Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Sicurezza - Grancini (FdI) all'iniziativa per lanciare la proposta dello steward urbano

“60 migranti in centri che ne potrebbero ospitare 20”

Condividi la notizia:

FdI - L'incontro sulla sicurezza

FdI – L’incontro sulla sicurezza

Emanuele Loperfido

Emanuele Loperfido

FdI - L'incontro sulla sicurezza

FdI – L’incontro sulla sicurezza

Viterbo – (g.f.) – Più sicurezza in città, servono gli steward urbani.

Quando l’idea funziona c’è poco da inventare e Fratelli d’Italia ha già la proposta chiavi in mano. È sufficiente prendere a esempio quanto realizzato a Pordenone e per farselo spiegare bene, stamani hanno invitato Emanuele Loperfido, consigliere comunale FdI nella cittadina friulana, con delega proprio alla sicurezza.

L’esperimento da quelle parti sembra funzionare. “Queste persone – spiega Loperfido – opportunamente formate, registrate e retribuite, girano per la città, nei parchi e se qualcosa non va, chiamano le forze dell’ordine”.

Non è previsto che intervengano, devono solo segnalare. “Ogni volta che chiamano il 112 – fa notare Loperfido – parte la segnalazione, se è sempre per lo stesso punto, il fascicolo aumenta. In un caso, si è ingrandito a tal punto, che la polizia municipale ha effettuato un’operazione in un parco, arrestando 22 persone per spaccio. Erano tutti richiedenti asilo”.

A Pordenone hanno pure fatto altro. “Nel regolamento – continua Loperfido – è previsto che la polizia urbana identifichi soggetti e poi possano essere emessi Daspo urbani, con provvedimento del sindaco o del questore”.

La sicurezza è argomento sentito. “Anche in realtà più piccole – osserva Loperfido – dove, a paragone con città più grandi si sta oggettivamente meglio. Ma non è questo il punto. Noi vogliamo che si preservi lo stesso stile di vita, che la situazione non peggiori”.

Di recente, rappresentanti di Fratelli d’Italia sono stati ricevuti dal prefetto Bruno. “Per quanto riguarda l’accoglienza migranti – spiega Gianluca Grancini – su 1400 ospiti, soltanto 200 sono aventi diritto.

Poi, è stato segnalato come esistono centri in grado d’accogliere venti persone, ma dove a seguito di controlli si è scoperto che ce n’erano 60.

Alcuni, so che li stanno facendo chiudere a seguito di visite da parte della Asl e dei vigili del fuoco”.

All’incontro, oltre a Loperfido e Grancini, pure Costanza Fantucci, Paolo Bozzi, Pierpaolo Pasqua e Vittorio Ioppolo.


Il comunicato di Fratelli d’Italia

Si apre con un omaggio a Falcone, nell’anniversario della strage di Capaci, la conferenza di Fratelli d’Italia sul tema della sicurezza.

È Giuseppe Talucci Peruzzi, portavoce provinciale del partito, ad introdurre l’incontro, sottolineando che: “E’ grazie al sacrificio di uomini come il magistrato Falcone che oggi possiamo essere qui, liberi, a parlare di temi importanti che riguardano tutti noi.”

Diversi i relatori presenti al tavolo, oltre ai candidati al consiglio comunale Costanza Fantucci, Gianluca Grancini, Vittorio Ioppolo e Paolo Bozzi, anche l’assessore comunale Fdi di Pordenone con delega alla sicurezza Emanuele Loperfido, i ed il coordinatore del programma del centrodestra Pierpaolo Pasqua.

“La sicurezza è un tema da sempre nell’agenda del partito – ricordano – già da quando, cinque anni fa proponemmo all’amministrazione il Protocollo Milleocchi, espressamente mirato ad un potenziamento dei sistemi di videosorveglianza e alla messa in rete di telecamere, anche private, al fine di garantire una maggiore tutela dei cittadini.

I recenti fatti di cronaca, con un accoltellamento ed un omicidio, portano purtroppo di nuovo alla ribalta temi per i quali siamo stati sempre tacciati di populismo, quando invece la realtà delle cose dimostra, inequivocabilmente, la drammatica effettività di tali problematiche.

Lo stato di degrado in cui versano i nostri quartieri e lo stato perenne di incertezza con il quale sono costretti a vivere i nostri ragazzi non è più tollerabile, soprattutto in considerazione del fatto che, fino a pochi anni fa, Viterbo era consideratauna cittadina da prendere ad esempio per la tranquillità.

Oggi le cose non stanno più così e si moltiplicano le risse, gli episodi di violenza e le aggressioni, nonostante il grande lavoro che le forze dell’ordine, coordinate dalla Questura, stanno facendo sul territorio, “riconquistando” ad esempio, spazi come Prato Giardino, “zona franca” di rapinatori e spacciatori fino a non molto tempo fa.
Fratelli d’Italia si oppone fermamente a simili derive ed ha elaborato un preciso programma, depositato in Prefettura che si articola in più punti degni di nota.

Si parte dalla nomina del manager per la sicurezza cittadina, all’incremento delle telecamere e dei collegamenti con le centrali operative, passando dal riordino totale del corpo di Polizia Municipale per arrivare alle iniziative già poste in atto a Pordenone, comune che, come molti altri,in Italia, ha fatto della sicurezza dei cittadini il proprio vanto.

E’proprio l’assessore comunale di Pordenone, Emanuele Loperfido, ad entrare nel dettaglio delle politiche intraprese dal centrodestra al governo.

“Dovendo fare i conti contemporaneamente con la limitatezza delle risorse statali, con la ristrettezza dell’organico di polizia e con le primarie esigenze dei nostri concittadini, che chiedevano a gran voce una maggiore garanzia dei loro diritti e della loro libertà di girare indisturbati anche in zone poco consigliate, abbiamo cercato di contemperare i vari aspetti, sfruttando le possibilità offerte dalle prescrizioni del decreto Minniti.

Nel dettaglio, facendo riferimento al dettato normativo in cui si prospetta una collaborazione con le forze di polizia per un’attività di incremento della sicurezza urbana.

Partendo da questo presupposto abbiamo istituito una figura ex-novo, quella di steward appositamente formati in grado di coadiuvare, senza alcun contatto fisico, le forze dell’ordine nel presidio di zone particolarmente sensibili.

Questi operatori vigilano continuamente, sia a piedi che in bicicletta, per garantire l’incolumità delle persone, svolgendo, in sostanza, da deterrente contro possibili fenomeni di violenza.

Oltre agli steward abbiamo anche introdotto il Daspo urbano, ossia la possibilità di allontanare individui potenzialmente pericolosi o che assumono atteggiamenti fastidiosi.

Il risultato di questa campagna mirata ad una maggiore sicurezza e all’affermazione di uno dei principi cardine di Fratelli d’Italia, ossia la tutela dei cittadini, è stata senza dubbio premiante.

Il partito infatti è ben presto passato dal 6 al 12%, segno evidente dell’apprezzamento riscosso dai nostri provvedimenti.”

Fratelli d’Italia – Viterbo


Condividi la notizia:
23 maggio, 2018

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR