--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Elezioni regionali - Viterbo - Enrico Panunzi, nel commentare la sua rielezione a consigliere, si dice pronto a continuare il lavoro alla Pisana sempre a favore del territorio

“Zingaretti può costituire una risorsa per il Pd”

Condividi la notizia:

Enrico Panunzi

Enrico Panunzi

Viterbo – (p.p.) – Nuovo mandato nuova la corsa. Anche se poi proprio nuovo non è, visto che Enrico Panunzi sa bene cosa lo attende per i prossimi cinque anni. E’ stato rieletto consigliere col Pd dopo la riconferma di Zingaretti alla Regione. “Per continuare, insieme” era il suo slogan. E di fatto continuerà a frequentare la Pisana.

Come 5 anni fa porta a casa una valanga di preferenze. “Un risultato che è una soddisfazione personale e il frutto della gente che ha potuto scegliere chi votare”. Ora assicura che continuerà a farsi “portavoce delle istanze del territorio per portare a termine le battaglie avviate in precedenza”.

Ha ottenuto una grande affermazione.
“Sono ampiamente soddisfatto – dice Panunzi – sia a livello personale che per il presidente Zingaretti che, in questo momento di macerie, per me può costituire una delle pochissime risorse per il Pd. Un risultato derivante dalla tantissima gente che ho conosciuto in questi cinque anni girando per la provincia”.

Persone che le hanno quindi riconfermato la fiducia permettendole di continuare il suo lavoro.
“Lavoro che, in realtà, non è mai finito. Non ha subìto stop. Mi impegnerò per la Orte-Civitavecchia e per il completamento dell’ospedale di Viterbo. Voglio portare le istanze del territorio in Regione, me ne farò portavoce come ho sempre fatto”.

Zingaretti è il primo presidente riconfermato.
“Questo la dice lunga e ha una doppia valenza, sia amministrativa, derivante dal fatto che abbiamo risanato la ragione, che politica perché Zingaretti è riuscito laddove tutti hanno fallito e cioè a creare una coalizione ampia”.

Il Pd a Viterbo ottiene il 25% e va meglio che nel resto delle province.
“Ne sono contento, anche alle politiche, per esempio nel mio paese, a Canepina, o anche ad Acquapendente, ha preso le percentuali più alte sia alla Camera che al Senato”. 

Come giudica, invece, il dato nazionale?
“E’ la rivoluzione di Renzi, tanto annunciata e spesso mancata, specie all’interno del partito”.

Cosa ha più determinato la sconfitta?
“Il fatto che il Pd sia visto non come un partito innovatore, ma che rappresenta lo status quo, l’establishment e la conservazione. A torto o a ragione, per me a torto, però di fatto è questa l’idea che passa”.

E la decisione di Renzi di volersi dimettere solo dopo la formazione di un governo? Non era meglio farlo subito?
“Non sta a me dirlo. Credo solo che il partito non debba essere un fortino delle maggioranze e delle minoranze o un luogo di scontro tra chi ha più o meno numeri. Il partito è un qualcosa di collegiale e come tale deve essere vissuto. Mi pare che non sia così”.

Fioroni è fuori dal parlamento. Come la vede?
“E’ un trend generale – dice -, colpisce il dato di Viterbo città che è altamente negativo”.

Il Pd che fine farà, si risolleverà?
“Se avessi avuto certe capacità di previsione mi avrebbero dato il Nobel o quantomeno un riconoscimento…”.

Che impronta darà al suo mandato?
“Sarà nel segno della continuità e un percorso in sincronia con i programmi del presidente con cui è nato un rapporto politico, amministrativo e personale che è stata una delle migliori cose di questa mia esperienza nei cinque anni trascorsi. Grazie agli elettori, grazie ai cittadini e grazie soprattutto al fatto che siano loro a decidere”.


Condividi la notizia:
7 marzo, 2018

Elezioni politiche e regionali 2018 ... Gli articoli

  1. Polverini, Gasparri, Bongiorno dalla Tuscia al parlamento
  2. Fioroni fuori, Sabatini il più votato di FI ma non eletto
  3. "A Ronciglione Pd al 67,85% e M5s al 59,33%”
  4. "Zingaretti non ha la maggioranza, abbia approccio costruttivo con l'opposizione"
  5. Eletti Silvia Blasi ed Enrico Panunzi
  6. Oltre un milione di voti per Zingaretti (33,26%) - Parisi (31,49 %) - Lombardi (27,26 %)
  7. Fioroni, buona incidenza sulla coalizione di centrosinistra
  8. Zingaretti presidente ma a Viterbo "vince" Parisi
  9. I tre consiglieri viterbesi saranno due: Panunzi e Blasi
  10. "Il mio ingresso in regione? E' legato al fattore 'C'"
  11. Daniele Sabatini il più votato a Viterbo
  12. Zingaretti presidente (33,23%) - Parisi (31,44 %) - Lombardi (27,20 %)
  13. "Una Tuscia connessa e al centro di un processo di sviluppo"
  14. "Salvini deve fare il presidente del consiglio"
  15. "Le dimissioni non si annunciano, si danno"
  16. "Il centrodestra è unito e da qui ripartiamo"
  17. Panunzi rieletto e al comitato elettorale è festa
  18. "300mila voti in più nel Lazio rispetto alle politiche"
  19. Zingaretti verso la riconferma
  20. Zingaretti primo tallonato da Parisi
  21. Panunzi fa il pieno di preferenze a Viterbo, segue Daniele Sabatini
  22. Zingaretti torna in testa, Parisi secondo e terza Lombardi
  23. Parisi in testa, Zingaretti terzo
  24. "Continuerò il mio impegno politico al servizio della mia comunità"
  25. Gioia, sonno e tanta voglia di partire con "un'altra storia"...
  26. Parisi supera Lombardi, Zingaretti sempre primo
  27. Rotelli deputato, Battistoni e Fusco senatori
  28. Zingaretti al 34,4%, Lombardi al 31,9% e Parisi al 26,8%
  29. Mauro Rotelli eletto deputato
  30. Umberto Fusco eletto senatore
  31. Fioroni fuori dal parlamento, nell'uninominale è terzo
  32. Matteo Salvini: “A Viterbo abbiamo ottenuto il 18,05%”
  33. Fioroni fuori dal parlamento, nell'uninominale è terzo
  34. Flop di Boldrini, D'Alema, Grasso e Franceschini
  35. Rotelli (FdI) e Battistoni (FI) i più votati a Viterbo, M5s primo partito
  36. A Viterbo, Rotelli 16mila voti e Battistoni quasi 15mila
  37. A Viterbo, Rotelli 16mila voti e Battistoni quasi 15mila
  38. Mauro Rotelli (FdI) e Francesco Battistoni (FI) verso la vittoria
  39. Mauro Rotelli (FdI) e Francesco Battistoni (FI) avanti
  40. “Un'ora e quaranta per votare e la gente se ne andava..."
  41. Politiche e regionali - Affluenza e risultati
  42. Nella Tuscia ha votato il 76,04%
  43. Movimento 5 stelle primo partito con oltre il 30%
  44. Battistoni 194 voti, Cozzella 146, Mazzoli 122
  45. Movimento 5 stelle primo partito, centrodestra prima coalizione
  46. Nicola Zingaretti avanti
  47. Movimento 5 stelle primo partito
  48. Due ore per votare... Vergogna! Vergogna! Vergogna!
  49. Alle 19 ha votato il 56,76%
  50. Alle 12 ha votato il 17,59%
  51. Politiche e regionali - Affluenza e Risultati
  52. "Dopo cinque anni di Zingaretti il Lazio è diventata una regione peggiore"
  53. "Nella Tuscia più impulso a mobilità, turismo e distretto di Civita"
  54. "Due le priorità per la Tuscia: Belcolle e il comparto della ceramica"
  55. "La Tuscia deve essere al centro di un processo di sviluppo"
  56. "Il M5s sta portando avanti una rivoluzione morale e culturale"
  57. "Il vero rischio per il paese è rappresentato da Salvini e Di Maio"
  58. "I 5 stelle vogliono illuminare la scena politica"
  59. “Lavoro, ambiente e lotta alle disuguaglianze"
  60. "Lavoro, sicurezza e rilancio del territorio"
  61. Elezioni politiche e regionali, ecco come si vota
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR