--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cultura - Un ricordo di Claudio Lolli, cantautore e poeta

“E siamo noi a far bella la luna…”

di Carlo Galeotti
Condividi la notizia:

Claudio Lolli

Claudio Lolli

Viterbo – “E siamo noi a far ricca la terra. Noi che sopportiamo la malattia del sonno e la malaria. Noi mandiamo al raccolto cotone, riso e grano. E noi piantiamo il mais su tutto l’altopiano”. “Ti dico la disperazione di chi non trova l’occasione per consumarsi un giorno da leone. Di chi trascina la sua vita, in una mediocrità infinita con quattro soldi stretti tra le dita. Io ti racconto la pazzia che si compra in chiesa o in drogheria, un po’ di vino un po’ di religione”.

L’altro giorno a tarda sera è arrivata da un amico la notizia: è morto Lolli. E una mestizia è calata in casa.

Un dolore per un poeta che se ne va. I poeti sanno le parole. Sanno le parole della nostra anima. Dicono le parole che misteriosamente erano già dentro la nostra mente. Dicono, semplicemente, la “parola”. Conoscono il mood dei tempi in cui vivono.

Ecco Claudio Lolli, troppo spesso etichettato come “cantautore impegnato”, è stato molto di più. E’ stato un poeta. Come gridava Moravia al funerale di Pasolini. E di poeti “ne nascono tre o quattro soltanto dentro un secolo”. Con Lolli se ne è andato qualcuno che conosceva i nostri pensieri. Una volta si sarebbe detto che “se ne è andato un compagno”. E mi vien voglia di dirlo ma nel senso più alto del termine: se ne andato un compagno. Uno con cui si divide il pane, come da etimologia. Uno con cui abbiamo spezzato insieme il pane delle parole dell’anima.

Basterebbero due o tre frasi, due o tre canzoni di Lolli per riempire e giustificare la vita di ogni essere umano. Michel, Aspettando Godot, Anna di Francia, Io ti racconto. E non solo Ho visto anche degli zingari felici.

Lolli l’ho incrociato due volte, almeno. Ai tempi del liceo: la scoperta. Un altro giornalista allora ragazzino, Marco Giovannelli, scendendo di casa si portò appresso la cassetta di un certo Lolli, che aveva imposto alla Emi il prezzo politico: 3500 lire. Era proprio Ho visto anche degli zingari felici. Lì per lì non ci feci molto caso. Uno dei tanti cantautori. Amico di Guccini, che era il nostro cantautore. Niente di più. Poi la musica e le poesie di Lolli scavarono. E divennero la colonna sonora di tratti di vita più o meno dolorosi. 

Erano anni in cui le amicizie si vivevano per strada e nelle piazze, come cantava proprio Lolli. E non su Facebook.

Una consonanza profonda con Lolli si era creata.

Lolli venne più volte a Viterbo. Lo andai a sentire a piazza della Rocca in uno splendido concerto sotto il porticato di palazzo Grandori. Spettatori una ventina. Il tutto organizzato, se non ricordo male, da Stampa alternativa. Il concerto era la riproposizione di Ho visto anche degli zingari felici riarrangiata e suonata insieme a un gruppo straordinario: Il parto delle nuvole pesanti. Un gruppo calabrese che “balcanizzò” l’opera di 27 anni prima.

Come dire che la bellezza spesso si trova in momenti intimi anche nel mondo della musica.

Lolli è stato per lungo tempo dimenticato. Solo l’altr’anno gli è stato riconosciuto formalmente il valore. Ha vinto la targa Tenco nella categoria Miglior disco dell’anno in assoluto con l’album Il grande freddo

Ma la musica e le parole di Lolli rimarranno, e non solo nei cuori di una intera generazione che ha vissuto la politica, gli amori, la libertà come esperienze imprescindibili e autentiche. Rimarranno nella vita culturale di questa nazione.

Perché “siamo noi a far bella la luna con la nostra vita coperta di stracci e di sassi di vetro”. 

Un abbraccio Claudio. E grazie per avermi accompagnato in questi tempi di barbarie.

Carlo Galeotti


Condividi la notizia:
20 agosto, 2018

Ho visto cose che voi umani... ... Gli articoli

  1. Quando la politica è "sangue e merda"...
  2. Manifestazione antimafia, ma i parlamentari viterbesi dove erano?
  3. Denunciare! Denunciare! Denunciare!
  4. Nessuno tocchi la torre di Pier Paolo Pasolini...
  5. Belushi, Benigni, il buon Astorre e Casapound...
  6. "Grazie per gli auguri e per la cavalcata nel tempo trascorso..."
  7. Il principe nero compie 90 anni
  8. I cazzi di Michelangelo e la cacotopìa di Bentham...
  9. Cara Chiara Bordi questa volta hai leonardato... perché il cuore è un occhio
  10. "Museo civico chiuso a Ferragosto, icona di una città che muore"
  11. "Il museo civico chiuso a Ferragosto? E' solo la punta di un iceberg"
  12. "A Ferragosto il museo civico doveva essere aperto e gratuito..."
  13. "Ricordare a Beppe “Ciccio” Fioroni che non è più deputato Pd..."
  14. Sebastiano del Piombo? E chi cazzo è?!
  15. "Via San Lorenzo al buio, quelle luci erano degli anni Quaranta..."
  16. Via San Lorenzo al buio e abbandonata agli schiamazzatori
  17. Se uno alza la palla a Salvini, quello te la schiaccia in faccia
  18. "Pulirò la fontana con le mie mani, se necessario..."
  19. "No, non si può fare il bagno nelle fontane della città... e Caporossi pagherà la sanzione"
  20. A Viterbo, signor sindaco, si può fare il bagno in mutande nelle fontane?
  21. "Indignato e disgustato dalla performance di Caporossi..."
  22. Dialogo sconsolato sui minimi sistemi...
  23. Chiara Frontini la grillina... a sua insaputa
  24. Solo chiacchiere e distintivo, chiacchiere e distintivo...
  25. Se vedete che sto diventando come Fioroni, abbattetemi!
  26. Sono 15 anni che rompiamo i coglioni...
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR