--

--

Tutankhamon-560x80

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - L'ex moglie lo accusa di averla minacciata e picchiata, i figli lo difendono: assolto

“Papà stava in ginocchio e supplicava la mamma di restare”

Viterbo - Tribunale

Viterbo – Tribunale

Nepi – (sil.co.) – “Papà stava in ginocchio e supplicava la mamma divrestare”. L’ex moglie lo accusa, i figli lo difendono a spada tratta, il giudice lo assolve dopo cinque anni dall’accusa di violenza privata.

“Sei mia moglie, con te posso fare quello che voglio”. Secondo l’accusa, prima si sarebbe inginocchiato a terra per implorarla di tornare con lui, poi l’avrebbe convinta a sedersi sul letto “solo per parlare”, infine le avrebbe messo le mani addosso e quando lei si è ribellata all’approccio sessuale l’avrebbe insultata, minacciata e cacciata di casa impedendole di portarsi via le sue cose.

Era l’11 novembre 2013 e l’uomo, ex marito di una 46enne di Nepi, è finito sotto processo davanti al giudice Giacomo Autuzi. 

La coppia era separata da pochi mesi. “Me ne aveva fatte tante. Una volta, a un pranzo, ha anche minacciato di spararmi con la pistola – ha spiegato la presunta vittima – quel giorno, accompagnata da un’amica, ero tornata a casa per prendere i miei indumenti e la mia biancheria. Lui è arrivato e con la scusa di parlarmi mi ha portata in camera da letto, chiedendomi in ginocchio di perdonarlo e di fare pace”.

Dalle suppliche all’esplosione di violenza il passo sarebbe stato breve.

Ma i figli della coppia, rimasti a vivere col padre e presenti all’episodio, hanno negato tutto.

“La porta era aperta e non sono mai rimasto soli. La mamma era seduta sul letto, urlava e piangeva. Il babbo era in ginocchio e la supplicava di restare insieme per noi figli. Ma era calmo. Lui non ha fatto nulla”, hanno detto sotto giuramento, spiegando di non avere più rapporti con la donna e di vivere assieme al padre.

La stessa accusa ha chiesto l’assoluzione. Prontamente accordata dal giudice Autizi. 

23 aprile, 2018

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564