--

--

Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cultura - Il Quartetto Werther in scena sabato pomeriggio con la musica da camera

Schumann e Brahms all’auditorium di Santa Maria in Gradi

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

Viterbo - Santa Maria in Gradi

Viterbo – Santa Maria in Gradi

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Il concerto del prossimo sabato 17 marzo all’università degli studi della Tuscia di Viterbo ha per protagonista il Quartetto Werther, fondato a Roma nel 2016 da quattro giovani e validissimi musicisti. 

Tutti i suoi componenti, con rilevanti esperienze concertistiche rese possibili dagli insegnamenti di numerosi e illustri maestri, alternano l’attività cameristica a quella solistica; hanno ottenuto premi e riconoscimenti in concorsi nazionali e internazionali e si sono esibiti per alcuni dei più importanti enti musicali italiani, in prestigiosi teatri e sale da concerto.

Come formazione risultano vincitori del primo premio assoluto del concorso nazionale “Sergio Cafaro” di Magliano Sabina 2017 e del 18esimo concorso “Rivera Etrusca” di Piombino. Il Quartetto Werther è composto da Antonino Fiumara, pianoforte; Misia Iannoni Sebastianini, violino; Martina Santarone, viola e Simone Chiominto, violoncello.

Il programma prevede due capolavori della letteratura cameristica: il Quartetto per archi e pianoforte in Mib op. 47 di Robert Schumann e il Quartetto per pianoforte e archi in Do minore op. 60 di Johannes Brahms.

Il concerto si terrà all’auditorium di Santa Maria in Gradi e avrà inizio alle 18.

Franco Carlo Ricci –  Centro musicale internazionale

13 marzo, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR