Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Politica - Il senatore Margiotta all'incontro Pd sulle infrastrutture riapre uno spiraglio - Trasversale, a dicembre finito tratto fino a Monte Romano

“Aeroporto a Viterbo, ci sono gli spazi per riaprire la discussione”

Condividi la notizia:

Salvatore Margiotta

Salvatore Margiotta

Viterbo – (g.f.) – “Aeroporto a Viterbo, ho la sensazione che la battaglia si possa riaprire”. Lo scalo nella Tuscia torna a volare, almeno nella discussione. Ne ha parlato ieri sera Salvatore Margiotta, senatore Pd, alla festa in corso agli Almadiani. “Ho la sensazione – spiega Margotta nell’incontro dedicato alle infrastrutture – che la battaglia si possa riaprire.

Se ritenete che sia un’opera pubblica utile, ci sono gli spazi per riaprire la discussione. Ma dovete essere sicuri che serva”. Margiotta dovendo scegliere non ha dubbi: “Fra aeroporto e trasversale io non avrei dubbi. Semmai, tutte e due”. Non facile, ma chissà.

Alla valutazione, il senatore Dem è arrivato controllando le carte. “Sono andato a ricostruire la storia – spiega Margiotta – l’argomento è ritornato quando si parlava di Alitalia e del decreto da convertire, altrimenti ci sarebbero stati problemi per la compagnia.

Politici del Lazio, in aula e in commissione speciale ne hanno discusso. Lo scalo viterbese è il classico caso in cui una nostra conquista è stata invalidata da litigi altrui.

Se le amministrazioni di centrodestra non avessero litigato su assetti d’urbanistica, non avrebbero dato il pretesto a Monti per ritirare i fondi. Con le carte in regola, sarebbe stato difficile”.

L’aeroporto chissà, la trasversale è più vicina. A dicembre sarà consegnato il tratto fino a Monte Romano. Lo ricorda Luisa Ciambella dopo avere parlato con Fabio Belli dell’Ance, sullo stato dei lavori.

Resta l’ultimo tratto, fino a Civitavecchia. Margotta è ottimista: “Quest’opera si farà, si sono già spesi tanti soldi – conclude Margotta – sono convinto che non ci sarà una marcia indietro. Noi vigileremo ancora con maggiore forza, ma sono convintissimo che su quest’opera non si farà marcia indietro”.


Condividi la notizia:
15 settembre, 2018

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR