--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Sutri - Il sindaco dimissionario: "Un armistizio per non lasciare la città nell'abbandono" - Ma detta condizioni precise

Passo indietro di Sgarbi: “Pronto a ricucire con la maggioranza”

Condividi la notizia:

Vittorio Sgarbi

Vittorio Sgarbi

Vittorio Sgarbi

Vittorio Sgarbi

Sutri – Sgarbi pronto a un armistizio con la sua maggioranza, per il bene di Sutri. Il comune non ha nei fatti più un governo, fa notare Sgarbi. Armistizio, ma con precise condizioni.

“Non si può passare sopra lo strappo istituzionale nello scontro dei consiglieri di maggioranza con il sindaco, nel pieno di attività necessarie per la scadenza del 14/15 settembre – dice Sgarbi – non è seguito un chiarimento, e tre quarti della giunta, compreso il vicesindaco, hanno sospeso ogni attività amministrativa, senza alcun contatto con me.

Il comune è stato retto dal solo assessore Mercuri e dal mio staff”.

Situazione complicata. “Per non abbandonare Sutri, e per evitare ai cittadini il commissariamento, almeno fino alla prima scadenza elettorale del 26 maggio – continua Sgarbi – con eventuali dimissioni concordate in febbraio, sono disponibile a un armistizio con la maggioranza, alle seguenti condizioni: scuse formali o dimissioni del consigliere Amori, per restituire al confronto istituzionale, anche nell’aspro dibattito, confini che non superino i contenuti.

Per gli insulti, che mi divertono, ci sono gli spazi privati.

A tutela dei cittadini, sono pronto anche a un dialogo trasparente con l’opposizione. Ne seguono: conferma e ridefinizione delle deleghe agli assessori, circoscritte alle precise funzioni (bilancio non vuol dire spettacolo). Eventuale rimpasto condiviso con la maggioranza.

O, in alternativa, governo di garanzia, fino a primavera”.

Poi, c’è la presidenza del consiglio: “Appena introdotta all’unanimità, può andare correttamente, alla minoranza. Così come un assessore tecnico esterno, senza appartenenza politica dichiarata, gradito a maggioranza e opposizione. Presidente del Parco è il sindaco, come prescrive la legge. Nient’altro”.


Condividi la notizia:
30 agosto, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR