Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

TW-cliccami-560x60-due-colori

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Chiara Bordi durante la tappa di SuperAbile all’università della Tuscia

“Il bene genera bene”

Viterbo - Il progetto SuperAbile all'Unitus

Viterbo – Il progetto SuperAbile all’Unitus

Viterbo - Il progetto SuperAbile all'Unitus

Viterbo – Il progetto SuperAbile all’Unitus

Viterbo - Il progetto SuperAbile all'Unitus

Viterbo – Il progetto SuperAbile all’Unitus

Viterbo - Il progetto SuperAbile all'Unitus

Viterbo – Il progetto SuperAbile all’Unitus

Viterbo - Il progetto SuperAbile all'Unitus

Viterbo – Il progetto SuperAbile all’Unitus

Viterbo – “Il bene genera bene e martedì ne abbiamo avuto la riprova all’Unitus. E’ bello raccontare la propria storia a chi sa ascoltare”.

Così Chiara Bordi al termine dell’incontro di SuperAbile all’università della Tuscia. Nell’aula magna, nel complesso di Santa Maria in Gradi, la 17enne di Tarquinia, insieme a Lorenzo Costantini, 27enne di Vetralla, martedì scorso, hanno presentato il progetto agli studenti universitari.

Grazie al minuzioso lavoro preparatorio svolto da Matteo D’Angelo, presidente di Univercity e da Yasmin Blazark Arfaro, rappresentante degli studenti nel Cus Viterbo, SuperAbile è andato in scena anche nell’ateneo viterbese.

“E’ stato un bellissimo evento – hanno detto questi ultimi due -. Un evento che ci ha toccato per come Chiara e Lorenzo non solo sono riusciti ad affrontare le conseguenze dell’incidente ma come adesso si stanno facendo portatori, negli scuole della provincia, di un messaggio di speranza e di vita. Dobbiamo dire sinceramente che ci siamo commossi. E’ stata un’esperienza bellissima che senza esitazioni va proposta al maggior numero di persone possibili. Collaborazioni future? Di certo lasceremo un canale aperto con loro. Ci piacerebbe proporre agli studenti anche altri eventi in futuro”.

“E’ stato davvero un onore per noi – ha puntualizzato Alfredo Boldorini, a nome del team – proporre SuperAbile nell’università della Tuscia. Siamo felici che gli studenti universitari abbiano apprezzato il progetto. Queste attestazioni ci spingono a fare ancora di più. A nome del team consentitemi un ringraziamento all’università della Tuscia, al rettore Alessandro Ruggeri, allo staff di Univercity, in particolare al suo presidente Matteo D’Angelo, a Yasmin Blazrk Arfaro per l’opportunità che ci è stata data. Come al solito Lorenzo e Chiara, i veri protagonisti del progetto, con i loro racconti hanno emozionato tutti, arrivando al cuore delle persone”.

17 maggio, 2018

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564