Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Frontini conferma l'iniziativa Aperti per ferie: "La politica va in vacanza, ma le emergenze no"

“Chiara tra gli ultimi”

di Alessandro Castellani
Condividi la notizia:

Aperti per ferie 2018

Aperti per ferie 2018

Chiara Frontini

Chiara Frontini

Don Crudo con un pacco alimentare

Don Crudo mostra un pacco alimentare

Viterbo – Il movimento Viterbo venti venti di Chiara Frontini conferma anche per il 2018 l’iniziativa “Aperti per ferie”. Quest’anno a sostegno della onlus banco alimentare Regina Pacis di don Tino Alberto Crudo.

“Quando comincia agosto – spiega la capogruppo – a Viterbo c’è la tendenza a rinviare tutto a dopo la festa di santa Rosa. Questa cosa deve finire ed è uno dei motivi per cui noi adesso lanciamo ‘Aperti per ferie’. Quest’anno ci dedicheremo agli ultimi, perché le urgenze non vanno in vacanza. Anzi, è proprio nel periodo delle vacanze che si fanno più gravi”.

Per il 2018 l’iniziativa di Viterbo venti venti sosterrà Regina Pacis, un’associazione che dà assistenza a oltre 2100 nuclei familiari indigenti, attraverso la somministrazione di pacchi alimentari e indumenti e un servizio di supporto psicologico.

Insieme a Frontini, nella sede della onlus arrivano la consigliera comunale Patrizia Notaristefano e altre referenti di Viterbo venti venti: Maria Antonietta Coccia, Cinzia Viglianti e Anna Rita Petroselli.

“Per moltissime persone – spiega il padrone di casa, don Crudo – è un trauma enorme presentarsi qui a chiedere aiuto. Per questo motivo noi non ci limitiamo solo a consegnare il mero pacco alimentare, ma vogliamo anche che i nostri assistiti affrontino il disagio con la forza e la volontà di superarlo. Vogliamo essere un aiuto, non un mantenimento”.

“La situazione è difficile – continua il presidente di Regina Pacis -. Ogni mese esauriamo completamente le scorte a nostra disposizione. Anzi, spesso dobbiamo richiedere un supplemento all’Agea, l’agenzia che si occupa dello smistamento dei prodotti alimentari europei. Devo anche dire che alcuni ci marciano, ma per fortuna sono in pochi”.

Il prelato lamenta un certo isolamento da parte delle istituzioni e degli imprenditori. “Abbiamo presentato delle richieste di affidamento di alcune strutture di proprietà della regione Lazio, che sono in stato di abbandono e che invece sarebbero ottime per le nostre necessità. Ma la regione non ha mai risposto alle nostre richieste, e francamente non capisco il motivo. Inoltre, mi stupisce la scarsa collaborazione dei supermercati: preferiscono buttare la merce invenduta piuttosto che donarla a noi, cosa che gli garantirebbe anche importanti sgravi fiscali”.

“Tuttavia – precisa don Crudo – c’è anche da ringraziare l’amministrazione comunale di Montefiascone, che ha voluto l’apertura di una nostra succursale nella vecchia stazione ferroviaria di Zepponami”.

A seguire, la consigliera Notaristefano presenta il calendario di Aperti per ferie: “Negli ultimi due weekend di agosto effettueremo le raccolte di prodotti in alcuni supermercati di Viterbo, poi ci occuperemo delle consegne. Nel frattempo, ci dedicheremo alle altre attività”.

Oltre al supporto a Regina Pacis, infatti, il progetto di Viterbo venti venti comprenderà anche attività di assistenza agli anziani e ai disabili, oltre che l’adesione a campagne contro la dipendenza da ludopatie. “Si tratta d’iniziative già compiute in passato dal nostro movimento – chiude Frontini – quindi è un segno di continuità che ci teniamo a sottolineare. Poter prestare il proprio contributo a favore di chi ne ha bisogno è sempre una bella soddisfazione”.

 


Condividi la notizia:
1 agosto, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR