- Viterbo News – Viterbo Notizie – Tusciaweb – Tuscia News – Newspaper online Viterbo – Quotidiano on line – Italia Notizie – Roma Notizie – Milano Notizie – Tuscia web - http://www.tusciaweb.eu -

Santa Rosa dall’alto osserva la città

Condividi la notizia:
  • [1]
  • [2]


Viterbo – Santa Rosa è in alto e da lassù osserva Viterbo.

Non senza emozione, anche quest’anno, la statua della patrona, dopo la benedizione del vescovo Lino Fumagalli è stata portata in cima a Gloria.

Il costruttore Vincenzo Fiorillo e l’ideatore Raffaele Ascenzi sono saliti e con cura, insieme agli operai, hanno posizionato al suo posto, lassù, la santa. Mentre a san Sisto, la piazza, piena di viterbesi, osservava. Attenta e partecipe.

Una cerimonia breve ma intensa, voluta proprio da Vincenzo Fiorillo, che si ripete ogni anno con la stessa intensità.

“Un’iniziativa semplice – spiega il vescovo Fumagalli – che apre i festeggiamenti, che io vorrei prima di tutto spirituali. Facciamo in modo di porci in ascolto di quello che santa Rosa ci dice. Ci trasmette amore per la città di Viterbo. La dovremmo ascoltare, per poi imitare il suo esempio”.

Viterbo - Santa Rosa - Arena, Fiorillo, Ascenzi [4]

Fumagalli chiude con un “Evviva santa Rosa”. Poco dopo arriverà quello “originale”, del capofacchino Sandro Rossi.

In piazza ci sono tutti, dal presidente del sodalizio Massimo Mecarini, al senatore Umberto Fusco, amministratori, il prefetto Giovanni Bruno, che poi salirà verso la santa e ovviamente il primo cittadino Giovanni Arena.

Ha vissuto il trasporto tanti anni. Questa è la sua prima volta da sindaco. “L’emozione forte – dice Arena si ripete ogni volta. Anche dopo tanti trasporti, appena vediamo l’impalcatura a san Sisto, ci emozioniamo. Mi sento onorato e orgoglioso d’essere viterbese e ho la fortuna di rappresentare la città e tutti voi”.

La benedizione e poi la statua sale fino a oltre le mura della città, sulla vetta di Gloria. Quando è al suo posto, si spengono le luci. Solo la santa rimane illuminata.

Viterbo - Santa Rosa - Il vescovo Fumagalli [5]

È il coronamento di una giornata di lavoro per gli uomini di Fiorillo. Alle 8, dal capannone sulla Tuscanese, le parti sono arrivate a san Sisto, dove è iniziato l’assemblaggio, concluso attorno alle 17. Giusto in tempo, prima del temporale che si è abbattuto sul capoluogo, ma che non ha impedito, attorno alle 21, di completare l’opera. E far partire un’altra iniziativa, Centesimiamo.

La raccolta fondi, attraverso monete che si possono depositare nelle brocche sparse in città. Quest’anno, l’intenzione, ricordata da Rodolfo Valentino, è aiutare il Campo delle rose, struttura che sta sorgendo fuori Viterbo, per accogliere ragazzi con gravi difficoltà psichiche. Servono tanti centesimi. Se sono euro è anche meglio.

Giuseppe Ferlicca


Condividi la notizia:
  • [1]
  • [2]
  • Tweet [6]
  • [1]
  • [2]