--

--

Tutankhamon-560x80

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tuscania - Appuntamento domenica 15 luglio all'osteria Terziere di poggio a partire dalle 20

Pietro Benedetti in scena con “Maremmanza”

A sinistra Pietro Benedetti

A sinistra Pietro Benedetti

Tuscania – Riceviamo e pubblichiamo – “Maremmanza” di Pietro Benedetti è uno spettacolo teatrale sulle tradizioni tosco-laziali.

Andrà in scena a Tuscania domenica 15 luglio all’osteria Terziere di poggio a partire dalle 20. 

Con Marco Betti, Pietro Benedetti e Marco Giovani alias Marcaccio- “Pillole” narrative di Paola Bertuccini, narratrice di comunità


Si tratta di tradizioni legate alla poesia improvvisata (ottava rima, stornelli), ma anche alla musica e all’enogastronomia.Il racconto segue il corso della transumanza dall’Appennino toscano, in particolare dal Casentino, verso la Maremma: quando ne ritornano, i pastori, guidati dai butteri, riportano storie di briganti e di lavoro duro.

La transumanza era una migrazione periodica che, obbedendo alle leggi della natura, dava alla pastorizia quella particolarità che la differenziava da ogni altra attività: il pastore appariva come un nomade, un solitario e silenzioso individuo che quasi rifuggiva dal mondo.

Una vita, la sua, fatta di notti passate sotto le stelle, acqua cotta a cena e nessuna comodità. La capanna era l’unico luogo di ristoro dopo una lunga giornata di lavoro, costruita con canne ben serrate tra loro, il tetto ricoperto da verdi frasche. Dentro i pastori si sistemavano nelle rapazzole, attorno al focolare. 

Spesso, soprattutto per quanto riguardava la Maremma, non c’era ritorno (da pastori si diventava butteri o braccianti a servizio delle grandi aziende agrarie).

C’era forse anche un certo piacere nel farsi maremmani: la popolazione locale, infatti, era assai accogliente, dimostrandolo da sempre, con marchigiani e umbri prima, poi con il popolo sardo. Tornando ancora più indietro, se vogliamo, già gli Etruschi l’avevano eletta a loro vera patria (tanto che ben otto delle città che formavano la loro dodecapoli insistevano nell’area maremmana.

Pietro Benedetti

14 luglio, 2018

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564