- Viterbo News – Viterbo Notizie – Tusciaweb – Tuscia News – Newspaper online Viterbo – Quotidiano on line – Italia Notizie – Roma Notizie – Milano Notizie – Tuscia web - http://www.tusciaweb.eu -

Raduno facchini di santa Rosa, che spettacolo

Condividi la notizia:
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]


Santa Rosa 2018 - Giro delle sette chiese [5]

Santa Rosa 2018 – Giro delle sette chiese

Santa Rosa 2018 - Giro delle sette chiese [6]

Santa Rosa 2018 – Giro delle sette chiese

Santa Rosa 2018 - Giro delle sette chiese [7]

Santa Rosa 2018 – Giro delle sette chiese

Santa Rosa 2018 - Giro delle sette chiese [8]

Santa Rosa 2018 – Giro delle sette chiese

Santa Rosa 2018 - Giro delle sette chiese [9]

Santa Rosa 2018 – Giro delle sette chiese

Santa Rosa 2018 - Giro delle sette chiese [10]

Santa Rosa 2018 – Giro delle sette chiese

Santa Rosa 2018 - Giro delle sette chiese [11]

Santa Rosa 2018 – Giro delle sette chiese

Santa Rosa 2018 - Giro delle sette chiese - Transenne davanti Sant'Angelo [12]

Santa Rosa 2018 – Giro delle sette chiese – Transenne davanti Sant’Angelo

Santa Rosa 2018 - Giro delle sette chiese [13]

Santa Rosa 2018 – Giro delle sette chiese

Santa Rosa 2018 - Giro delle sette chiese - Le autorità [14]

Santa Rosa 2018 – Giro delle sette chiese – Le autorità

Santa Rosa 2018 - Giro delle sette chiese, i facchini all'Unione [15]

Santa Rosa 2018 – Giro delle sette chiese, i facchini all’Unione

Santa Rosa 2018 - Giro delle sette chiese, i facchini all'Unione [16]

Santa Rosa 2018 – Giro delle sette chiese, i facchini all’Unione

Santa Rosa 2018 - Giro delle sette chiese, i facchini all'Unione [17]

Santa Rosa 2018 – Giro delle sette chiese, i facchini all’Unione

Viterbo – Raduno dei facchini di santa Rosa, che spettacolo. Dal palazzo dei Papi si torna al teatro Unione.


Multimedia: Il raduno dei Facchini all’Unione [18] Il giro delle sette chiese e il canto alla Trinità [19] – Video: Il giro delle sette chiese [20] – L’apertura al teatro dell’Unione [21]Lorenzo celestini ricorda Nello [22]


Si alza il sipario sul quarto trasporto di Gloria. Una sede importante per la giornata più importante che Viterbo ogni anno vive.

Dal costruttore Vincenzo Fiorillo arriva una delle notizie più attese: “Abbiamo effettuato verifiche su Gloria, dopo il forte vento e la bomba d’acqua di ieri. È tutto perfetto e in ordine”. 

Tocca a Massimo Mecarini, presidente del sodalizio, ricordare la dedica special del trasporto. Ai 650 morti nel primo conflitto mondiale. “Esattamente cento anni fa – ricorda Mecarini – riprendeva la tradizione interrotta per la guerra”. Stefano Nazzaro, con alcune letture, rievoca spaccati del conflitto. 

Il sodalizio s’incontra prima d’iniziare il tradizionale giro delle sette chiese.

Al teatro un lungo applauso e tutti in piedi per i rappresentanti di Fontanarosa, città la cui macchina si è accasciata su un palazzo.

La solidarietà è partita da Viterbo e dai facchini di santa Rosa, a cominciare dal presidente Mecarini che li ha voluti con il sodalizio, oggi al trasporto. Sul palco, i rappresentanti della rete delle grandi macchine a spalla e il saluto delle autorità. A cominciare dal sindaco Giovanni Arena. Emozionato.

“Già mi tremano le gambe – dice il primo cittadino –. Come vedo Raffaele Ascenzi, gli occhi mi brillano. Viviamo con la stessa intensità il trasporto”. È l’ideatore di Gloria il più emozionato. “Oggi ogni parola è un macigno”, ammette.

Il ricordo della sorella Nicoletta, da sempre vicinissima al sodalizio, è forte. “È la giornata del trasporto – dice Raffaele Ascenzi -, porterete quella macchina così pesante. Uno sforzo da condividere con chi ha lavorato perché tutto si potesse realizzare”.

Un trasporto, quello di stasera, che vira sulla tradizione. “Si ritorna al tradizionale – spiega il capo facchino Rossi -. Ricorderemo persone che non ci sono più fisicamente, facchini e una persona, Nicoletta, che viveva in simbiosi con noi”. 

Al grido di Viva santa Rosa si chiude l’incontro: “In questo urlo – sostiene Rossi – c’è tutto il nostro cuore, l’amore e la gioia”.

Dal teatro alla città, con il giro delle sette chiese che cambia rispetto agli altri anni dal momento che la partenza non è più dal palazzo papale. Dal teatro a via Marconi, il monumento dei Facchini. Quindi via della Sapienza, corso Italia, via Roma, piazza del Comune con sant’Angelo in Spatha.

Fuoriprogramma a Sant’Angelo in Spatha. Transenne sul sagrato della chiesa in fondo a via Roma, affacciata su piazza del Plebiscito. Le transenne, posizionate forse per impedire alla folla di sedere sui gradini, hanno tratto in inganno il corteo che precede i facchini, con la banda e le autorità che invece di fermarsi per la sosta hanno proseguito fino all’inizio di via San Lorenzo. 

Sbalorditi i facchini che, però, conoscendo bene la tradizione del giro delle sette chiese, hanno tolto le transenne e richiamato i “fuggitivi”. Tutto è bene quel che finisce bene. La sosta all’interno di una delle più antiche e amate chiese del capoluogo si è tenuta come da programma.

Il giro delle sette chiese prosegue con via san Lorenzo, per arrivare a piazza san Lorenzo per la tradizionale foto sui gradini del palazzo. Quindi indietro a piazza della Morte. Qui la visita al monastero di santa Giacinta Marescotti, dove i facchini ricevono dalle suore una foglia. 

Poi via Cardinal La Fontaine, Santa Maria Nuova. Quindi via Annio, via Cavour, scendendo a piazza del Comune. Via Ascenzi, per arrivare al Sacrario e la deposizione di una corona ai Caduti. Via san Giovanni Decollato, via Maria Santissima Liberatrice, per arrivare alla Trinità dove, come da tradizione, s’intona l’inno “Mira il tuo popolo”. Dalla Trinità si arriva a fino a San Francesco. Quindi via Matteotti, piazza del Teatro, per salire fino alla basilica di santa Rosa. Ultima tappa.

Infine si va verso il ritiro dai Cappuccini. Lungo il percorso, riceveranno il saluto del presidente dell’europarlamento Antonio Tajaini.

Al boschetto i facchini rimangono fino alle 20,30. Prima di partire verso San Sisto, dove ad attenderli c’è Gloria e un’intera città pronta ad acclamarli.

Giuseppe Ferlicca


Condividi la notizia:
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]