--

--

Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Economia - Fortunato Mannino, segretario della Cisl, soddisfatto dopo l'incontro di lunedì in Regione, ma puntualizza: "Dai nostri parlamentari, silenzio assordante"

“Soluzioni concrete per salvaguardare il tessuto economico-industriale”

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

Fortunato Mannino

Fortunato Mannino

Viterbo – (p.p.) – “Soluzioni concrete per salvaguardare il tessuto economico-industriale. Dai nostri parlamentari, però, silenzio assordante”. Fortunato Mannino, segretario della Cisl, non demorde. Il 9 luglio in Regione Lazio c’è stato un incontro con i segretari regionali e provinciali confederali. Si è parlato, tra le altre cose, della richiesta di riconoscere la Tuscia come area di crisi complessa.

“E’ stata una riunione positiva – commenta Mannino – con l’assessore che si è detto disponibile a recepire le istanze del territorio e che, in particolare, ha assicurato di fare le dovute verifiche per la richiesta di area di crisi complessa per la nostra provincia, senza comunque creare false aspettative, perché l’iter è complicato.

Si è dimostrato molto sensibile, perché il quadro presentato è abbastanza allarmante con una situazione occupazionale che si fa sempre più difficile. Ricordo la drammatica vicenda della Maico di Orte e dell’ex Alta di Bagnoregio a cui si sono aggiunte le paure dei delegati e dei lavoratori della Unopiù, che a settembre non potranno più contare sugli ammortizzatori sociali, e l’annuncio della Smavit di Vitorchiano con cui ha comunicato l’attivazione della procedura di licenziamento collettiva per riduzione di personale per ben 25 lavoratori“.

Per Mannino l’obiettivo è uno: “Trovare soluzioni non tampone, ma definitive per preservare e salvaguardare il tessuto industriale ed economico della nostra provincia, dove ormai non ci sono più ammortizzatori sociali e si fa sempre più concreto il rischio di depauperamento del territorio. Questo l’assessore lo ha capito ed ecco perché, per me, è necessario un protocollo in Regione e una rete solida tra i protagonisti coinvolti in questo processo economico.

Vedo quindi il bicchiere mezzo pieno, perché è stato un confronto costruttivo mirato a dare certezze. Il primo di tanti”.

Mannino tiene però a puntualizzare e auspica: “I nostri parlamentari battano un colpo, perché – conclude il segretario della Cisl – questo silenzio è assordante”.

12 luglio, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR