Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

Lezioni-di-democrazia-560x80

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Anche tu redattore - Fabrica di Roma - La segnalazione esasperata di Véronique Bradley

“Buche, il nostro paese è peggio del terzo mondo”

Fabrica di Roma - Strada Falerina piena di buche

Fabrica di Roma – Strada Falerina piena di buche

Fabrica di Roma – Riceviamo e pubblichiamo – Sono forse l’unica automobilista che non sopporta più lo stato delle strade della nostra regione?

Perché se anche voi siete stufi, che cosa possiamo fare perché il consigliere dei Lavori pubblici della regione Lazio cominci a capire che i cittadini non accettano più che le strade non vengano riparate e che il nostro paese sia peggio del terzo mondo?

Perché coloro che tra di voi viaggiano sanno bene che la situazione qui è ben peggiore che da altre parti in Europa e perfino che in Africa.

Citerò come esempio la SP 25 e la SP Vignanellese, due strade che portano da Fabrica di Roma a Viterbo e sono fondamentali in qualità di via di comunicazione. Potrei citarne altre, quasi tutte le SP in effetti, ma la lista sarebbe troppo lunga.

Il bordo delle strade è invaso dalle erbacce, i parapetti di sicurezza sono danneggiati, i cartelli stradali non si leggono più perché sbiaditi e nascosti da rovi, le strisce bianche non esistono più e soprattutto l’asfalto rattoppato si disintegra ogni giorno di più!

Risultato? Gli incidenti stradali sono sempre più frequenti, causati da gomme che scoppiano squarciate dalle buche, ammortizzatori distrutti da superficie delle strade ormai molto compromesse, veicoli che vanno a zig zag, in modo imprevedibile, per evitare dette buche, impossibilità di guidare al tramonto, di notte o con nebbia, vista l’assenza delle strisce bianche che dovrebbero aiutare chi guida.

Tutto ciò implica spese sempre più ingenti per riparare danni importanti provocati da strade impraticabili e pericolose. E come poter accettare il ridicolo tappa buchi con asfalto caldo in crateri pieni di acqua piovana? Lo sanno anche i bambini che il bitume non aderisce in buche piene di acqua.

Spese enormi e tempo perso inutilmente. Siamo tutti testimoni della tecnica usata per cercare di tappare inutilmente. Ogni cittadino proprietario di una macchina paga una tassa annuale. Dove vanno questi soldi? Non dovrebbero forse servire a riparare in modo adeguato il manto stradale? Non stringiamoci nelle spalle dicendo che questa è l’Italia.

Perchè accettare passivamente il non operato delle autorità al potere? Siamo noi che paghiamo i loro stipendi. Riparare le strade rappresenta un investimento valido che darebbe lavoro a molta gente che a sua volta spenderebbe e farebbe così girare l’economia locale. Evidente, no?

Cari amici e concittadini facciamo sentire le nostre voci: contattate anche voi le testate giornalistiche locali, pubblicate i vostri reclami, inviate mail alla regione Lazio. Possiamo cambiare questa situazione insopportabile se riusciamo a essere numerosi a farci sentire.

Véronique Bradley


Anche tu redattore – le segnalazioni dei lettori

Chiediamo a tutti i lettori di segnalare ogni situazione interessante giornalisticamente.

Un ingorgo nel traffico, una festa, una sagra, un incidente, un incendio o qualsiasi situazione che secondo voi merita attenzione a Viterbo e in tutta la Tuscia. Basta azionare il telefonino, fotografare e scrivere due righe con nome e cognome inviandole alla redazione, specificando se si vuole essere citati nell’articolo e/o come autori delle foto, e far riferimento all’iniziativa “Anche tu redattore”. In ogni caso va inserito un proprio contatto telefonico (preferibilmente cellulare) che, ovviamente, non sarà reso pubblico. Le foto e i video devono essere realizzate da chi fa la segnalazione. 

Puoi inviare foto, video e segnalazioni a redazione@tusciaweb.it. In questo caso i testi vanno inviati in allegato in word.

Puoi anche usare WhatsApp con questo numero 338/7796471 senza nessun costo.

Insieme potremo fare un giornale sempre più efficace e potente al servizio dei cittadini della Tuscia. I materiali inviati non vengono restituiti e divengono di proprietà della testata.

Tutti i materiali inviati alla redazione, attraverso qualsiasi forma e modalità, si intendono utilizzabili in ogni forma e modo e pubblicabili. I materiali non vengono restituiti. Le foto verranno marchiate con “Tusciaweb copyright”

15 aprile, 2018

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR