--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Feroce omicidio nel centro storico - Gli ultimi giorni di vita del 42enne nel racconto di Vito Ferrante, presidente dell'Afesopsit: "Da un mese era stato preso in carico dal centro di salute mentale" - Il presunto assassino davanti al gip

“Barchi aveva cacciato di casa Pavani…”

di Raffaele Strocchia
Condividi la notizia:

Daniele Barchi

Daniele Barchi

Viterbo – Le ultime settimane di vita di Daniele Barchi nel racconto di Vito Ferrante, il presidente dell’Afesopsit, l’associazione familiari e sostenitori sofferenti psichici della Tuscia. “Daniele era con noi da un paio di mesi, e appena entrato era silenzioso e schivo – dice Ferrante -. Un uomo di poche parole, che non parlava con nessuno. Con me qualche parola la scambiava, ma si allontanava subito. Poi piano, piano ha cominciato ad aprirsi e a raccontarsi. Fino a instaurare un buon rapporto con tutti, ma Daniele era solo e non lavorava. E l’ho convinto ad andare al Centro di salute mentale, dove un mese fa è stato preso in carico dopo un colloquio con un medico”.


Multimedia: Uomo ucciso nel centro storico – Omicidio in via Fontanella del Suffragio – Video


Barchi, 42 anni, viene trovato cadavere martedì sera. Riverso sul pavimento di un garage trasformato in monolocale al civico 16 di via Fontanella del Sufragio, il luogo del delitto. Torturato e massacrato con calci, pugni e schiaffi per quasi due giorni. I poliziotti della questura di Viterbo, che stanno conducendo le indagini, poco dopo l’ora di cena si imbattono in un corpo livido e dal volto tumefatto.



“Già due settimane fa Daniele era venuto in associazione con un occhio rosso – ricorda Vito Ferrante dell’Afesopsit -, e l’ho notato nonostante avesse gli occhiali. Mi ha confidato di aver ricevuto un pugno da un tizio che, uscito dall’Spdc, aveva accolto in casa. ‘L’ho ospitato ma mi tratta malissimo, perché vuole da me delle cose…’. Ma poi si è azzittito e ha smesso di parlare”. Il “tizio” è Stefano Pavani, il sospettato numero uno dell’omicidio. E dal Servizio psichiatrico diagnosi e cura dell’ospedale di Belcolle non era uscito, ma scappato. I poliziotti lo scopriranno martedì sera, quando inserendo il nome del 31enne in banca dati appare la scritta ‘Ricercato’. Da tre giorni è rinchiuso a Mammagialla, dove questa mattina incontrerà il giudice per le indagini preliminari Rita Cialoni. Sarà lei a convalidare il fermo per omicidio volontario e a confermare la custodia in carcere, come chiesto dalla procura, o meno. Mentre Pavani, al cospetto del suo difensore e anche di fronte al pm inquirente Stefano d’Arma, potrebbe raccontare la sua verità o continuare a trincerarsi nel silenzio.

Barchi è stato trovato cadavere poco meno di 48 ore dopo la morte, sopraggiunta al culmine di una mattanza andata avanti per quasi due giorni. Tra sabato 19 e domenica 20 maggio. “Venerdì 18 ho incontrato Daniele intorno alle 11 di sera – dice Vito Ferrante -. Si era appena fatto Viterbo-Bagnaia e Bagnaia-Viterbo a piedi. Aveva messo i vestiti di Pavani in una borsa e glieli aveva riportati a casa, al Serpentone. Lo aveva cacciato perché lo trattava male e lo riempiva di cazzotti. Insieme, quella sera, abbiamo giocato a carte. Daniele si è bevuto un succo di frutta e ha esclamato: ‘Finalmente me ne sono liberato’. Ci siamo visti anche sabato 19, quando gli ho preparato un pacco con pomodori in scatola, tonno, una paio di pacchi di biscotti e la pasta. Economicamente non se la passava bene, anche se aveva appena ottenuto un lavoretto part-time con i computer. Con i computer ci sapeva fare, soprattutto nel creare programmi e progetti. Era in gamba”.



Barchi avrebbe spirato nella notte tra domenica e lunedì. “Domenica, in giornata, mi ha chiamato – prosegue Ferrante -. Voleva 20 euro perché era rimasto al verde e senza tabacco, ma non potevo raggiungerlo. Gli ho detto di arrangiarsi col pacco che gli avevo dato il giorno prima, promettendogli che ci saremmo visti il giorno dopo. Ma non l’ho più sentito, è finta lì”. La furia omicida di Pavani potrebbe essere esplosa dopo che Barchi si sia rifiutato di continuare ad ospitarlo.

“Di Daniele – conclude Ferrante – ricorderò quella frase che mi aveva scritto su Facebook: ‘Grazie ancora di quello che stai facendo per me'”.

Raffaele Strocchia


Condividi la notizia:
26 maggio, 2018

Omicidio nel centro storico ... Gli articoli

  1. "Gli hanno rotto 12 costole, sfondato la cassa toracica, spappolato il cervello"
  2. Omicidio Barchi, condannato a 15 anni Stefano Pavani
  3. Delitto del Suffragio, oggi la sentenza per l'omicida Stefano Pavani
  4. "Nostro figlio massacrato da Pavani, dal pregiudizio e dall'indifferenza..."
  5. "Nostro figlio massacrato da Pavani, dal pregiudizio e dall'indifferenza..."
  6. "Pavani non voleva uccidere, non merita una condanna a 15 anni"
  7. Omicidio del Suffragio, l'accusa chiede 15 anni e 4 mesi per Stefano Pavani
  8. Omicidio del Suffragio, oggi si decide la sorte di Stefano Pavani
  9. Seminfermità per Pavani, da definire la posizione della fidanzata
  10. Omicidio del Suffragio, sarà processato l'assassino di Barchi
  11. Omicidio Barchi, sei periti per stabilire se Pavani è sano di mente
  12. Omicidio Barchi, parti civili i genitori adottivi della vittima
  13. Omicidio Barchi, superperizia psichiatrica per Pavani
  14. Delitto del Suffragio, a processo Stefano Pavani
  15. Omicidio del Suffragio, Pavani sarà giudicato con l'abbreviato
  16. Depositate l'autopsia sulla vittima e la perizia psichiatrica su Stefano Pavani
  17. "Perizia psichiatrica per cristallizzare lo stato mentale di Pavani"
  18. Feroce omicidio in centro, il Riesame: "Pavani resti in carcere"
  19. "Pavani accusato solo dalla fidanzata..."
  20. Feroce delitto in centro, Pavani vuole uscire dal carcere
  21. Delitto del Suffragio, Pavani ricorre contro il carcere
  22. Finito il massacro a pugni e calci, una forchettata al collo
  23. Feroce omicidio in centro, perizia psichiatrica in carcere per Pavani
  24. "Sei venuto a mancare in un modo da non credere..."
  25. Feroce delitto in centro, indagata la fidanzata di Pavani
  26. "Quella di Daniele è una morte assurda..."
  27. "È sempre stato un diavolo, andava fermato prima"
  28. Feroce omicidio in centro, Pavani resta in carcere
  29. Feroce omicidio in centro, Pavani fa scena muta
  30. "Gli piaceva suonare il pianoforte e sperava di poterlo insegnare a qualcuno..."
  31. Il presunto assassino di Barchi sfregiò un occhio a un uomo e lo rese cieco
  32. Pavani e la fidanzata hanno dormito accanto al cadavere
  33. Torturato per due giorni e poi ucciso
  34. Omicidio nel centro storico, 31enne in carcere
  35. Massacrato di botte e ucciso in pieno centro storico
  36. Uomo ucciso in via Fontanella del Suffragio
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR