Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

Tutankhamon-560x80

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Montefiascone - Tolti i sigilli su richiesta sia della difesa che della procura - Decisivo un nuovo sopralluogo tecnico

Dissequestrato il cantiere dell’assessore Massimo Ceccarelli

Montefiascone - Il cantiere sequestrato in via Bertina

Montefiascone – Il cantiere sequestrato in via Bertina

Massimo Ceccarelli

Massimo Ceccarelli

L'avvocato Enrico Valentini

L’avvocato Enrico Valentini

Montefiascone – (sil.co.) – Assessore all’urbanistica indagato per abuso edilizio, è stato dissequestrato il cantiere per la realizzazione di una dimora privata in via Bertina per la quale è finito sotto inchiesta l’imprenditore edile e politico falisco Massimo Ceccarelli assieme ad altre due persone. 

Il sequestro risale alla scorsa estate ed è stato seguito, a pochi giorni di distanza, dalla notizia della chiusura delle indagini relative a un altro cantiere, quello di Poggio Crognolo, per il quale lo stesso Ceccarelli è indagato, sempre per presunti abusi edilizi, con altre sei persone. 

Il dissequestro del cantiere di via Bertina è stato chiesto sia dal difensore Enrico Valentini che dal pubblico ministero Franco Pacifici, in sede di riesame, dopo un ulteriore sopralluogo, una ispezione effettuata con un tecnico inviato dal Comune. 

Su Ceccarelli – assessore comunale all’urbanistica, lavori pubblici, parcheggi, viabilità, edilizia pubblica, strade di campagna, illuminazione, parcheggi, caccia e pesca – in seguito alla doppia inchiesta e al duplice sequestro, si era abbattuta una vera e propria bufera di natura politica, giunta alla richiesta di dimissioni anche attraverso l’affissisone di manifesti per le vie del paese. 

“Il tecnico – spiega l’avvocato Valentini, che assiste Ceccarelli – ha rilevato che ciò che si presupponeva essere una violazione del progetto, tale non era, per cui il dissequestro è stata la naturale conseguenza”. 

Adesso, per quanto riguarda il sito di via Bertina, la situazione si è decisamente ridimensionata. 

 

 

14 settembre, 2018

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR