--

--

Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Salirà sul palco sabato 21 aprile alle 18 all'auditorium di Santa Maria in Gradi

Quartetto Sherazade in concerto all’Università della Tuscia

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

Viterbo - Università della Tuscia - Santa Maria in Gradi

Viterbo – Università della Tuscia – Santa Maria in Gradi

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Il concerto di sabato 21 aprile all’Università degli Studi della Tuscia-Viterbo (Auditorium di S. Maria in Gradi, ore 18) sarà tenuto da quattro solisti di grande valore che si esibiscono, talvolta, anche  in formazione cameristica denominata Quartetto Sherazade.

Tutti vincitori di numerosi e importanti concorsi nazionali ed internazionali e molto attivi nel concertismo in Italia e all’estero, sono: Michelangelo Carbonara, pianoforte; Giorgio Sasso, violino; Lorenzo Fabiani, viola; Paolo Andriotti, violoncello.

Il programma proposto prevede due capolavori – nell’ambito della letteratura del Quartetto con pianoforte – di compositori che, dopo più di due secoli, fanno ancora, giustamente, la fortuna degli enti concertistici che li inseriscono in cartellone: Wolfgang Amadeus Mozart, del quale verrà eseguito il Quartetto in sol minore KV 478, e Robert Schumann di cui si potrà ascolare il Quartetto in mi bemolle maggiore op. 47.

Franco Carlo Ricci
Unitus


Programma

Wolfgang Amadeus Mozart
(Salisburgo, 1756-Vienna, 1791)
Quartetto in sol minore KV 478
Allegro; Andante cantabile; Allegro

Robert Schumann
(Zwickau, 1810-Bonn, 1856)
Quartetto in mi bemolle maggiore op. 47
Sostenuto assai-Allegro ma non troppo; Scherzo; Andante cantabile; Finale


Paolo Andriotti

Già Primo Violoncello dell’Orchestra del Teatro Vittorio Emanuele di Messina e docente di violoncello ai corsi preaccademici del Conservatorio Santa Cecilia di Roma, è ora libero professionista e stimato insegnante. Diplomato nel 1999 col massimo dei voti al Conservatorio di Verona, sì è formato in seguito alle scuole di Enrico Bronzi e Mario Brunello.

Vincitore del premio S.I.A.E nel 1998, ha suonato da solista con l’orchestra giovanile di Bochum, con l’orchestra della Fondazione Arena di Verona, con la Cappella Musicale “Enrico Stuart Duca di York” e altre orchestre da camera. Apprezzato nei concerti per violoncello solo (Positano Mith Festival 2011, Fiera delle Parole di Padova 2011-2014 dove ha eseguito tra l’altro l’integrale delle suite di Bach, Festival Sublacense 2012-2013, Camera Musicale Romana 2012, Concerto al Biblioigloo di Andalo (TN) 2015), come camerista collabora stabilmente con il Warhol Piano Quartet e il pianista Monaldo Braconi; tra le collaborazioni si annoverano inoltre i nomi di Carlo Maria Parazzoli, Marco Rogliano, Giulio Rovighi, Dora Shwarzberg, Massimiliano Ferrati, Fabio Paggioro, Carlo Boccadoro, Louis Bacalov.

Con Mario Brunello e 24 violoncellisti ha partecipato all’edizione 2010 del festival suoni delle Dolomiti. Nella contemporanea ha collaborato con “Algoritmo Ensemble”, Prometeo Ensemble di Parma, Freon Ensemble e PMCE, registrando per Radio3, Radio Kartner (A), Skyclassica e il “Pierrot Lunaire” di Arnold Schonberg diretto da Marco Angius per Stradivarius che ha riscosso notevoli apprezzamenti dalla critica internazionale inclusa una critica di “The Guardian”. Ha collaborato da prima parte con l’Internazionale d’Italia, la Respighi di Latina, la Regionale del Lazio, la Franco Ferrara di Roma, la Roma Sinfonietta, l’Orchestra del Teatro Massimo Bellini di Catania. Con altri ruoli, con l’Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova e dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, incontrando direttori e solisti quali J. Mena, K. Masur, A. Pappano, G. Rozdestvenskij, W. Marshall, E. Morricone, U. Ughi, L. Kavakos, B.Lupo, J. Fisher, C. Gasdia, J. Carreras e R. Bruson.

È stato violoncellista dell’orchestra da Camera “I Solisti Aquilani”, con i quali ha effettuato una tournée italo-francese in importanti sale concertistiche (Auditorium Cariplo di Milano, Cité de La Musique di Strasburgo, Chiesa di Saint Mery di Parigi) e collaborazioni con Giovanni Sollima e Alessandro Carbonare.


Lorenzo Fabiani

Lorenzo Fabiani si è diplomato al Conservatorio “F. Morlacchi” di Perugia con il massimo dei voti. Si è perfezionato in Italia con P. Vernikov e Z. Gilels, a Vienna con E. Chugajeva e ad Augsburg con Lydia Dubrovskaja presso l’Hochschule für Musik NürnbergAugsburg, dove ha conseguito il “Kuenstlerisches Diplom”. Ha inoltre frequentato l’Accademia di Perfezionamento del Teatro alla Scala per Professori d’Orchestra, l’Accademia del Trio di Trieste a Duino e i corsi del M° Giuranna presso l’Accademia W. Stauffer di Cremona.

Dal 2002 ha svolto una intensa attività orchestrale collaborando con l’orchestra dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia di Roma, l’orchestra Haydn di Bolzano e Trento, l’orchestra Sinfonica della RAI di Torino e l’orchestra Filarmonica Toscanini, suonando sotto la guida dei maggiori direttori del nostro tempo: E. Inbal, C. Dutoit, M. Rostropovich, M.W. Chung, G. Pretre, Y. Temirkanov, K.Masur, Z. Metha, L. Maazel. Ha collaborato inoltre come primo violino di spalla con l’Orchestra Internazionale d’Italia, il Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto e attualmente con “Roma Sinfonietta”. Dal 2009 al 2016 è stato membro dei “Solisti Aquilani”.

Svolge un’intensa attività anche come camerista e solista, che lo ha portato ad esibirsi in duo e in varie formazioni da camera per diverse associazioni musicali a Terni, Foligno, Perugia, Roma, Fiuggi, Caserta, Catania, Jesi, Bologna, Milano, La Spezia, Civitavecchia, Stresa, Trieste, Vienna, Augsburg, Monaco di Baviera.

Ha registrato per Radio Classica e ha inciso per “Brillant Classics” e Bongiovanni-Bologna. E’ direttore artistico dell’Accademia Musicale Sherazade di Roma.


Michelangelo Carbonara

Michelangelo Carbonara deve la sua formazione pianistica principalmente alle personalità di Sergio Perticaroli, William Grant Naboré e Fou Ts’ong.

Intrapresi gli studi musicali a cinque anni, a sei comincia a comporre e ad esibirsi in pubblico. Si diploma nel 1996 con il massimo dei voti sotto la guida di Fausto Di Cesare.

Nel 1999 termina il corso di perfezionamento triennale presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia con il massimo dei voti, vincendo inoltre la borsa di studio quale migliore diplomato dell’anno nella classe di Sergio Perticaroli.

Si è inoltre perfezionato presso il Mozarteum di Salisburgo e l’Academie Musicale di Villecroze, in Francia. Ha seguito masterclasses tenute da Bruno Canino, Dominique Merlet e Gyorgy Sandor.

Dal 2001 è stato scelto per seguire le esclusive masterclasses presso l’International Piano Academy Lake-Como presieduta da Martha Argerich. Ha studiato pianoforte con Maestri del calibro di Leon Fleisher, Dimitri Bashkirov, Claude Frank, Menahem Pressler, Andreas Staier, Peter Frankl e Alicia De Larrocha, Aldo Ciccolini.

E’ vincitore di 17 premi in concorsi internazionali (tra cui lo Schubert di Dortmund).

Nel 2003 ha esordito in Cina e nel giugno 2007 alla Carnegie Hall di New York. Oggi la sua carriera lo porta a esibirsi in numerosi paesi del mondo.
In Italia ha suonato in alcune tra le sale più prestigiose, come l’Auditorium Parco della Musica a Roma, l’Auditorium e la Sala Verdi a Milano e il Lingotto di Torino.

Ha inciso per Papageno, Tactus e Suonare Records. Per Brilliant Classics ha inciso nel 2008 l’integrale delle opere pianistiche di Maurice Ravel, nel 2009 un cd di musica per pianoforte solo di Nino Rota e un doppio cd con esecuzioni di sonate di Domenico Scarlatti, nel 2013 un Concerto per pianoforte e orchestra all’interno di un cd dedicato alle composizioni di Manuel De Sica. Per Piano Classics ha inciso nel 2011 tre sonate di Schubert per Piano Classics, nel 2015 l’integrale delle sonate di Carl Maria von Weber.

Nel 2007 inoltre è diventato uno tra gli artisti sostenuti dal CIDIM, all’interno del Fortuna Piano Trio. In tale formazione (con Markus Placci al violino e Kyung Mi Lee al violoncello) si è esibito con successo in un tour che ha toccato quattro diversi Paesi del Sudamerica (Brasile, Argentina, Cile e Uruguay). E’ stato inoltre realizzato un cd per la Nascor-Ysaye Records-Harmonia Mundi con brani di Schubert e Brahms.

Fin dal 1996 ha suonato in duo con numerosi violinisti, violisti, violoncellisti, flautisti e clarinettisti. E’ esecutore ufficiale delle musiche pianistiche del compositore Cristian Carrara ed ha registrato anche un cd interamente dedicato a tale repertorio (A Piano Diary, edizioni Egea, 2011). Dal 2006 si esibisce anche nella doppia veste di direttore d’orchestra e solista, oltre ad eseguire repertorio pop e jazz sia in qualità di pianista che in qualità di cantante.
Affianca all’attività concertistica quella didattica, in qualità di insegnante di pianoforte e musica da camera. Ha insegnato musica da camera per l’USAC presso l’Università della Tuscia di Viterbo. Ha inoltre tenuto masterclass in Romania, Cina e Canada.

Attualmente è docente di Pianoforte principale presso il Conservatorio “G. da Venosa” di Potenza.
Nel 2005 è stato scelto quale testimonial della musica italiana al Premio Nazionale delle Arti indetto dal Ministero della Pubblica Istruzione.


Giorgio Sasso

Si è diplomato al Conservatorio di S. Cecilia di Roma con il massimo dei voti e la lode nel 1987 e ha ottenuto il diploma d’onore dell’Accademia Chigiana di Siena nel 1990.

Prima di dedicarsi allo studio della musica antica, ha intrapreso un’intensa carriera di violinista moderno, durante la quale ha collaborato, esibendosi in tutta Europa, Stati Uniti e Giappone, in formazioni cameristiche e in qualità di primo violino solista, con musicisti quali S. Gazzelloni, J. Demus, G. De Peyer, M. Larrieu, e si è esibito in manifestazioni come Musica Insieme al Teatro Comunale di Bologna, Accademia di S. Cecilia di Roma, Ferrara Musica, Ass. A. Scarlatti di Napoli, Micat in Vertice dell’ Accademia Chigiana di Siena, Teatro Municipale di Piacenza, Ente Teatro di Messina, Auditorium della RAI di Roma, Teatro dei Rinnovati a Siena, Teatro Olimpico di Roma, Amici della Musica di Palermo.

In qualità di violinista barocco, è risultato primo classificato al concorso internazionale di Musica antica G. B. Pergolesi (Roma 1992) e si è prodotto in importanti stagioni (Musik Verein di Vienna, Concert Gebow di Amsterdam, Festival International de Musique Baroque a Beaune, Festival de l’Abbaye Royale de Fontevraud, Capitol de Toulouse, Konzerthaus di Vienna, Istituzione Universitaria dei Concerti di Roma, Società Barattelli dell’Aquila, Amici della musica di Perugia, Festival Internazionale di Urbino, Oratorio del Gonfalone a Roma, Vredenburg di Utrecht, al fianco, tra gli altri, di Bob Van Asperen, C. Coin, A. Pay, S.Azzolini, C. Rousset.

Come primo violino solista ha partecipato a produzioni di ensembles come: Concerto Italiano, Wiener Akademie, Orchestra Regionale del Lazio, Ensemble Barocco dell’A. M. R., Orchestra da Camera del Gonfalone, Orchestra da Camera di Roma; come prima viola solista, ha collaborato con Europa Galante. Come direttore dell’Insieme Strumentale di Roma ha effettuato per le etichette Stradivarius, Fuga Libera, Brilliant Classics e Arcana 15 dischi che hanno ottenuto premi come: 5 diapason, 5 stelle di BBC music, “Musica Eccezionale”, segnalazione del premio della Fondazione G.Cini di Venezia, 5 stelle di Goldberg.
Giorgio Sasso è titolare della cattedra di Musica d’insieme per strumenti ad arco presso il Conservatorio Benevento.

16 aprile, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR