--

--

Tutankhamon-560x80

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cultura - Pubblico “agguerrito” per l’ultima passeggiata/racconto del ciclo Ager svolta sotto le insegne del Sistema museale del lago di Bolsena.

Reunion famigliare per “C’era una volta Torre Alfina e la sua gente…”

"C’era una volta Torre Alfina e la sua gente..."

“C’era una volta Torre Alfina e la sua gente…”

"C’era una volta Torre Alfina e la sua gente..."

“C’era una volta Torre Alfina e la sua gente…”

"C’era una volta Torre Alfina e la sua gente..."

“C’era una volta Torre Alfina e la sua gente…”

"C’era una volta Torre Alfina e la sua gente..."

“C’era una volta Torre Alfina e la sua gente…”

"C’era una volta Torre Alfina e la sua gente..."

“C’era una volta Torre Alfina e la sua gente…”

"C’era una volta Torre Alfina e la sua gente..."

“C’era una volta Torre Alfina e la sua gente…”

"C’era una volta Torre Alfina e la sua gente..."

“C’era una volta Torre Alfina e la sua gente…”

"C’era una volta Torre Alfina e la sua gente..."

“C’era una volta Torre Alfina e la sua gente…”

"C’era una volta Torre Alfina e la sua gente..."

“C’era una volta Torre Alfina e la sua gente…”

"C’era una volta Torre Alfina e la sua gente..."

“C’era una volta Torre Alfina e la sua gente…”

"C’era una volta Torre Alfina e la sua gente..."

“C’era una volta Torre Alfina e la sua gente…”

Torre Alfina – Riceviamo e pubblichiamo – Applausi, risate, dialogo a tratti acceso e riflessioni condivise: pubblico “agguerrito” insomma, della serie pochi ma buoni, per l’ultima passeggiata/racconto del ciclo Ager svolta sotto le insegne del Sistema museale del lago di Bolsena.

Si respirava aria di reunion familiare domenica mattina a Torre Alfina, alla partenza della passeggiata/racconto Castello e poderi. C’era una volta Torre Alfina e la sua gente. Viaggio nel paesaggio dell’altipiano. Destinazione: il museo del Fiore.

Accanto al conduttore Antonello Ricci di Banda del racconto, Gianluca Forti direttore del museo e Pietro Tamburini, coordinatore del Simulabo. Protagonisti della passeggiata e genius loci d’eccezione il poeta Angelo D’Orazio, Piero Antonini e Alberto Leandri.

A loro il compito di rievocare le storie dei luoghi (e delle persone che in quei luoghi vissero) toccati lungo l’itinerario della passeggiata. Pillole botaniche e paesaggistiche affidate a Forti.

Il tutto in dialogo con le poesie scritte e recitate da Angelo D’Orazio e gli eleganti componimenti di primo ‘900 (dal sapore carducciano) di Filippo Pacchelli amministratore del marchesato Cahen. Da ultimo si è aggiunto al gruppo Fernando Massi, figlio di Evelina Serafinelli, ultima abitante del casale Giardino, sede del museo del Fiore.

Con questa tredicesima passeggiata si conclude Ager, avventura che ha visto Banda del racconto impegnata da luglio dello scorso anno nella realizzazione di un ambizioso, impegnativo quanto appassionante progetto fatto di ricerca e di performance di restituzione pubblica.

Un programma denso di appuntamenti tutti coronati da buon successo e ottimi consensi di pubblico. Proprio al pubblico delle passeggiate/racconto Banda del racconto indirizza il suo sentito grazie.

Non finisce qui. I “passionisti” di Ager segnino senz’altro in agenda questa data: venerdì 18 maggio (pomeriggio) appuntamento ad Acquapendente, alla vigilia della festa dei Pugnaloni. A presto per maggiori dettagli.

Marco D’Aureli

16 aprile, 2018

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564