--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - A siglarlo sono stati il prefetto e i sindaci della Tuscia

Firmato il protocollo contro le infiltrazioni mafiose

Condividi la notizia:

Viterbo - La firma del protocollo contro le infiltrazioni mafiose

Viterbo – La firma del protocollo contro le infiltrazioni mafiose

Viterbo - La firma del protocollo contro le infiltrazioni mafiose

Viterbo – La firma del protocollo contro le infiltrazioni mafiose

Viterbo - La firma del protocollo contro le infiltrazioni mafiose

Viterbo – La firma del protocollo contro le infiltrazioni mafiose

Viterbo – Un’ulteriore forma di garanzia che va a consolidare e prevenire le infiltrazioni mafiose sul territorio. Firmato dai sindaci del viterbese il “Protocollo d’intesa per la prevenzione dei tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nel settore dei pubblici appalti e delle concessioni di lavori pubblici per la prevenzione dei fenomeni di corruzione per l’attuazione della trasparenza amministrativa”.

Questa mattina, nella sala Coronas della Prefettura di Viterbo in piazza del Plebiscito. Alla presenza del prefetto Giovanni Bruno, dei rappresentanti delle forze dell’ordine di carabinieri e finanza, del presidente della provincia e di tutti i sindaci della Tuscia.

“Il protocollo – spiega una nota della Prefettura – costituisce un ulteriore tassello attraverso il quale la Prefettura cerca di creare un sistema strutturale per il contrasto dei fenomeni di illegalità e penetrazione mafiosa nel ciclo dei contratti pubblici degli enti locali della Provincia”. 

“Le parti firmatarie del protocollo – prosegue la nota – con la Prefettura, Provincia di Viterbo e tutti i comuni della provincia di Viterbo, che in tale ambito sono stazioni appaltanti, hanno come obiettivo quello di assicurare, pur nel rispetto del principio della libertà di mercato, la realizzazione del preminente interesse pubblico alla legalità ed alla trasparenza nel settore degli appalti, esercitando appieno i poteri di monitoraggio e vigilanza attribuiti dalle leggi vigenti anche ai fini di prevenzione, controllo e contrasto dei tentativi di infiltrazione mafiosa, di prevenzione dei fenomeni di corruzione e di verifica della sicurezza e regolarità dei cantieri”.

La sottoscrizione del “Protocollo di legalità” è finalizzato alle attività di prevenzione dei tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata, in particolare attraverso l’estensione delle cautele antimafia peraltro nella forma più rigorosa delle informazioni del Prefetto, all’intera filiera degli esecutori e dei fornitori, ed agli appalti di lavori pubblici sottosoglia, in base alta normativa generale in tema di antimafia di cui al D. Lgs. n. 159 del 6 settembre 2011 ed alle successive modifiche di cui al D. Lgs. n. 218 del 15 novembre 2012, nonché attraverso il monitoraggio costante dei cantieri e delle imprese coinvolti nell’esecuzione delle opere tramite i Gruppi Interforze di cui al D.M. 14.03.2003.

 

 


Condividi la notizia:
25 luglio, 2018

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR