--

--

Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Acquapendente - Per il piccolo incidente in bici nel Senese - Alessandro Evangelisti è subito intervenuto, nonostante fosse libero dal servizio

Bimbo di sei anni rischia di morire dissanguato, salvato da un infermiere viterbese

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

L'infermiere Alessandro Evangelisti

L’infermiere Alessandro Evangelisti

Acquapendente – Ha salvato la vita a un bimbo di sei anni, vittima di un incidente in bici. Ma non chiamatelo eroe. “Ho fatto solo il mio dovere”, ripete Alessandro Evangelisti. Trentacinquenne di Acquapendente, è iscritto all’ordine delle professioni infermieristiche di Viterbo. E quando ha soccorso il piccolo era libero dal servizio.

L’incidente domenica pomeriggio. Il bambino, come riporta Nurse Times, il giornale degli infermieri che ha raccontato la storia, era in sella alla sua bici quando, al termine di una discesa vicino alle terme di Bagni San Filippo, in provincia di Siena, è caduto rovinosamente a terra. Procuratosi varie ferite, si sarebbe reciso anche l’arteria femorale da cui usciva moltissimo sangue.

Immediato l’intervento dei presenti, che hanno subito contattato i soccorsi. Ma fortunatamente nei pressi dell’incidente c’era anche l’infermiere viterbese Evangelisti, che con un asciugamano è riuscito ad arrestare il sanguinamento della gamba.

“La situazione era davvero critica – racconta Evangelisti -, il bambino non smetteva di perdere sangue e avevo paura che si fosse reciso l’arteria femorale. Ma è stato fortunato. Perché poco dopo di me sono arrivati anche un’infermiera, sempre libera dal lavoro, e due medici che si stava recando alle terme. Il piccolo, invece, nemmeno si lamentava. Nonostante, oltre alla brutta emorragia, avesse anche una probabile frattura del femore”.

Poi l’arrivo dei sanitari del 118, che hanno ricoverato il bimbo in ospedale. “Hanno chiesto l’intervento del Pegaso e hanno elitrasportato il piccolo all’ospedale pediatrico Meyer. Mi auguro che si rimetta al più presto e che possa tornare a giocare con i suoi amici il prima possibile”.

9 agosto, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR