--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Firenze - Infezione contratta durante il parto all'ospedale di Massa - Era ricoverato in gravissime condizioni al Meyer dal 20 luglio

Bimbo di due mesi muore di meningite

Condividi la notizia:

Dottore in ambulatorio

Dottore in ambulatorio

Firenze – Un bambino di due mesi, nato a Massa, è deceduto all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze per le conseguenze di una grave forma di meningite.

Il piccolo era ricoverato dal 20 luglio nel capoluogo toscano e i medici non avevano mai sciolto la prognosi. La tipologia di meningite che ha ucciso il bimbo ha avuto origine dallo streptococco ed è stata trasmessa dalla madre al momento della nascita.

La meningite da streptococco B era stata contratta durante il parto al Noa di Massa, poi il trasferimento d’urgenza al Meyer con l’elissoccorso in gravissime condizioni.

Il piccolo aveva anche un’emorragia cerebrale. Nello specifico il piccolo ha contratto una meningoencefalite, una grave infiammazione delle meningi e dell’encefalo.

La speranza, in primis quella dei genitori, era che il bambino potesse riprendersi, ma le condizioni erano disperate, tanto che ai primi sintomi, i medici dell’ospedale delle Apuane avevano disposto il trasferimento d’urgenza al Meyer in elisoccorso. Al momento dall’Asl le bocche sono cucite sulla possibile causa del contagio.

Sono almeno mille ogni anno i casi analoghi segnalati ogni anno a livello nazionale in tutta la popolazione, ma la fascia di età più a rischio è quella pediatrica: in particolare risultato particolarmente colpiti i bambini con meno di un anno di età.

E i sintomi della meningite da streptococco sono del tutto simili a quelli di altre malattie: quindi mal di testa, febbre alta, testa, nausea e vomito, difficoltà a tenere dritto il collo e convulsioni.

 


Condividi la notizia:
10 agosto, 2018

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR