Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Economia - Il presidente di Assoturismo Confesercenti Vittorio Messina commenta l’accordo per il rinnovo con Filcams, Fisascat e Uiltucs

“Il nuovo contratto dà più certezze alle imprese e ai lavoratori”

Condividi la notizia:

Euro - Banconote

Euro – Banconote

Roma – Confesercenti e i sindacati dei lavoratori Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e UilTucs hanno raggiunto l’accordo per il rinnovo del contratto nazionale del lavoro del settore turismo.

Il nuovo contratto, formalmente condiviso e sottoscritto ieri sera, fa riferimento a un settore con oltre 1,5 milioni di addetti e più di 400mila imprese. E’ infatti l’unico contratto nazionale unitario del turismo che può essere applicato da tutte le tipologie di attività del comparto: agenzie di viaggio, ricettività alberghiera, campeggi, pubblici esercizi, ristorazione e stabilimenti balneari.

Il nuovo accordo, che sarà operativo per i circa 400mila dipendenti delle 80mila imprese turistiche Confesercenti, prevede regimi salariali differenziati, tutti con decorrenza dal primo gennaio 2018. Per i pubblici esercizi, la ristorazione e gli stabilimenti balneari l’aumento salariale lordo su base mensile per le figure inquadrate nel quarto livello sarà suddiviso in cinque tranche da corrispondere entro il dicembre 2021, e a regime raggiungerà i 100 euro; per il quarto livello delle agenzie di viaggio l’aumento è di 88 euro su base mensile, ed è di 88 euro su base mensile anche per il quarto livello del settore ricettivo-alberghiero e i campeggi. Per alberghi e campeggi è prevista in aggiunta un’una tantum di 936 euro lordi, che verrà erogata in cinque rate.

Il nuovo contratto dà più certezze e stabilità alle imprese ed ai lavoratori, proseguendo allo stesso tempo nel necessario percorso di qualificazione di un settore che, se messo nelle giuste condizioni, ha ancora grandi possibilità di sviluppo – spiega il Presidente di Assoturismo Confesercenti Vittorio Messina -. L’accordo di rinnovo prevede infatti per tutti i comparti importanti interventi in materia di flessibilità oraria, fondamentale per le PMI, di mercato del lavoro, di bilateralità e di assistenza sanitaria integrativa. Per i pubblici esercizi, per la ristorazione collettiva e commerciale e per gli stabilimenti balneari sono inoltre previste una serie di misure contenitive del costo del lavoro per fronteggiare anche le difficili situazioni congiunturali. L’aver trovato un punto di incontro con le associazioni sindacali su queste materie è un primo passo nella giusta direzione per sostenere la crescita del turismo ed affrontare le criticità ancora esistenti nel settore”.

Vincenzo Peparello Presidente della Confesercenti di Viterbo, e responsabile del settore turismo, si associa alle parole dei Presidenti di categoria del Turismo e condivide anche le parole espresse dalla presidente di Confesercenti nazionale. “Esprimendo grande soddisfazione per essere riusciti, dopo una lunga trattativa, a chiudere un accordo per il rinnovo – dice -. Il turismo è uno dei settori più dinamici della nostra economia, e l’intesa con i rappresentanti dei lavoratori rafforza un comparto che caratterizza il Made in Italy e che, al netto dell’indotto, vale circa il 6 percentodel nostro Pil”.


Condividi la notizia:
31 luglio, 2018

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR