Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

TW-cliccami-560x60-due-colori

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Torturato e ammazzato - Il 31enne accusato dell'omicidio volontario di Daniele Barchi oggi davanti al tribunale del Riesame

Feroce delitto in centro, Pavani vuole uscire dal carcere

Viterbo - Omicidio in via Fontanella del Suffragio - Il fermato Stefano Pavani e la vittima Daniele Barchi

Viterbo – Omicidio in via Fontanella del Suffragio – Il fermato Stefano Pavani e la vittima Daniele Barchi

Viterbo - Omicidio in via Fontanella del Suffragio

Viterbo – Omicidio in via Fontanella del Suffragio

Viterbo – Vuole uscire dal carcere Stefano Pavani, ed è per questo che in mattinata il 31enne accusato dell’omicidio di via Fontanella del Suffragio comparirà davanti ai giudici del Riesame di Roma.

Il suo difensore, l’avvocato Luca Paoletti, ha presentato istanza per far modificare la misura di custodia cautelare in carcere disposta dal gip di Viterbo Rita Cialoni. Ma l’ultima parola spetterà al tribunale della libertà.


Multimedia: Uomo ucciso nel centro storico – Omicidio in via Fontanella del Suffragio – Video


Pavani, indagato dalla procura per la morte di Daniele Barchi, il 42enne che il 22 maggio è stato trovato cadavere nel suo monolocale in pieno centro storico, è rinchiuso a Mammagialla dalla mattina successiva. Il procuratore capo Paolo Auriemma e il sostituto Stefano d’Arma hanno iscritto nel registro degli indagati anche la fidanzata del 31enne. Azzurra Cerretani, venticinque anni, che è a piede libero.

Su Pavani la procura ha disposto pure una perizia psichiatrica, conferendo l’incarico alla dottoressa Cristiana Morera. Dovrà stabilire se il 31enne fosse in grado di intendere e di volere al momento dell’omicidio e se le sue condizioni siano compatibili o meno con la detenzione in carcere. Accertamento delicato quanto importante, ed è per questo che anche la difesa ha nominato un proprio consulente di parte: la dottoressa Miriam Brinchi.

14 giugno, 2018

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564

Ciminauto-1036x80-6-6-18