Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

Tutankhamon-560x80

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Caffeina - Serata sarda - La musica dei "Cordas et cannas" entusiasma e fa ballare

Il fascino ancestrale di Mamuthones e Issohadores fa vibrare piazza San Lorenzo

di Paola Piedomenico



Caffeina - Serata sarda - Cordas et cannas

Caffeina – Serata sarda – Cordas et cannas

Caffeina - Serata sarda - Mamuthones e Issohadores a piazza San Lorenzo

Caffeina – Serata sarda – Mamuthones e Issohadores a piazza San Lorenzo

Caffeina - Serata sarda - Mamuthones e Issohadores a piazza San Lorenzo

Caffeina – Serata sarda – Mamuthones e Issohadores a piazza San Lorenzo

Caffeina - Serata sarda - Mamuthones e Issohadores a piazza San Lorenzo

Caffeina – Serata sarda – Mamuthones e Issohadores a piazza San Lorenzo

Caffeina - Serata sarda - Mamuthones e Issohadores a piazza San Lorenzo

Caffeina – Serata sarda – Mamuthones e Issohadores a piazza San Lorenzo

Caffeina - Serata sarda - Mamuthones e Issohadores a piazza San Lorenzo

Caffeina – Serata sarda – Mamuthones e Issohadores a piazza San Lorenzo

Caffeina - Serata sarda

Caffeina – Serata sarda

Viterbo – Il sentimento della Sardegna nei cuori di piazza San Lorenzo. È il Sentidu. La tradizione più profonda di una terra affascinante che ha saputo conservare i suoi tratti selvaggi attraverso riti emozionanti. Sono i Mamuthones e gli Issohadores di Mamoiada. Per la prima volta a Viterbo, grazie a Caffeina, è stato possibile assistere a una serata unica. Vederli con addosso le pelli di pecora nera, le maschere in legno nero e bianco e i campanacci è stato come immergersi nelle atmosfere di una terra ricca di storia. Come se un pezzo di Sardegna si fosse, per qualche ora, trasferito nel capoluogo.


Multimedia: Fotogallery di Elisa Cappelli: Serata Sarda – video


Hanno sfilato in mezzo al pubblico. In lontananza si sentivano i campanacci… ed è piano piano che il gruppo fatto la sua comparsa.

Prima sono entrati gli Issohardes vestiti con calzoni bianchi e casacca rossa. Bianche erano anche le maschere in faccia. In mano, invece, le corde, gettate come un lazo sulla folla, in segno di buon auspicio. Dietro di loro, su due file, i Mamuthones – con la maschera in legno nero – una diversa dall’altra – che con movimenti coordinati e a scatti facevano suonare i campanacci che portavano sulle spalle. Hanno attraversato la piazza. Uno spettacolo indescrivibile.

In sottofondo la musica dei Cordas et cannas, gruppo che quest’anno festeggia i 40 anni di attività. Sono Bruno Piccinnu, Francesco Pilu, Alain Pattitoni, Gianluca Dessì, Lorenzo Sabattini e Sandro Piccinnu.

“La gente cichiede di esibirci in piazza per condividere con noi le emozioni della nostra terra”, ha detto la voce del gruppo Piccinnu.
È proprio con la loro musica sono iniziati i balli con la gente che si è riversata sotto il palco a danzare. Impossibile smettere. Impensabile non scendere in pista.

Il gruppo vanta collaborazioni con musicisti di vario genere da Paolo Fresu ad Antonello Salis e altri.
“La nostra musica – ha continuato Piccinnu – parte dalla tradizioni culturali e musicali della Sardegna con l’utilizzo diretti di vari strumenti come le launeddas. Il tutto in forma moderna. Una musica a 360 gradi”.

Il nome del gruppo si riferisce alle corde e alla canne e cioè gli oggetti musicali, con la congiunzione latina et per distinguerli dai cognomi.
I canti sono solo ed esclusivamente in lingue sarde, sia in logudurese, che è il sardo centrale, e in nuorese che appartiene al nord.

Una serata che ha lasciato senza fiato. L’evento è stato organizzato in collaborazione con l’associazione Sardegna in Tuscia.

A fine serata, il gruppo si è trasferito al Labirinto, gestito da Giovanni Uselli, sardo doc, per la cena con prelibatezze isolane.

Paola Piedomenico

30 giugno, 2018

Caffeina 2018 ... Gli articoli

  1. Uto Ughi, il rigore del genio
  2. ...tutti giù per terra
  3. “Comunicare non coincide necessariamente con l’essere amati”
  4. Due paesi uniti dalla cultura mediterranea...
  5. "Fino a 30 chili sulla schiena e cinghie in pelle..."
  6. Caffeina... grande chiusura con Uto Ughi
  7. "La mafia colpisce come i lupi"
  8. "Salvini è la vecchia politica..."
  9. “Il Montelago celtic festival è una festa di musica, pace e amore”
  10. "La legge 107 trasforma la scuola da comunità a ufficio pubblico"
  11. "Se la scuola funziona male, non si costruisce futuro"
  12. Nellie Bly, la giornalista che inventò l'inchiesta sotto copertura...
  13. “Il primo libro scritto in maiuscolo, compresi i numeri”
  14. "E' un contenitore di quello che deve essere il bello della vita"
  15. Il principe che provò a fare l’Italia...
  16. Bertinotti ricorda "Quando c’erano le lucciole"
  17. "Nonostante la mia età vivo come un ragazzo..."
  18. "Sarà come andare indietro nel tempo..."
  19. La cultura egiziana rivive a piazza San Lorenzo...
  20. "Il mondo nel soffitto", un libro che sembra un film...
  21. Annacarla Valeriano, Fernando Pedichini, Dacia Maraini, Eugenio Murrali, Massimo Fini, Marco Damilano, Leonardo Luccone, Gioele Dix, Fausto Bertinotti, Gianremo Armeni, Eugenio Bennato, Valerio Massimo Manfredi e Massimiliano Smeriglio
  22. "Racconto con la musica il sud della bellezza"
  23. Baffo: "Il festival è estate, è amore per la città"
  24. La Uil Scuola incontra la politica per parlare di istruzione
  25. Esposto l'intero Tesoro di Tutankhamon...
  26. Villaggio Senza Caffeina per i più piccoli...
  27. "Fate parte del mondo Caffeina, senza di voi il festival non ci sarebbe"
  28. Alessandro Mannarino apre Caffeina 2018
  29. La storia dell'Egitto nel "Balletto Faraonico" della Cairo opera house ballet
  30. Piazza san Carluccio diventa un'arena del gusto
  31. "Quando qualcuno parte con la rumba vera in questo angolo di una balera"

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR

Ciminauto -1036x80-16-10-18-OK