Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

Lezioni-di-democrazia-560x80

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Bruxelles - Il presidente Usa all'attacco degli alleati europei, in particolare la Germania

Nato, Trump chiede più soldi per la difesa

Donald Trump

Donald Trump

Bruxelles – Secondo quanto riportato dal premier bulgaro Rumen Radev alla sua stampa nazionale, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, avrebbe formalizzato agli alleati della Nato una richiesta di aumentare considerevolmente le spese per la difesa.

Nel corso del vertice di Bruxelles, Trump avrebbe quantificato al 4% la voce di Pil che ogni nazione dell’alleanza atlantica dovrebbe destinare alla protezione militare. Una cifra che raddoppia il 2% che era già stato concordato nel 2014 e che, secondo l’inquilino della Casa bianca, non è ancora sufficiente.

La posizione del presidente americano era stata anticipata da alcuni tweet pubblicati prima dell’approdo in Europa, in cui era scritto che “gli Stati Uniti stanno spendendo molte volte più di qualsiasi altra nazione per proteggere i Paesi della Nato”.

Nel mirino di Trump c’è soprattutto la Germania, accusata di pagare troppo poco per la sua difesa. “La Germania – ha scritto – spende l’1% e gli Stati Uniti il 4%, e l’Europa beneficia delle Nato molto di più degli Stati Uniti”.

Al segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, il presidente Usa ha spiegato che Berlino è “totalmente controllata dalla Russia, a causa della sua dipendenza dal gas naturale russo. Gli Stati Uniti spendono in modo pesante per difendere la Germania dalla Russia e la Germania finisce per pagare miliardi e miliardi di dollari ogni anno alla Russia”.

Non è tardata ad arrivare la replica della cancelliera tedesca Angela Merkel: “La Germania è al secondo posto per quanto riguarda la fornitura di truppe alla Nato e oggi abbiamo un forte coinvolgimento in Afghanistan. In questo modo, difendiamo anche gli interessi degli Stati Uniti”.

11 luglio, 2018

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR