--

--

Tutankhamon-560x80

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Macchina del fango e Vinitaly - Il giornalista "ribelle", Daniele Camilli, racconta i retroscena della redazione di Gianlorenzo

“Un tirapugni sempre in bella vista sulla scrivania…”

di Silvana Cortignani

Paolo Gianlorenzo

 Paolo Gianlorenzo

Daniele Camilli

Il giornalista Daniele Camilli

Viterbo – Operazione “IV Potere”. Si chiama così il poderoso fascicolo dell’inchiesta sulle presunte malefatte del giornalista Paolo Gianlorenzo, passata alla storia come “macchina del fango” e sfociata nel cosiddetto filone Vinitaly che ha coinvolto l’assessorato regionale all’agricoltura allora guidato da Angela Birindelli.

Otto, compresi Gianlorenzo e la Birindelli, gli imputati. Cinque le parti civili, tra cui spiccano il patron gialloblu Piero Camilli e il giornalista Daniele Camilli, quest’ultimo solo omonimo dell’altro e tra i testimoni chiave dell’accusa. Oltre, naturalmente, all’attuale senatore di FI, Francesco Battistoni.

Camilli Daniele è colui che il 15 novembre 2011 ha sporto querela contro Gianlorenzo, l’unico del gruppo dei sei “cronisti ribelli” a essersi costituito parte civile (difeso da Giacomo Barelli), il primo ad essere sentito dal pm Massimiliano Siddi, ieri, davanti al collegio presieduto dalla giudice Silvia Mattei. Una testimonianza pesante la sua, almeno sulla carta, destinata a chiarire le dinamiche interne alla redazione dei due quotidiani diretti da Gianlorenzo, difeso dagli avvocati Carlo Taormina e Franco Taurchini.

Un’udienza fiume, la prima del processo, che si è protratta per tutta la mattinata, durante la quale, oltre al giornalista Camilli, ha testimoniato l’ufficiale del nucleo della stradale di polizia giudiziaria Secondiano Veruschi, incaricato coi colleghi delle indagini dalla procura. 


“Gianlorenzo ci insegnava a riconoscere i nemici”

A proposito di macchina del fango: “Battistoni non andava menzionato, mentre la figura della Birindelli andava esaltata”, ha detto Camilli. 

“Gianlorenzo ci insegnava a riconoscere i nostri nemici. Uno era Piero Camilli, un ‘bandito’, da ammazzare, giornalisticamente parlando, perché, da assessore provinciale, aveva fatto saltare l’accordo con i nostri editori dicendo no alla creazione di un impianto a Grotte di Castro, provocando loro una perdita economica che aveva pesato anche sul giornale. L’altro era Battistoni, del quale era vietato scrivere, ma col quale bisognava essere cauti per via dei finanziamenti regionali in quanto era presidente della commissione agricoltura della Regione”.

“Poi c’era Il Nuovo Corriere Viterbese, cui dovevamo dare il colpo di grazia, se avesse trovato certi documenti contro l’editore che stava cercando, perché vendeva 900 copie al giorno e noi solo 250 e se avesse chiuso ne avremmo guadagnate, secondo lui, almeno altre 250”, ha detto Camilli. 


“Pressioni per esaltare la Birindelli”

Poi c’erano gli amici, su tutti, secondo Camilli, l’allora assessora regionale all’agricoltura Angela Birindelli, rivale politica di Battistoni all’interno del centrodestra, del quale aveva preso il posto alla Pisana per via delle quote rosa: “Una volta Gianlorenzo, dovendo io scrivere un articolo sul Parco di Vulci, mi fece pressione perché fossi compiacente. Ho avuto notevoli pressioni perché scrivessi cose il più possibile favorevoli alla Birindelli. E a un certo punto mi fu tolta la responsabilità della pagina politica”, ha proseguito.

“Gianlorenzo si vantava di avere rapporti con chiunque a qualunque livello in tutte le istituzioni, dai vertici di carabinieri e guardia di finanza, al sindaco, a Battistoni e alla Birindelli. Un direttore con ottime entrature”


“Licenziati in tronco per non avere accettato la riduzione di stipendio”

Assunto nel 2010 per 750 euro al mese con la promessa di arrivare a 900 l’anno successivo ed entrato nella cooperativa editoriale nata tra la chiusura di Nuovo Viterbo Oggi e l’apertura dell’Opinione di Viterbo, Camilli e i colleghi si trovarono presto  a dover fare i conti anche con la crisi della seconda testata diretta da Gianlorenzo. “Ad agosto 2011 fu convocata una riunione e ci fu preannunciata una drastica riduzione dello stipendio, da 750 a 500 euro, cui dicemmo no, anche perché non era stata concordata in nessuna assemblea dei soci”, ha spiegato Camilli. 

Seguirono settimane di mobilitazione, con le dimissioni di Gianlorenzo, sostituito nel suo ruolo di direttore dal braccio destro Viviana Tartaglini, anche lei imputata, che  fine settembre, dopo avere ribadito il concetto “o la riduzione di stipendio oppure il licenziamento”, avrebbe convocato i redattori uno a uno, ponendo singolarmente l’aut aut. Camilli, Luca Appia e Roberto Pomi dissero “no” e furono licenziati in tronco. “A me strappò l’assegno davanti agli occhi”, ha detto il cronista. Il giorno dopo, 21 settembre, la Tartaglini li cacciò dalla redazione, loro rifiutarono di lasciare i locali in quanto soci della cooperativa, sul posto piombarono i carabinieri, chiamati sia dalla redattrice che dai giornalisti. “Fummo reintegrati dopo l’intervento del sindacato”. 

I difensori Taormina e Taurchini hanno insinuato che, approfittando della crisi, Camilli avesse un interesse personale a far fuori Gianlorenzo, per subentrare a lui nella gestione del giornale, cercando un accordo “dietro le quinte” con gli editori: “Non è vero”, ha risposto il testimone.


“Il tirapugni sempre in bella vista sulla scrivania”

In quelle giornate convulse di sette anni fa, sfociate nella querela del 15 novembre 2011, Gianlorenzo avrebbe minacciato di picchiare un collaboratore, “ha detto a Pomi che lo voleva menare”, mentre i cronisti raccoglievano prove delle minacce e dei ricatti registrando le conversazioni interne alla redazione. La Tartaglini avrebbe minacciato Camilli per telefonO. “Mi disse che sperava che qualcuno mi ammazzasse e che dovevo morire di morte lenta”.

“C’erano della mazze da baseball nella sede e un tirapugni sempre in bella vista sulla scrivania dell’ufficio di Gianlorenzo, che una volta se lo mise mentre parlava”, ha proseguito Camilli. 


“Giornale in crisi, ma 18mila euro all’agenzia del padre di Gianlorenzo”

C’è finito dentro, senza colpe, anche il padre deceduto di Paolo Gianlorenzo, Impero, anche lui giornalista e storico corrispondente da Montefiascone del Corriere di Viterbo. “Nel clima di difficoltà economiche e opacità gestionali della cooperativa, il 14 settembre 2011 è spuntata una fattura da 18mila euro pagata, non so perché, all’Agenzia Impero Gianlorenzo invece che a noi”.

A proposito di soldi: “Noi prendevamo 750 euro spese incluse, che dovevano bastare per campare e lavorare, senza buoni pasti, né rimborsi. Gianlorenzo faceva come gli pareva, che fossero la benzina dello scooter o le spese di rappresentanza, se le giustificava per conto suo”.

Quindi la moglie di Gianlorenzo: “All’epoca era la direttrice di una rivista collegata all’assessorato all’agricoltura”.


L’autodifesa di Gianlorenzo

Chiedendo di poter rilasciare spontanee dichiarazioni, Gianlorenzo ha provato a minare l’attendibilità del suo ex redattore.

“Camilli si è dimenticato di dire che mi fu presentato da mia moglie, con cui si erano conosciuti quando entrambi lavoravano in Regione. Fu lei a portarmelo in redazione e a chiedermi di farlo entrare”. 

“Una volta chiesi il suo licenziamento perché aveva accettato di dirigere una rivista senza dirlo, ma lui pianse e disse di avere un tumore, così lo ritirai. Lui con un imprenditore e altri giornalisti è andato perfino dal notaio per farmi le scarpe. Di Battistoni semplicemente scrivevo io, lo dimostrano le querele prese”.

Poi la teoria del complotto: “Erano i tempi della mia inchiesta sulla Asl, è stato fatto tutto per fermarmi”. E qui l’ha fermato la presidente Mattei, ponendo bruscamente fine all’autodifesa, dopo l’ennesimo battibecco tra il pm Siddi e il professor Taormina: “Qui si sta facendo dietrologia”. 

Taormina, stizzito, si è alzato ed è uscito con l’imputato prima della fine dell’udienza, facendosi oggetto di una dura reprimenda da parte della giudice che ha nominato al volo un sostituto per rinviare il processo alle udienze del 13 novembre e del 4 dicembre. 

Silvana Cortignani


Le accuse

Paolo Gianlorenzo risponde di:
tentata estorsione per le “macchine del fango” a Francesco Battistoni, Roberto Angelucci e Piero Camilli e le minacce di licenziamento ai collaboratori del giornale;
corruzione per l’accordo con l’assessora, pubblicità-macchina del fango contro Francesco Battistoni;
minacce a un collaboratore;
detenzione di arma per il tirapugni in redazione;
appropriazione indebita per i 5mila euro della cooperativa editoriale, per pagare spese legali;
tentata concussione e rivelazione di segreti d’ufficio per la vicenda del notaio Fortini;
sostituzione di persona per aver usato un prestanome dell’ex senatore Ciarrapico, durante una telefonata;

Angela Birindelli di:
tentata estorsione e corruzione per la macchina del fango a Francesco Battistoni;
tentata concussione e abuso d’ufficio per la “cacciata” di Stefano Bizzarri;
peculato per la macchina di servizio usata per ragioni private;
abuso d’ufficio e tentata concussione per i presunti tentativi di pilotare l’allestimento dello stand Lazio al Vinitaly;

Viviana Tartaglini risponde di:
tentata estorsione per le minacce di licenziamento ai collaboratori del giornale;
appropriazione indebita per i 5mila euro della cooperativa editoriale, per pagare spese legali;

Luciano Rossini risponde di:
tentata concussione e rivelazione di segreti d’ufficio per la vicenda del notaio Fortini; in qualità di funzionario dell’Agenzia delle entrate avrebbe detto a Gianlorenzo di un imminente controllo sulla categoria dei notai. Informazione che, per l’accusa, è stata usata come strumento di pressione dal giornalista e dal funzionario, per ottenere vantaggi patrimoniali personali

Sara Bracoloni risponde di:
rivelazione di segreti d’ufficio per aver rivelato a Gianlorenzo informazioni sul rapporto di lavoro della figlia di un giudice;

Erder Mazzocchi risponde di:
tentata concussione, concussione e abuso d’ufficio per la “cacciata” di Stefano Bizzarri;
soppressione di atti;

Roberto Ottaviani e Giuseppe Fiaschetti rispondono di:
abuso d’ufficio e tentata concussione in relazione alla vicenda Vinitaly.

16 maggio, 2018

Tentata estorsione, indagati due giornalisti ... Gli articoli

  1. “Per pagare il padiglione, Birindelli chiese di tagliare gli stipendi all’Arsial”
  2. “In tutte le redazioni le prove da professionista si scrivono a quattro mani”
  3. Macchina del fango, sfilano i primi testimoni dell'accusa
  4. "Droga, prostituzione e sesso a tre", era solo buona e doverosa cronaca
  5. "Il giornale di Paolo Gianlorenzo navigava in pessime acque"
  6. Macchina del fango, il giornalista Camilli parte civile
  7. "Così inviai l'articolo a Tartaglini..."
  8. Macchina del fango, slitta il maxiprocesso
  9. Macchina del fango, sarà maxi processo
  10. Macchina del fango & Vinitaly, tutti a processo
  11. Birindelli pronta all'interrogatorio
  12. Macchina del fango e fatture false, udienza preliminare
  13. "A me la tentata estorsione? E allora a Marchionne?"
  14. Macchina del fango - Vinitaly, si comincia
  15. "Sono un fascista del ventennio"
  16. Gianlorenzo al giornalista Bertazzoni: "Sei un comunista schifoso"
  17. Esame truccato, giornalista rinviata a giudizio
  18. Macchina del fango-Vinitaly, un altro stop
  19. Battistoni annuncia: Un libro sui veleni in Regione
  20. "L'avvocato della Birindelli è incompatibile"
  21. Vinitaly-macchina del fango, sarà subito rinvio
  22. Regione parte civile, Zingaretti ci pensa
  23. "Questa signora nemmeno la conoscevo..."
  24. "Non voglio una lira, solo la condanna"
  25. "Dietro la macchina del fango grosse responsabilità politiche"
  26. Macchina del fango - Vinitaly, quindici parti offese
  27. Macchina del fango-Vinitaly, a giugno l'udienza preliminare
  28. Stalking a mezzo stampa, chiesta l'archiviazione per Gianlorenzo
  29. Vinitaly-macchina del fango, otto richieste di rinvio a giudizio
  30. Inchiesta Vinitaly, fuori Giulio Marini
  31. Gianlorenzo denunciato per stalking a mezzo stampa
  32. Macchina del fango, ascoltato Aloisio
  33. "Somma non c'entra nulla ed ha spiegato al pm perché"
  34. Inchiesta Birindelli & c., in arrivo le richieste di rinvio a giudizio
  35. Vinitaly, Marini ascoltato per cinque ore dal pm
  36. Gianlorenzo usava il nome del prestanome di Ciarrapico
  37. Un quotidiano da 600 copie...
  38. "Gli dissi di non costringermi a chiamare i carabinieri..."
  39. "Se ci indagano dopo cinque minuti siamo a Mammagialla..."
  40. Il metodo Ciarrapico contro Angelucci e Camilli
  41. Vinitaly, i vertici di Verona Fiere: "Clima di assedio"
  42. Parli con Battistoni? Niente fondi per l'ascensore...
  43. "Mi sono rotta i coglioni del pecorino romano"
  44. "Sono un soldato, eseguo ordini"
  45. "Dobbiamo fare squadra contro Aloisio"
  46. "A me spaventa 'sto tizio"
  47. Gianlorenzo-Marini, c'eravamo tanto amati...
  48. Gianlorenzo indagato per sfruttamento della prostituzione
  49. Ma fare opposizione vuol dire "rompere i coglioni"?
  50. "Deve morì", "Te l'ammazzamo, dai..."
  51. Marini: Il finanziamento al giornale di Gianlorenzo inopportuno e fuori mercato
  52. "Non ho espresso solidarietà a Gianlorenzo"
  53. "Mai soli in redazione, per paura di ritorsioni"
  54. Senatore Sposetti, perché non risponde?
  55. Metodo Ciarrapico: "uccidere" e trattare
  56. 20mila euro a "Sapere sapori" per sabotare la protesta dei produttori di kiwi
  57. Che c'azzecca Gianlorenzo con Sposetti?
  58. "Domani scoppia Battistoni"
  59. "Questi devono fa' quello che dico io..."
  60. Droga, prostituzione e sesso a tre nelle carte dell'inchiesta
  61. La rete degli informatori al setaccio della Procura
  62. Birindelli pensa anche alla moglie di Gianlorenzo
  63. "E' meglio morire di cancro che avere un nemico come me"
  64. La saga Vinitaly e gli ordini dell'assessora
  65. "Inchieste giornalistiche" per avere un posto di lavoro
  66. Macchina del fango, chiusa l'inchiesta
  67. Tentata concussione, indagato Giuseppe Fiaschetti
  68. Macchina del fango, ascoltato come testimone Roberto Angelucci
  69. Inchiesta Birindelli, gli investigatori tornano a Verona
  70. Birindelli: “Fiducia piena nella magistratura”
  71. Sette ore di interrogatorio per Angela Birindelli
  72. Interrogatorio fiume per Angela Birindelli
  73. Semmai è Bigiotti che è stato mazzolato...
  74. Bigiotti: Non ho chiesto la testa di Bizzarri
  75. Mazzocchi per sei ore in procura
  76. Dirigente regionale ascoltato per sei ore
  77. Macchina del fango, dissequestrati i pc di Gianlorenzo
  78. Macchina del fango, ascoltato Selvaggini
  79. Vinitaly, intercettazioni al vaglio della procura
  80. “Come fa l’ex assessore a usare uomini e mezzi della Regione?”
  81. "Vinitaly, il Pd non fece niente di diverso"
  82. "Ho avuto occasione di fare chiarezza"
  83. Sindaco indagato, Birindelli: "Sono profondamente ferita"
  84. Diddi: Infondate le notizie apparse sui giornali
  85. Angela Birindelli rassegna le dimissioni
  86. Marini: "Mi sono tolto un dente"
  87. Birindelli smentisce l'Ansa: Mai indagata per turbativa d'asta
  88. Inchiesta Birindelli, indagato il sindaco Marini
  89. La Polverini ha la memoria corta e... dimentica l'indagine sulla Birindelli
  90. Birindelli smentisce interrogatorio in Procura
  91. Perquisita la redazione di Gianlorenzo
  92. Caso Birindelli, ancora tre mesi d'inchiesta
  93. Corruzione Birindelli, no al dissequestro documenti
  94. Caso Birindelli, tre nuovi indagati
  95. "Ma quale violazione di segreto d'ufficio?"
  96. Macchina del fango, tre nuovi indagati
  97. "Stand Vinitaly, affidamento secondo le regole"
  98. Polverini per due ore davanti ai magistrati
  99. Polverini ascoltata in Procura
  100. Vinitaly Lazio, quali ditte hanno gestito il padiglione?
  101. Caso Birindelli, si indaga sullo stand Lazio al Vinitaly
  102. Acquisiti nuovi documenti nel Nord Italia
  103. Sopralluogo negli uffici viterbesi dell'assessorato all'Agricoltura
  104. Tartaglini, i giudici prendono tempo
  105. "Non ha senso parlare di dimissioni"
  106. Un tirapugni in redazione
  107. "Avvelenata la vita democratica"
  108. "Controlli incrociati sui fondi dell'Ue"
  109. Un fiume di denaro sotto la lente della Procura
  110. Inchiesta Birindelli & Co., nuovo blitz in Regione
  111. Chi vuole uccidere Descartes?
  112. Sequestro computer, la difesa rinuncia al riesame
  113. "Piano di sviluppo rurale, al centro dell'attenzione"
  114. E spunta pure un esame truccato da giornalista professionista
  115. Soldi in cambio di manganellate mediatiche
  116. "Solidarietà a Battistoni"
  117. Dossier contro Battistoni, sentito Zoroddu
  118. Centrale a biomasse, sequestrati i documenti in Provincia
  119. Dossier contro Battistoni? Non ne so nulla
  120. Lo stato di diritto e... le manganellature mediatiche
  121. Minacce anche via sms
  122. Possibile interrogatorio per la Birindelli
  123. Abbiamo preso un buco...
  124. "Un grigio sistema inquinato di alleanze e potere"
  125. Marini: "Le accuse vanno provate"
  126. Rimpasto in giunta regionale più lontano
  127. Birindelli indagata, l'Ansa arriva dopo due giorni
  128. La Birindelli indagata per corruzione finisce sul Corriere della sera
  129. Una slavina sui piani alti della politica
  130. Birindelli: "Certa di poter dimostrare la mia totale estraneità"
  131. Concorso in tentata estorsione e corruzione, indagata Birindelli
  132. Tentata estorsione, un nuovo avviso di garanzia
  133. "Un bandito lo so' sempre stato, ma me so' sempre trattenuto..."
  134. "Quello me lo mangio come una caramella"
  135. Spuntano anche i reati di truffa e falso
  136. Piero Camilli? "L'ammazzasse qualcuno..."
  137. "Se si accerteranno reati, non stamperemo più quel giornale"
  138. Tentata estorsione, indagati due giornalisti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR