--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Rieti - La notte del sisma del 24 agosto 2016 ad Amatrice ha visto morire la nonna sotto le macerie

Muta dopo il terremoto, è tornata a parlare

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

Rieti - Serena D'Amico

Rieti – Serena D’Amico

Rieti – Muta dopo il terremoto, è tornata a parlare. E’ la storia di Serena, una ragazza di Amatrice che ha visto sua nonna morire sotto le macerie del sisma del 24 agosto 2016. 

Serena, che aveva tredici anni, si è sbloccata lo scorso 6 dicembre, a distanza di quasi un anno e mezzo dal trauma, quando la sua insegnante di italiano, storia e geografia al liceo classico “Varrone” di Rieti ha assegnato alla classe un tema dal titolo “Inventa un racconto a piacere”.

Serena D’Amico ha ripercorso la notte del terremoto. “Il 24 agosto è un giorno che ricorderò per il resto della mia vita – si legge nel tema – a volte un oggetto che ho davanti, o magari una persona, mi riportano a quel giorno”. E dopo aver raccontato dettagli drammatici di quella notte, conclude riferendosi alla nonna: “È una persona forte che si è sempre sacrificata per il bene della famiglia: per me è una seconda mamma. Utilizzo i tempi al presente perché lei non merita di essere ricordata al passato”.

Dopo quel tema, Serena si è sbloccata. 

 

20 agosto, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR