Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

Lezioni-di-democrazia-560x80

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il 22 marzo nella sala conferenze dell'archivio di stato

Lisa Roscioni presenta “La badessa di Castro”

Viterbo - L'archivio di stato

Viterbo – L’archivio di stato

Viterbo – Nell’ambito dei consueti appuntamenti con la memoria l’archivio di stato di Viterbo organizza una serie di incontri che avranno per oggetto le sorgenti della conoscenza e l’uso delle fonti nella letteratura.

La relazione dell’opera letteraria con le fonti e con la loro trasmissione rappresenta oggetto di profondo interesse per chi tutela, conserva e valorizza il nostro patrimonio documentario.

Sono molte le varianti di questo uso alla base dell’opera letteraria, ed è parte del lavoro di ricostruzione della storia delle carte e del loro contesto anche la “manipolazione” compiuta dall’autore, sia deliberatamente sia come esito di una tradizione.

La proposta è stata accolta con entusiasmo dagli autori già incontrati e da quelli che hanno aderito al nostro invito a partecipare a questo nuovo ciclo per costruire un laboratorio della scrittura con al centro le fonti e gli strumenti per la loro critica.

Il primo incontro sarà dedicato a Lisa Roscioni con “La badessa di Castro. Storia di uno scandalo” all’archivio di stato di Viterbo, nella sala conferenze il 22 marzo alle 16.

Un manoscritto rubato, una città in rovina, una relazione proibita: sono questi gli ingredienti di una storia che attraversa i secoli.

La badessa di un convento cistercense (originariamente situato a Viterbo e poi trasferito a Castro, antica capitale del ducato farnesiano nel Lazio settentrionale) intreccia una relazione con il suo vescovo, e ne ha segretamente un figlio. Il fatto però viene scoperto e i due vengono processati.

La storia di questo scandalo cinquecentesco, aggiustata a scopo edificante dalle cronache che l’hanno tramandata, piacque a Stendhal che ne trasse spunto per una delle sue narrazioni più famose.

Basato sugli atti originali del processo, ritrovati dopo secoli, questo libro ricostruisce la vera storia del vescovo e della badessa restituendo un vivido spaccato del mondo e delle circostanze nelle quali lo scandalo maturò ma anche la nascita di un mito letterario.

13 marzo, 2018

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR