--

--

Tutankhamon-560x80

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Arrestato dai poliziotti della volante per due colpi messi a segno in soli quattro giorni, era tornato in libertà

Ubriaco e con un coltello in tasca, denunciato il rapinatore della profumeria

Viterbo - Polizia nel centro storico

Viterbo – Polizia al Sacrario

Il pronto soccorso di Belcolle

Il pronto soccorso di Belcolle

Viterbo – La polizia lo aveva arrestato dopo il secondo colpo, messo a segno a quattro giorni dal primo, nella profumeria Tortelli di via Carlo Cattaneo. Il giudice, pur convalidando l’arresto, lo aveva però rimesso in libertà in attesa del processo. Ma sabato scorso è stato trovato ubriaco al Sacrario e con un coltello di venticinque centimetri in tasca, ed è stato denunciato per porto abusivo d’arma.

Ad accorgersi della lama sarebbero stati i sanitari del 118, intervenuti per soccorrere il 29enne inebriato dall’alcool. Portato al pronto soccorso dell’ospedale di Belcolle, durante il ricovero i medici gli hanno trovato nella tasca un coltello di ben venticinque centimetri. E allertata la polizia, è stato denunciato per porto abusivo d’armi.

Ancora una volta, perché per porto abusivo d’armi (e furto aggravato) il 29enne era addirittura stato arrestato. E solo martedì scorso, quando con una lama di trentatré centimetri nascosta sotto la giacca, intimorendo le commesse, era riuscito a mettere a segno un secondo colpo nella profumeria Tortelli nel quartiere Azzurro. Ma fuori dal negozio c’erano le volanti della polizia ad attenderlo.

Il primo furto – Sono le 18,30 di venerdì 6 aprile quando un 29enne italiano residente a Viterbo, con un complice, entra nella profumeria e fa incetta di prodotti. Ovviamente, all’uscita, l’antitaccheggio suona, e la proprietaria e le commesse del negozio chiedono al giovane di mostrare cosa avesse sotto quel maglione che teneva appoggiato sul braccio. Ma il 29enne, di tutta risposta, apre la giacca e mostra un coltello di trentatré centimetri dal manico rosso. Proprietaria e commesse, intimorite, lasciano andare via la coppia. Ma sporgono denuncia in questura.

Il secondo furto e l’arresto – La polizia avvia le indagini, ma non passano che quattro giorni e i due si ripresentano in profumeria. Riconosciuti dalle commesse, vengono subito allertati gli agenti che si precipitano sul posto con le volanti. Stesso copione. All’uscita dal negozio l’antitaccheggio suona, ma questa volta ad attendere fuori la coppia ci sono i poliziotti. Mentre il complice riesce a darsi alla fuga, il 29enne viene bloccato. Perquisito, oltre alle confezioni di profumo rubate, gli agenti gli trovano nella giacca lo stesso coltello dal manico rosso utilizzato venerdì sera. Il giovane, arrestato per furto aggravato e porto abusivo d’arma, è poi stato rimesso in libertà dal giudice.


 – Armato di coltello ruba in profumeria, arrestato

16 aprile, 2018

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564