--

--

Tutankhamon-560x80

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Palermo - Secondo l'antimafia di Palermo sarebbe vicino ai vertici di Cosa nostra

Palermo, confiscati beni per oltre 400 milioni a ex deputato

La Dia - Direzione investigativa antimafia

La Dia – Direzione investigativa antimafia

Palermo – Confiscati beni per oltre 400 milioni di euro a un ex deputato.

Ad eseguire la confisca la direzione investigativa antimafia di Palermo su disposizione del tribunale sezione misure di prevenzione. La decisone è stata presa nei confronti dell’ex deputato Giuseppe Acanto.

Secondo gli inquirenti sarebbe legato a Cosa nostra di Villabate.

I beni confiscati sono capitali sociali, rapporti bancari e quote societarie.

Fondamentali per l’indagine, sarebbero state le informazioni fornite dal collaboratore di giustizia Francesco Campanella, ricostruendo il rapporto tra Acanto e il clan mafioso.

A l’ex deputato, già tre anni fa, le forze dell’ordine sequestrarono beni per 800 milioni di euro, tra imprese edili, petrolifere e aziende. Nel 2005 è stato condannato a sette anni di detenzione.

 

 

10 agosto, 2018

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR