--

--

Tutankhamon-560x80

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Comune - Giacomo Barelli (Viva Viterbo): "Basta con le dichiarazioni di propaganda, pensiamo a sistemare il bilancio"

“Il blocco del piano periferie l’hanno votato anche Forza Italia e Pd”

di Alessandro Castellani

Viterbo - Giacomo Barelli

Viterbo – Giacomo Barelli

Viterbo – “Tanta propaganda e zero soldi. Quando parlano, i politici dovrebbero utilizzare meno il futuro e più il passato”.

Giacomo Barelli, Viva Viterbo, prende posizione sulla questione dei 17 milioni di euro del piano periferie bloccati dal decreto milleproroghe.

“In questa vicenda – spiega Barelli – è stata fatta troppa propaganda, da parte di tutti. Sia nel momento in cui sono stati annunciati i fondi, sia nel momento in cui sono stati bloccati. Anche perché l’emendamento che congela i 17 milioni fino al 2020 è stato approvato al senato da tutte le forze politiche. E poi non dimentichiamo che sul piano periferie gravava già da aprile una sentenza d’illegittimità della corte costituzionale”.

Quindi l’amministrazione ha agito con imprudenza?
“Non dico questo. Dico che questa situazione non è un fulmine a ciel sereno. È già da aprile che bisognava immaginarsi che sul piano periferie sarebbero potuti emergere dei problemi. Adesso che i nodi sono giunti al pettine, è il momento di abbandonare la propaganda e affrontare la realtà per quella che è”.

Sarebbe?
“Oggi noi sappiamo che sul bilancio del comune c’è un accertamento d’entrata di 17 milioni, con cui era stata garantita copertura finanziaria a 76mila euro di incarichi per progetti. Venendo meno i 17 milioni, bisogna trovare subito altre coperture per i soldi già impegnati e decidere come riequilibrare il bilancio”.

In poche parole, sarà un agosto molto movimentato…
“È opportuno che il sindaco convochi al più presto la commissione bilancio e poi il consiglio comunale, perché al momento la situazione è totalmente bloccata. E, con l’occasione, spieghi anche ai cittadini che strategia intende adottare per il futuro: cosa si fa in attesa del 2020? I progetti che si volevano avviare con i soldi del bando periferie si annullano o si va avanti con risorse reperite dalle casse comunali? O, in terza alternativa, si punta sui fondi, comunque meno dei 17 milioni, che dovrebbero arrivare dallo sblocco del patto di stabilità? Queste sono decisioni che spettano all’amministrazione, ma in ogni caso vanno prese in fretta”.

Lei cosa farebbe?
“Prima di tutto valuterei il testo definitivo della legge. E poi non starei a piangere sul latte versato, ma mi concentrerei sulle eventuali opportunità che saranno concesse, come ad esempio lo sblocco del patto di stabilità. In ogni caso, adesso l’emergenza per Viterbo è ripristinare la legalità contabile. E smetterla con le dichiarazioni di propaganda, perché il blocco dei 17 milioni l’hanno votato anche Forza Italia e il Pd”. 

 

10 agosto, 2018

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR