--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Giallo di Gradoli - Espulsa la cognata-amante di Paolo Esposito - I difensori De Santis e Valentini si rivolgono al ministro e affermano: "Non è una clandestina arrivata coi barconi, è interesse di tutti che resti nel nostro paese"

Rimpatriata Ala Ceoban, appello a Salvini per farla tornare in Italia

di Silvana Cortignani

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

Ala Ceoban

Ala Ceoban

Gli avvocati Samuele De Santis (a sinistra) e Enrico Valentini

Gli avvocati Samuele De Santis (a sinistra) e Enrico Valentini

Viterbo – Giallo di Gradoli, rimpatriata a sorpresa la moldava Ala Ceoban. Per farla tornare in Italia i difensori fanno appello alla Farnesina, anzi direttamente al ministro dell’Interno Matteo Salvini, stasera a Viterbo a sostegno della campagna elettorale  del candidato sindaco Giovanni Arena. 

Una doccia fredda il rimpatrio per la 33enne rimessa in libertà nella primavera del 2015 dopo avere scontato la sua pena per l’occultamento dei cadaveri della sorella e della nipote, uccise il 30 maggio 2009 a Gradoli dal cognato-amante Paolo Esposito, condannato in via definitiva all’ergastolo per duplice omicidio.

Ala Ceoban sarebbe stata rimpatriata in fretta e furia ieri, mercoledì 20 giugno, facendo appena in tempo a chiamare al telefono i difensori, mentre due agenti in borghese la prelevavano dal centro di permanenza di Ponte Galeria, a Roma, dove si trovava dal 28 marzo, in seguito al decreto di espulsione. 

Altro che protezione internazionale, come chiesto dagli avvocati Samuele De Santis e Enrico Valentini.

“I cadaveri della nipote e della sorella non sono mai stati trovati. Il giallo di Gradoli è ancora un giallo. Ci sono cose che non si sanno. Questa misura va a discapito di una verità che si sta ancora cercando. Anche a discapito della procura. E’ assurdo allontanare dall’Italia l’unica persona che può aiutare a trovare la verità”, dicono.

“E’ stata rimpatriata in fretta e furia, senza nemmeno il passaporto. E non appena giunta nel suo paese d’origine ha ricevuto delle telefonate senza risposta da numeri sconosciuti. Una della durata di otto secondi, un tempo infinito. E’ terrorizzata, perché già in passato ha ricevuto delle minacce e adesso teme per la propria incolumità, trovandosi da sola in un posto cin cui ha interrotto ogni legame nel 2003 quando, a 18 anni, è venuta in Italia con un regolare permesso di soggiorno”. 

Non scherzano quando dicono di contare sul ministro Salvini. “Ala Ceoban non è arrivata in Italia coi barconi, non è  e non è mai stata clandestina  – spiegano i due legali – quello che è successo è un fatto abnorme, una decisione tanto improvvisa quanto illegittima. E’ stata presa, portata in aeroporto e mandata in Moldavia da due persone che non si sono qualificate, nonostante la presenza di giudizi pendenti presso i giudici di pace di Viterbo e Roma, oltretutto senza passaporto, senza alcuna documentazione e senza avvisare noi avvocati, che lo abbiamo saputo per telefono dalla diretta interessata quando non era più possibile fare niente per capire cosa stesse succedendo e perché”. 

 “Oltre al ministro, interpelleremo anche i parlamentari viterbesi. Faremo di tutto, in tutte le sedi, perché il reato di occultamento non è ostativo al rinnovo del permesso di soggiorno e non è socialmente pericolosa. Oltre a vivere in Italia da  sedici anni, scontata la sua pena, Ala Ceoban ha trovato un lavoro regolare e ha anche una proprietà a Bologna ereditata dalla madre”, proseguono De Santis e Valentini, affiancati in questa vicenda dallo studio legale Bassan di Padova, i cui legali sono esperti della delicata e intricata materia. 

“Qui siamo in pendenza di un ricorso, il giudice di pace di Viterbo deve ancora sciogliere la riserva, non si capisce il perché di un’espulsione in fretta e furia. Ala stava ritrovando il filo per potere risolvere in suo favore e di Paolo Esposito la situazione. Lei ad oggi, dopo nove anni, si reputa innocente. Magari può esserle concesso un permesso di soggiorno temporaneo presso il centro di Ponte Galeria”, dicono.

“I cadaveri della nipote e della sorella non sono mai stati trovati. Il giallo di Gradoli è ancora un giallo. Ci sono cose che non si sanno. Questa misura va a discapito di una verità che si sta ancora cercando. Anche a discapito della procura. E’ assurdo allontanare dall’Italia l’unica persona che può aiutare a trovare la verità”. 

Silvana Cortignani

21 giugno, 2018

Dossier Gradoli ... Gli articoli

  1. Ospitalità e lavoro ad Ala Ceoban, tre indagati sono di Tarquinia
  2. Ala Ceoban, quattro denunce per favoreggiamento
  3. Giallo di Gradoli, Ala Ceoban vuole la protezione internazionale
  4. Ala Ceoban potrebbe evitare l'espulsione...
  5. "Le dichiarazioni di Ala Ceoban riguardano il giallo di Gradoli"
  6. Ala Ceoban, oggi si decide se resta in Italia
  7. Ala Ceoban "parla" e il giudice congela l'espulsione
  8. "Perché tanti ostacoli? Io voglio restare in Italia"
  9. Era per tutti "Ala del pub"...
  10. Ala Ceoban tradita da un trasferimento di soldi
  11. Giallo di Gradoli, trovata Ala Ceoban
  12. "Ala Ceoban via dall'Italia, il crimine compiuto è stato efferato"
  13. "La procura chieda a Esposito le cose che non ha detto"
  14. "Non so cosa sia successo a Tatiana ed Elena, ma voglio sapere dove sono"
  15. "O è innocente o Totò Riina è un dilettante"
  16. Franca Leosini intervista Paolo Esposito a Storie maledette
  17. Ala Ceoban fa causa allo stato
  18. Giallo di Gradoli, morta Elena Nechifor
  19. Paolo Esposito: "Il lavoro mi ha salvato"
  20. Ala Ceoban fuori dal carcere
  21. La Cassazione: Colpevoli senza via d'uscita
  22. "Combatteremo perché Esposito veda sua figlia"
  23. "Basta con i condizionali: Paolo ha ucciso Tatiana ed Elena"
  24. Giallo di Gradoli, confermato l'ergastolo per Paolo Esposito
  25. Giallo di Gradoli, la sentenza slitta al 26 novembre
  26. Giallo di Gradoli, lunga attesa per la sentenza
  27. Giallo di Gradoli, è l'ora della Cassazione
  28. Paolo Esposito lotta per la figlia
  29. Ala Ceoban non lascia il carcere
  30. Ala Ceoban non è uscita dal carcere
  31. Ultimo mese di carcere per Ala Ceoban
  32. Accusati di aver plagiato un testimone, assolti gli Esposito
  33. "Non smettiamo di cercarle"
  34. "Fa' le cose per bene perché io ti ammazzo..."
  35. Giallo di Gradoli, fissata l'udienza in Cassazione
  36. "L'ennesima crudeltà contro Esposito"
  37. "Ala stanca e depressa"
  38. Ergastolo a Esposito, la difesa: sentenza da annullare
  39. La procura generale: Fu omicidio premeditato
  40. "Tatiana calunniata anche da morta"
  41. Processo agli Esposito, battaglia su un video
  42. E' il giorno dei genitori di Paolo Esposito
  43. La casa dei misteri tre anni dopo
  44. Dissequestrata la casa di Paolo Esposito
  45. Inizia il processo agli Esposito
  46. "La madre di Ala e Tatiana è sollevata"
  47. Ala: "Otto anni inaccettabili, sono innocente"
  48. "Paolo Esposito è distrutto"
  49. La Procura: "Accolto l'impianto accusatorio"
  50. Gradoli, confermato l'ergastolo per Esposito
  51. Gradoli, i giudici si ritirano per la decisione
  52. Gradoli, la difesa di Ala parla per sei ore
  53. Gradoli, la difesa: "Esposito va assolto"
  54. Gradoli, parti civili: "Sia confermata sentenza primo grado"
  55. Giallo di Gradoli, la parola agli avvocati
  56. Gradoli, chiesti di nuovo due ergastoli
  57. Giallo di Gradoli, parte il processo d'appello
  58. Un anno fa l'ergastolo a Esposito e Ala Ceoban
  59. Giallo di Gradoli, chieste quattro perizie
  60. Giallo di Gradoli, nuove richieste istruttorie della difesa
  61. "Il dolore è tanto e non passa mai..."
  62. Oggi Tatiana avrebbe compiuto 39 anni
  63. Gradoli, inizia il processo d'appello
  64. "Ma quale omicidio premeditato?"
  65. "In quella casa non c'è stato nessun omicidio"
  66. Gradoli, pronti i ricorsi in appello
  67. Chiusa l'inchiesta sugli Esposito
  68. Duplice omicidio, si cerca nel lago
  69. Incerta la dinamica del delitto
  70. Motivazioni, Valentini: "Gravi omissioni"
  71. Sgonfiato il mistero della cartellina gialla
  72. Sangue in cucina, la prova dell'omicidio
  73. Una storiaccia "triste, piena di odio e rancore"
  74. Gradoli, depositate le motivazioni della sentenza
  75. Il tempo non ci faccia dimenticare di Tatiana ed Elena
  76. Due anni fa sparivano Elena e Tatiana
  77. Io un po' di paura ce l'ho...
  78. Il dolore non è monopolio di Elena Nekifor
  79. Vi siete dimenticati di Elena e Tatiana
  80. Paolo, disperato e in lacrime ma combattivo
  81. Una sentenza dura come la pietra
  82. "Giustizia è fatta"
  83. "Abbiamo fatto il possibile e l'impossibile"
  84. Video - L'avvocato di Ala: Faremo appello
  85. Video - Mi aspettavo una assoluzione
  86. Video - Paolo e Ala increduli
  87. Video - Il dolore della madre di Ala e Tatiana
  88. Video - Gradoli - Ergastolo per Ala e Paolo
  89. Video - "Un'affermazione di verità e giustizia"
  90. Processo Gradoli, ergastolo per Paolo e Ala
  91. Fermento in aula per la sentenza
  92. Processo Gradoli, sentenza rinviata a domani
  93. Processo Gradoli, ore contate per la sentenza
  94. "Nessuna certezza che Ala sia colpevole"
  95. Riprende il processo Gradoli
  96. Un amore ossessivo, un odio cieco...
  97. Chiesto l'ergastolo per Paolo e Ala
  98. Video - Ala, in lacrime, racconta il carcere
  99. Video - Paolo: "Ho mentito per rivedere mia figlia"
  100. Spunta il "terzo amore" di Tatiana
  101. Il muro della cucina non ha subito alterazioni
  102. Sangue sul pick-up, nominati i periti
  103. Giallo di Gradoli, nuovi avvisi di garanzia
  104. Maria Esposito colta da malore
  105. Gradoli - Colpo di scena in aula
  106. Avviso di garanzia per i genitori di Esposito
  107. Tania aveva paura di essere avvelenata
  108. Il caso Gradoli sbarca a Mattino Cinque
  109. "Le tracce potrebbero essere state cancellate"
  110. Parte il processo Gradoli
  111. Paolo Esposito aveva una relazione con la sorella di Tatiana
  112. Mamma e figlia svanite nel nulla
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR