--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Feroce omicidio nel centro storico - Stefania Lombardi dell'Afesopsit ricorda il 42enne torturato e ucciso in casa: "A Barchi sono morti i genitori ed è stato abbandonato da quelli adottivi..." - Questa mattina l'autopsia

“Quella di Daniele è una morte assurda…”

di Raffaele Strocchia
Condividi la notizia:

Vito Ferrante e Daniele Barchi

Vito Ferrante e Daniele Barchi

Viterbo – “Quella di Daniele è una morte assurda, e non riusciamo a farcene una ragione. Non la capiamo, e i ragazzi stanno malissimo. Perché a Daniele, buono e gentile, tutti volevano bene”. A parlare è Stefania Lombardi dell’Afesopsit, e quei ragazzi sono i ragazzi dell’associazione familiari e sostenitori sofferenti psichici della Tuscia. “Abbiamo conosciuto Daniele tre o quattro mesi fa, portato da un amico. E stava bene. Con noi si sentiva a suo agio, partecipava alla vita dell’associazione e in associazione veniva sempre”.


Multimedia: Uomo ucciso nel centro storico – Omicidio in via Fontanella del Suffragio – Video


Daniele Barchi, 42 anni, è stato trovato cadavere martedì sera, al civico 16 di via Fontanella del Suffragio. “Lì viveva da non più di due mesi – racconta un barista del centro storico -. Era in affitto, e pagava il canone con mille euro che gli arrivavano ogni mese”. Il sospettato numero uno dell’omicidio è il 31enne Stefano Pavani, che avrebbe torturato e ammazzato Barchi con calci, pugni e schiaffi. Ad incastrarlo è stata la fidanzata, che del delitto sarebbe stata almeno testimone oculare o comunque era in casa quando il 42enne “ha smesso di respirare”. Questa mattina l’autopsia sul cadavere, all’obitorio del cimitero di san Lazzaro.



Dall’alba di mercoledì Pavani è rinchiuso a Mammagialla, dove sabato mattina ha incontrato il giudice per le indagini preliminari Rita Cialoni. Ha convalidato il fermo e ha confermare la custodia in carcere, come chiesto dalla procura. Mentre Pavani, al cospetto del suo difensore e anche di fronte al pm inquirente Stefano d’Arma, ha continuato a trincerarsi nel silenzio. “Daniele lo aveva ospitato in casa – continua Stefania Lombardi dell’Afesopsit -, anche se non aveva nulla. Forse mosso da compassione, perché Pavani non sapeva dove andare. Gli dava da mangiare e un divano per dormire, perché Daniele pensava sempre a tutto. Di lui non parlava, né l’ho mai visto. Ma un paio di settimane fa Daniele è venuto in associazione con un occhio rosso, e mi ha detto di aver ricevuto un pugno dall’uomo che aveva in casa. E mi ha giurato che lo avrebbe mandato via”. Di quel garage trasformato in monolocale il 31enne aveva libero accesso.

“Non è mai apparso agitato o preoccupato Daniele, era sempre tranquillo – dice Lombardi -. Era bravissimo, coretto, educato e molto riservato. Di se non raccontava tantissimo, so solo che aveva perso i genitori e che era stato adottato. E poi, abbandonato da questa famiglia, era finito in comunità. Per diverso tempo ha vissuto in alt’Italia per poi arrivare a Viterbo, ma non so come ci sia capitato né quando. Nei particolari non è mai entrato, ma Daniele era speciale. Era colto, perché aveva studiato e frequentato l’università. Non era uno sprovveduto, e si fidava di tutti”. Anche del suo presunto assassino. “E questo ci ha sconvolti”.



Barchi era nullatenente. “Ma forse faceva dei lavoretti e aveva una piccola pensione – racconta Lombardi -. Certo, ogni tanto chiedeva qualcosa da mangiare ma soldi mai. E sembrava avesse anche una storia d’amore. L’ho scoperto quando, in associazione, ha disegnato due cuori: uno rappresentava lui, e l’altro la fidanzata spagnola di cui parlava sempre. Erano in contatto su Facebook, e si scrivevano sempre anche se non si sentivano mai per telefono. Daniele era contento, e sperava di poter andare presto da lei”.

E di Barchi avrà “sempre un bel ricordo” anche Lando, un ragazzo dell’Afesopsit. “Era sempre disponibile – ricorda -. Un uomo dal bel sorriso, preciso e molto attento agli altri. Non chiedeva mai nulla, neppure un caffè. E non è da tutti, soprattuto in un contesto come questo dove a chiedere sono sempre in tanti. E pure con un pizzico di presunzione. Daniele era buono, basti pensare che ha ospitato in casa un ragazzo uscito dal carcere. E gli dava da mangiare e non gli faceva mancare nulla, cose che nessuno è disposto a fare. Ed è terribile quello che ha ricevuto in cambio da questo Pavani, che avevo conosciuto il 10 aprile, quando Daniele ha compiuto 42 anni. L’avevo incontrato al corso e mi ha portato a casa, dove c’era questo ragazzo. Era sdraiato sul divano e dormiva. Si è alzato, ci siamo presentati e siamo stati insieme. Ma non più di cinque minuti, perché io avevo da fare e me ne sono subito andato”.

Raffaele Strocchia


Condividi la notizia:
28 maggio, 2018

Omicidio nel centro storico ... Gli articoli

  1. Omicidio Barchi, sei periti per stabilire se Pavani è sano di mente
  2. Omicidio Barchi, parti civili i genitori adottivi della vittima
  3. Omicidio Barchi, superperizia psichiatrica per Pavani
  4. Delitto del Suffragio, a processo Stefano Pavani
  5. Delitto del Suffragio, a processo Stefano Pavani
  6. Delitto del Suffragio, a processo Stefano Pavani
  7. Omicidio del Suffragio, Pavani sarà giudicato con l'abbreviato
  8. Depositate l'autopsia sulla vittima e la perizia psichiatrica su Stefano Pavani
  9. "Perizia psichiatrica per cristallizzare lo stato mentale di Pavani"
  10. Feroce omicidio in centro, il Riesame: "Pavani resti in carcere"
  11. "Pavani accusato solo dalla fidanzata..."
  12. Feroce delitto in centro, Pavani vuole uscire dal carcere
  13. Delitto del Suffragio, Pavani ricorre contro il carcere
  14. Finito il massacro a pugni e calci, una forchettata al collo
  15. Feroce omicidio in centro, perizia psichiatrica in carcere per Pavani
  16. "Sei venuto a mancare in un modo da non credere..."
  17. Feroce delitto in centro, indagata la fidanzata di Pavani
  18. "È sempre stato un diavolo, andava fermato prima"
  19. Feroce omicidio in centro, Pavani resta in carcere
  20. Feroce omicidio in centro, Pavani fa scena muta
  21. "Barchi aveva cacciato di casa Pavani..."
  22. "Gli piaceva suonare il pianoforte e sperava di poterlo insegnare a qualcuno..."
  23. Il presunto assassino di Barchi sfregiò un occhio a un uomo e lo rese cieco
  24. Pavani e la fidanzata hanno dormito accanto al cadavere
  25. Torturato per due giorni e poi ucciso
  26. Omicidio nel centro storico, 31enne in carcere
  27. Massacrato di botte e ucciso in pieno centro storico
  28. Uomo ucciso in via Fontanella del Suffragio
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR