--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Brescia - E' un sindacalista 48enne, collega di lavoro della vittima

Amante confessa omicidio e fa ritrovare il corpo di Manuela

Condividi la notizia:

Manuela Bailo

Manuela Bailo

Brescia – Amante confessa l’omicidio e fa ritrovare il corpo di Manuela. E’ stato lui a ucciderla e seppellirla. Si è risolto stanotte nel peggiore dei modi il giallo di Brescia.

L’amante di Manuela Bailo ha confessato il delitto della 35enne bresciana scomparsa dal 29 luglio scorso. Si tratta di Fabrizio Pasini, 48enne bresciano, di Ospitaletto, sindacalista della Uil e collega della giovane.

Dopo la sparizione di Manuela, era tornato al lavoro con dolori alle costole e si era giustificato dicendo di aver avuto un incidente domestico.

L’uomo, tornato nella serata di ieri dalla Sardegna, dove si trovava in vacanza con la famiglia, ha portato gli inquirenti sul luogo dove ha sepolto Manuela e ha fatto anche ritrovare l’auto, lasciata dove i due si erano incontrati la sera del 28 luglio a Brescia.

Il corpo è stato trovato nelle campagne attorno ad Azzanello, nei pressi di un casolare, la cascina Bramano, lungo una strada che porta al fiume Oglio, in provincia di Cremona e in queste ore le forze dell’ordine sono a lavoro per riesumarlo.

La scomparsa di Manuela risale a sabato 29 luglio, quando la donna ha lasciato in auto la casa che ancora condivideva con l’ex fidanzato, ora convivente. La sua auto, una Opel corsa a tre porte grigio metallizzata, è stata ritrovata dopo la confessione dell’ex amante.

Il 45enne che ha confessato l’omicidio ai carabinieri di Gardone Valtrompia era già stato ascoltato come “persona informata sui fatti” subito dopo l’allarme per la scomparsa della donna, ma rilasciato a piede libero senza accuse. Nel corso di un nuovo lungo interrogatorio alla fine l’uomo è crollato. La relazione tra Manuela Bailo e l’uomo sarebbe terminata circa un anno fa. I due si erano conosciuti sul posto di lavoro in un Caf di Nave, in provincia di Brescia, dove viveva e lavorava la vittima. 

L’uomo, inizialmente, aveva dichiarato di avere un alibi per il momento della scomparsa di Manuela Bailo e di trovarsi con la famiglia. Ora restano da chiarire eventuali complicità e come Fabrizio Pasini abbia fatto ritorno alla sua abitazione dopo aver nascosto il corpo nel Cremonese. Sugli sms, infine, sembra confermata l’ipotesi che non siano stati scritti dalla giovane.

 


Condividi la notizia:
20 agosto, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR