--

--

Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Ronciglione - Il Pd bacchetta il sindaco

“Mengoni dimentica di riferire le motivazioni della diminuzione dell’anticipazione di cassa”

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

Ronciglione - Il comune

Ronciglione – Il comune

Ronciglione – Riceviamo e pubblichiamo – Alcuni giorni orsono la lista civica di appartenenza del sindaco Mengoni ha fatto sfoggio dei suoi “roboanti” risultati di bilancio con alcuni manifesti affissi nel paese sui quali è dato leggere di asseriti tagli all’anticipazione di cassa del comune di Ronciglione per oltre 900mila euro con conseguente risparmio sugli interessi corrisposti alla banca erogante.

Il sindaco, però, si guarda bene dal riferire le motivazioni di tale diminuzione dell’anticipazione di cassa.

Ciò che il sindaco non dice, infatti, è che negli ultimi mesi il Comune di Ronciglione ha introitato dal concessionario del servizio tributi (e cioè la Step S.r.l.) oltre 820mila euro: la predetta somma è la giusta risultante e il dovuto effetto dell’attività di recupero dell’evasione tributaria e fiscale promossa dall’amministrazione Giovagnoli che all’uopo decise di esternalizzare il servizio tributi proprio al fine di migliorare l’efficacia dell’attività comunale di lotta all’evasione ed all’elusione tributaria e fiscale che, grazie a Dio, sta ora dando i suoi frutti all’esito di tutta una serie di certosine attività ispettive iniziate fin dal 2016 allorquando il relativo importo era stato stimato in ben oltre quattro milioni di euro a partire dal 2011 (somme, queste, delle quali naturalmente il Comune aveva nelle more anticipato il pagamento al fine di garantire i servizi alla cittadinanza).

Gli oltre 820mila euro incassati, tra l’altro, rappresentano solo un acconto delle ulteriori somme che dovranno entrare nelle casse comunali all’esito delle attività, anche esecutive, di recupero attualmente in essere; attività, queste, che peraltro produrranno i loro effetti anche a regime per tutti gli anni a venire. Ma non basta.

Il sindaco dimentica ancora di riferire alla cittadinanza che la situazione di cassa è sempre dinamicamente influenzata non solo dalle entrate ma anche dalle uscite, ergo dai pagamenti effettuati a vario titolo da parte del Comune in primis per far fronte ai servizi offerti alla cittadinanza: ebbene, l’amministrazione Giovagnoli aveva provveduto, nel corso del suo mandato, a pagare la somma di 1.117.447,73 euro per pregressi debiti fuori bilancio (pensiamo, in primis, all’indennizzo versato per l’esproprio del parcheggio Mancini in ragione di oltre 800mila euro): il sindaco Mengoni, nel suo primo anno di amministrazione, non ha dovuto pagare alcun debito eredità delle precedenti amministrazioni comunali e di ciò, naturalmente, si omette ogni cenno nei suddetti manifesti.

Ed ancora, Mengoni dimentica che nel periodo quinquennale di amministrazione 2012-2017, il sindaco Giovagnoli e la sua maggioranza avevano dovuto far fronte al pagamento di oltre quattro milioni e mezzo di euro in favore dello Stato a causa del cd. Fondo di Solidarietà Comunale: ebbene, nel corso dell’ultimo anno di amministrazione Mengoni, anche a fronte dei colloqui intrattenuti dall’ex sindaco Giovagnoli in prima persona con l’allora sottosegretario del Ministero delle Finanze, il versamento comunale dovuto allo Stato si è azzerato con un evidente risparmio: anzi a voler essere precisi è il governo centrale che oggi versa al comune di Ronciglione la somma annua di 55.295,97 euro.

Il tutto, poi, senza ulteriormente considerare che proprio il sindaco Mengoni, non più tardi di qualche mese fa, ha proceduto a una rinegoziazione dei mutui del Comune di Ronciglione: in buona sostanza ha chiesto agli enti creditori una diminuzione dei ratei annui di rimborso (con immediati benefici di cassa) a fronte di un allungamento della durata dei mutui che, però, comporterà inevitabilmente il pagamento di ulteriori e ben gravosi interessi nel corso dei prossimi anni.

Sempre il sindaco, poi, non ricorda di riferire che nel corso dell’ultimo anno dell’amministrazione Giovagnoli erano comunque stati estinti – per completato pagamento che in tal senso non graverà più sulla cassa comunale – alcuni pregressi debiti, ad esempio quello acceso nel 2012 per circa 200mila euro per l’acquisto delle aree demaniali del Lago di Vico il cui valore è oggi aumentato a dismisura con eccezionali benefici in ordine allo stato patrimoniale del Comune di Ronciglione.

Ma v’è di più! Il presunto taglio all’anticipazione di cassa per oltre 900mila euro è anche dovuto all’introito della somma di 465.794,78 euro ottenuta con un mutuo a carico della cittadinanza per la realizzazione dell’inerbimento del campo di calcio i cui lavori non sono però ancora iniziati (sembra partiranno a settembre p.v.): in parole povere i soldi sono solo momentaneamente in cassa e se i lavori fossero iniziati prima – così come più volte promesso dall’attuale Amministrazione Comunale (a proposito dove si inizierà a giocare nella imminente nuova stagione calcistica?) – la somma mutuata sarebbe stata già spesa con evidenti riflessi negativi in punto di anticipazione bancaria.

Vedi, sindaco, nessuno vuole mettere in dubbio il tuo impegno nel cercare di migliorare il paese: allo stesso tempo, però, non è giusto fare propri i meriti di coloro che ti hanno preceduto né, tanto meno, gettare fumo negli occhi dei Ronciglionesi cercando di presentare loro numeri di bilancio utilizzati a tuo uso e consumo!

Pd Ronciglione

12 agosto, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR