--

--

Tutankhamon-560x80

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Un anno e otto mesi a un cinquantenne viterbese per violenza sessuale su una ventenne - L'accusa aveva chiesto quattro anni

Massaggi hard al centro estetico, condannato il titolare

Viterbo - Tribunale

Viterbo – Tribunale

Paola Conti

Paola Conti

Viterbo – Massaggi hard al centro estetico, condannato il titolare.

Si è  chiuso ieri, a distanza di oltre sei anni dai presunti abusi, il processo per violenza sessuale al titolare di un avviato centro estetico nell’immediata periferia del capoluogo.

L’uomo, sulla cinquantina, è stato denunciato nella primavera del 2012 da una cliente appena ventenne sulla quale, secondo l’accusa, cinque mesi prima avrebbe allungato troppo le mani, toccandola in maniera inequivocabile nelle parti intime.

Non semplici massaggi, ma palpeggiamenti spinti cui la prima volta, nell’autunno del 2011, la presunta vittima non avrebbe voluto credere, pensando a uno sfioramento casuale.

Ma quando, pure alla seduta successiva, il massaggiatore sarebbe andato oltre, chiedendole se doveva continuare, la giovane avrebbe lasciato il centro estetico e successivamente si sarebbe confidata con la madre, decidendosi alla fine a sporgere denuncia in questura.

Le indagini, coordinate dalla pm Paola Conti per la procura, sono state condotte dalla squadra mobile diretta da Fabio Zampaglione.

Il titolare del centro è stato denunciato per violenza sessuale e ieri è stato condannato in primo grado a un anno e otto mesi dal collegio presieduto dalla giudice Silvia Mattei. La pm Conti aveva chiesto quattro anni, ma il tribunale ha riconosciuto all’uomo il beneficio della particolare tenuità del fatto. Dovrà però risarcire in sede civile i danni alla vittima. 

L’imputato, difeso dall’avvocato Luca Chiodi, si è sempre proclamato innocente durante il processo che, per la delicatezza della vicenda, si è svolto interamente a porte chiuse.

In lacrime la vittima, presente alla lettura della sentenza,  che si è costituita parte civile con l’avvocato Massimo Pistilli. La giovane, in seguito agli abusi subiti, a suo tempo è dovuta ricorrere alle cure di uno psicologo. Nel frattempo, nonostante lo choc, ha ripreso in mano la sua vita e di recente si è laureata a pieni voti. 

Silvana Cortignani

14 giugno, 2018

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR