ci hanno fato nascere e che servono all’Italia”.

Fioroni, interpellato, preferisce invece non dichiarare.

Paola Pierdomenico


Condividi la notizia:
6 marzo, 2018

Elezioni politiche e regionali 2018 ... Gli articoli

  1. Polverini, Gasparri, Bongiorno dalla Tuscia al parlamento
  2. Fioroni fuori, Sabatini il più votato di FI ma non eletto
  3. "A Ronciglione Pd al 67,85% e M5s al 59,33%”
  4. "Zingaretti non ha la maggioranza, abbia approccio costruttivo con l'opposizione"
  5. Eletti Silvia Blasi ed Enrico Panunzi
  6. Oltre un milione di voti per Zingaretti (33,26%) - Parisi (31,49 %) - Lombardi (27,26 %)
  7. Fioroni, buona incidenza sulla coalizione di centrosinistra
  8. "Zingaretti può costituire una risorsa per il Pd"
  9. Zingaretti presidente ma a Viterbo "vince" Parisi
  10. I tre consiglieri viterbesi saranno due: Panunzi e Blasi
  11. "Il mio ingresso in regione? E' legato al fattore 'C'"
  12. Daniele Sabatini il più votato a Viterbo
  13. Zingaretti presidente (33,23%) - Parisi (31,44 %) - Lombardi (27,20 %)
  14. "Una Tuscia connessa e al centro di un processo di sviluppo"
  15. "Salvini deve fare il presidente del consiglio"
  16. "Il centrodestra è unito e da qui ripartiamo"
  17. Panunzi rieletto e al comitato elettorale è festa
  18. "300mila voti in più nel Lazio rispetto alle politiche"
  19. Zingaretti verso la riconferma
  20. Zingaretti primo tallonato da Parisi
  21. Panunzi fa il pieno di preferenze a Viterbo, segue Daniele Sabatini
  22. Zingaretti torna in testa, Parisi secondo e terza Lombardi
  23. Parisi in testa, Zingaretti terzo
  24. "Continuerò il mio impegno politico al servizio della mia comunità"
  25. Gioia, sonno e tanta voglia di partire con "un'altra storia"...
  26. Parisi supera Lombardi, Zingaretti sempre primo
  27. Rotelli deputato, Battistoni e Fusco senatori
  28. Zingaretti al 34,4%, Lombardi al 31,9% e Parisi al 26,8%
  29. Mauro Rotelli eletto deputato
  30. Umberto Fusco eletto senatore
  31. Fioroni fuori dal parlamento, nell'uninominale è terzo
  32. Matteo Salvini: “A Viterbo abbiamo ottenuto il 18,05%”
  33. Fioroni fuori dal parlamento, nell'uninominale è terzo
  34. Flop di Boldrini, D'Alema, Grasso e Franceschini
  35. Rotelli (FdI) e Battistoni (FI) i più votati a Viterbo, M5s primo partito
  36. A Viterbo, Rotelli 16mila voti e Battistoni quasi 15mila
  37. A Viterbo, Rotelli 16mila voti e Battistoni quasi 15mila
  38. Mauro Rotelli (FdI) e Francesco Battistoni (FI) verso la vittoria
  39. Mauro Rotelli (FdI) e Francesco Battistoni (FI) avanti
  40. “Un'ora e quaranta per votare e la gente se ne andava..."
  41. Politiche e regionali - Affluenza e risultati
  42. Nella Tuscia ha votato il 76,04%
  43. Movimento 5 stelle primo partito con oltre il 30%
  44. Battistoni 194 voti, Cozzella 146, Mazzoli 122
  45. Movimento 5 stelle primo partito, centrodestra prima coalizione
  46. Nicola Zingaretti avanti
  47. Movimento 5 stelle primo partito
  48. Due ore per votare... Vergogna! Vergogna! Vergogna!
  49. Alle 19 ha votato il 56,76%
  50. Alle 12 ha votato il 17,59%
  51. Politiche e regionali - Affluenza e Risultati
  52. "Dopo cinque anni di Zingaretti il Lazio è diventata una regione peggiore"
  53. "Nella Tuscia più impulso a mobilità, turismo e distretto di Civita"
  54. "Due le priorità per la Tuscia: Belcolle e il comparto della ceramica"
  55. "La Tuscia deve essere al centro di un processo di sviluppo"
  56. "Il M5s sta portando avanti una rivoluzione morale e culturale"
  57. "Il vero rischio per il paese è rappresentato da Salvini e Di Maio"
  58. "I 5 stelle vogliono illuminare la scena politica"
  59. “Lavoro, ambiente e lotta alle disuguaglianze"
  60. "Lavoro, sicurezza e rilancio del territorio"
  61. Elezioni politiche e regionali, ecco come si vota
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR