Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

Lezioni-di-democrazia-560x80

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - A un mese dalla tragedia, un minuto di silenzio - Il sindaco: "E' il nostro Ground Zero"

Genova si ferma per ricordare le vittime del ponte Morandi

Crollo del ponte Morandi a Genova

Crollo del ponte Morandi a Genova

 

Crollo del ponte Morandi a Genova

Genova- Ponte Morandi

Genova – Un minuto di silenzio per ricordare le vittime del crollo del ponte Morandi a Genova avvenuto un mese fa.

Questa mattina alle 11 e 36 la città si è fermata in segno di omaggio alle 43 persone morte nella tragedia del 14 agosto. 

Nelle vicinanze del viadotto si è svolta la cerimonia di commemorazione mentre a piazza De Ferrari è stato organizzato un girotondo a cui hanno partecipato alcuni figli delle vittime insieme a decine di atleti genovesi, accompagnati dagli allenatori e dai dirigenti delle varie società.

Vicino al ponte Morandi ad osservare il minuto di silenzio insieme ai parenti delle persone morte nel crollo, il governatore Giovanni Toti, il sindaco Marco Bucci, il prefetto Fiamma Spena, il vicario monsignor Nicolò Anselmi, il viceministri Edoardo Rixi e il presidente del consiglio Regionale Alessandro Piana.

Anche la Camera dei deputati ha osservato un minuto di silenzio dove i parlamentari si sono alzati in piedi e hanno applaudito.

“Per noi genovesi il crollo del Morandi è stata una tragedia terribile – ha detto il sindaco di Genova Marco Bucci  – come Ground Zero per New York, città che ha saputo uscire dal disastro molto bene. Noi vogliamo fare la stessa cosa. Genova non è in ginocchio. Oggi ricordiamo le vittime e pensiamo alla ricostruzione per uscire dalla tragedia con la città più forte e grande di prima”. 

 “La giustizia è la prima cosa – ha riferito il governatore della Liguria Giovanni Toti – sapere cosa è successo, cos’ha prodotto una cosa così. La procura sta facendo uno straordinario lavoro e l’aula di giustizia ci dirà cosa è successo”. 

14 settembre, 2018

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR