Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Feroce omicidio nel centro storico - La coppia in gita fuori Viterbo il giorno dopo il delitto - Sessuale o economico il movente - La procura ha chiesto la conferma del carcere - Il racconto di una conoscente: "Nel fine settimana Daniele Barchi con il volto livido, come se avesse avuto un incontro di boxe"

Pavani e la fidanzata hanno dormito accanto al cadavere

di Raffaele Strocchia

Condividi la notizia:

Viterbo - Omicidio in via Fontanella del Suffragio - Il fermato Stefano Pavani e la vittima Daniele Barchi

Viterbo – Omicidio in via Fontanella del Suffragio – Il fermato Stefano Pavani e la vittima Daniele Barchi

Viterbo – Due giorni, come l’arancia meccanica che Daniele Barchi ha patito. Una notte, quella che il suo presunto assassino Stefano Pavani e la fidanzata hanno trascorso accanto al suo cadavere. Dormendo. Ma perché Barchi è stato ammazzato? La rosa dei moventi è ampia, ed è sotto la lente degli inquirenti. Il 42enne potrebbe essere stato ucciso per uno strano gioco sessuale. O meglio, una perversione sessuale. Potrebbe aver ospitato in casa Pavani e la compagna, e averli guardarti consumare un rapporto. Poi ci potrebbe esser stata una riluttanza nel pagamento, o Barchi potrebbe aver insistito per partecipare al rapporto o averne uno con la donna. O quel rapporto potrebbe averlo spiato, nascosto in una stanza di quel garage trasformato in monolocale e che potrebbe aver affittato a ore a coppie in cerca di intimità.


Multimedia: Uomo ucciso nel centro storico – Omicidio in via Fontanella del Suffragio – Video


O il movente economico. Da almeno due mesi il 42enne aveva aperto a Pavani le porte di casa, al civico 16 di via Fontanella del Suffragio. “Non aveva nulla, ma aveva comunque ospitato un uomo. Forse perché mosso da compassione – racconta una conoscente di Barchi -. Gli dava da mangiare e un divano per dormire, perché Daniele pensava sempre a tutto”. Era nullatenente Barchi, e non è escluso che possa aver chiesto a Pavani di dividere l’affitto. O Pavani potrebbe aver chiesto a Barchi dei soldi, che essendo nullatenente non gli ha potuto dare. E il rifiuto ha scatenato la furia omicida del 31enne.

Barchi è stato torturato per due giorni. Massacrato con calci, pugni e schiaffi mentre mugolante era riverso sul pavimento dell’ingresso adibito a zona giorno della sua abitazione. Una mattanza che è finita nella notte tra domenica e lunedì, quando il 42enne “ha smesso di respirare”. Questa frase ai poliziotti della questura di Viterbo, a cui il caso è stato affidato, l’ha detta la fidanzata di Pavani. Ascoltata come persona informata sui fatti, avrebbe avuto un ruolo nel delitto. Dell’omicidio sarebbe stata almeno testimone oculare, o comunque era in casa quando Barchi ha spirato.

Pavani non si sarebbe reso conto di aver ucciso, secondo gli inquirenti, Barchi. Quando all’alba di mercoledì il pm inquirente Stefano d’Arma ha firmato il fermo per omicidio volontario, il 31enne si sarebbe mostrato sorpreso trincerandosi nel silenzio. Ora il fermo deve essere convalidato dal giudice per le indagini preliminari, a cui ieri la procura ha chiesto la convalida della misura cautelare e la conferma della custodia in carcere. Avverrà tutto nelle prossime 48 ore, mentre l’autopsia sul cadavere di Barchi potrebbe slittare alla prossima settimana.



Il 42enne è morto “nella notte tra domenica e lunedì”. Notte che Pavani e la sua fidanzata hanno trascorso nella casa del delitto, dormendo accanto al cadavere. E da quella casa sono usciti solo la mattina, chiudendosi la porta alle spalle e lasciando la chiave all’interno. Quella giornata, così come la nottata, l’hanno trascorsa fuori Viterbo, tornando in città solo martedì, quando lei è andata a casa della madre e della sorella. Al Serpentone di Bagnaia, dove intorno alle 19e30 Pavani ha dato di matto rendendo necessario l’intervento delle volanti della polizia. Ha tentato di sfondare a calci, pugni e spallate la porta dell’appartamento in cui le donne si erano barricate. “Volevo lasciarlo e abbiamo litigato”, ha detto lei in questura. Ma non è escluso che sia dipeso tutto dal rifiuto della compagna di tornare a casa di Barchi, essendosi resa conto della morte dell’uomo.

“Un paio di settimane fa ho incontrato Daniele e aveva un occhio rosso – racconta una conoscente -. Mi ha detto di aver ricevuto un pugno da un uomo che aveva ospitato nella sua abitazione, e mi aveva giurato che l’avrebbe mandato via. Era stato Pavani”. Ma Barchi non solo non lo ha cacciato, ma non lo avrebbe neppure denunciato. “Forse aveva paura – ipotizza la conoscente -, perché sapeva che contro di lui nulla poteva. Che avrebbe avuto la peggio. Perché era alto e grosso, mentre Daniele era uno scriccioletto. Era piccolo, Daniele. Era un metro e sessanta. Ed era magrolino. A dir tanto, pesava cinquantacinque chili. Su di lui si faceva presto ad avere la meglio”.



La mattanza è andata avanti per tutto il fine settimana. “O sabato o domenica – confida un barista del centro storico – Barchi è venuto al bar, e aveva entrambi gli occhi lividi. Era tumefatto, come se avesse sfidato un pugile. Si è giustificando dicendo di aver avuto una lite, ma già da un mese girava una volta con un occhio nero, una volta con l’altro o con il labbro spaccato. Anche Pavani, in passato, è stato al bar. Da solo, a prendere un caffè. È entrato, ha bevuto, ha pagato, ‘grazie e buonasera’ e se ne è andato”.

Raffaele Strocchia


Condividi la notizia:
25 maggio, 2018

Omicidio nel centro storico ... Gli articoli

  1. Seminfermità per Pavani, da definire la posizione della fidanzata
  2. Omicidio del Suffragio, sarà processato l'assassino di Barchi
  3. Omicidio Barchi, sei periti per stabilire se Pavani è sano di mente
  4. Omicidio Barchi, parti civili i genitori adottivi della vittima
  5. Omicidio Barchi, superperizia psichiatrica per Pavani
  6. Delitto del Suffragio, a processo Stefano Pavani
  7. Delitto del Suffragio, a processo Stefano Pavani
  8. Delitto del Suffragio, a processo Stefano Pavani
  9. Omicidio del Suffragio, Pavani sarà giudicato con l'abbreviato
  10. Depositate l'autopsia sulla vittima e la perizia psichiatrica su Stefano Pavani
  11. "Perizia psichiatrica per cristallizzare lo stato mentale di Pavani"
  12. Feroce omicidio in centro, il Riesame: "Pavani resti in carcere"
  13. "Pavani accusato solo dalla fidanzata..."
  14. Feroce delitto in centro, Pavani vuole uscire dal carcere
  15. Delitto del Suffragio, Pavani ricorre contro il carcere
  16. Finito il massacro a pugni e calci, una forchettata al collo
  17. Feroce omicidio in centro, perizia psichiatrica in carcere per Pavani
  18. "Sei venuto a mancare in un modo da non credere..."
  19. Feroce delitto in centro, indagata la fidanzata di Pavani
  20. "Quella di Daniele è una morte assurda..."
  21. "È sempre stato un diavolo, andava fermato prima"
  22. Feroce omicidio in centro, Pavani resta in carcere
  23. Feroce omicidio in centro, Pavani fa scena muta
  24. "Barchi aveva cacciato di casa Pavani..."
  25. "Gli piaceva suonare il pianoforte e sperava di poterlo insegnare a qualcuno..."
  26. Il presunto assassino di Barchi sfregiò un occhio a un uomo e lo rese cieco
  27. Torturato per due giorni e poi ucciso
  28. Omicidio nel centro storico, 31enne in carcere
  29. Massacrato di botte e ucciso in pieno centro storico
  30. Uomo ucciso in via Fontanella del Suffragio
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR