Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tuscania - L'omicidio Gianlorenzo - Attraverso i suoi avvocati parla Aldo Sassara accusato del delitto

“Contro di me solo congetture, i colpevoli sono altrove”

di Silvana Cortignani

immobiliari-560x80-presentazione--trova-la-tua-casa

Condividi la notizia:

Angelo Gianlorenzo

Angelo Gianlorenzo

Tuscania - Omicidio Angelo Gianlorenzo - Aldo Sassara sul motorino mentre torna dalla campagna - Per gli inquirenti indossa una canottiera - Ore 11.15, km 10+700 della Martana (Marta)

 Aldo Sassara sul motorino mentre torna dalla campagna il 14 agosto 2016

Tuscania – “Contro di me solo congetture, i veri colpevoli sono altrove. Si è indagato in una direzione sola, non si è tenuto conto di altre piste”.

Parla (tramite i suoi legali) il 76enne Aldo Sassara, l’unico ad essere accusato, da due anni, dell’uccisione del cognato, l’agricoltore 83enne Angelo Gianlorenzo, trovato morto nelle campagne di Tuscania all’ora di pranzo della vigilia di ferragosto del 2016.

“Mere congetture”, dicono i difensori Marco Valerio Mazzatosta e Danilo Scalabrelli. “A distanza di oltre due anni – proseguono i due legali – stiamo ancora qui a ricordare che a carico di Sassara non ci sono prove, né indizi, ma solo una causa civile con la vittima per questioni di proprietà. Il resto sono congetture, tant’è che lo stesso gip Stefano Pepe rigettò la richiesta di misure cautelari avanzata dal pm Massimiliano Siddi”.

A piede libero da sempre, nonostante la grave accusa di avere massacrato di botte l’anziano cognato Angelo Gianlorenzo, ultraottantenne, fino alla morte.

“Il nostro assistito non ha fatto un giorno di arresto e non è nemmeno mai stato sottoposto a fermo, neanche nell’immediatezza. E’ sempre e solo stato indagato a piede libero. Per un reato grave come l’omicidio volontario. E questo perché a suo carico non sono emersi indizi gravi, precisi e concordanti, come ha sottolineato lo stesso giudice Pepe nella sua ordinanza”, sottolineano Mazzatosta e Scalabrelli.

Nel frattempo, a distanza di quasi un anno dalla chiusura delle indagini e dall’invio (a fine ottobre 2017) del 415 bis ad Aldo Sassara –  rimasto l’unico indagato per il delitto – non è stata ancora fissata l’udienza preliminare che, in caso di rinvio a giudizio, potrebbe sfociare per il 76enne in un processo davanti alla corte d’assise.

“Il fatto che sia tutto fermo, la dice lunga sulla consistenza delle prove – proseguono i difensori – ma il povero Sassara, intanto, persona stimata e benvoluta da tutti a Tuscania, da due anni si trova sulla graticola, accusato di un omicidio che non ha mai commesso, solo perché è piaciuta la tesi della sua colpevolezza”, proseguono i difensori.

“Fin dal primo giorno – incalzano i legali – si è voluto indagare a tutti i costi in una sola direzione. E questo nonostante la difesa di Sassara abbia fornito spunti diversi, utili agli inquirenti. Spunti dei quali non si è assolutamente tenuto conto, ancorati caparbiamente a quella causa civile tra due cognati che, secondo l’accusa, sarebbe il movente del delitto. Un quadro accusatorio che non sta in piedi, dedotto esclusivamente dalla presenza di una causa civile pendente.Tecnicamente non ci sono altri elementi. A fronte di un omicidio, ci si aspetta almeno un minimo di fumus, invece qui siamo di fronte alla pochezza degli elementi di cui è in possesso la procura”. 

“In chiusura, vorremmo evidenziare la grandissima dignità con cui, da due anni a questa parte, Aldo Sassara sopporta il fardello di un’accusa così pesante come l’omicidio volontario. Si tratta di una persone perbene, che, alla sua età, non ha mai creato o avuto problemi con nessuno, è tuttora amato da tutti nel suo paese, dove nemmeno la pesantezza di questa triste vicenda è riuscita a scalfire la sua immagine”.

Silvana Cortignani


–  “L’ha ucciso, si è cambiato e ha fatto sparire i vestiti sporchi di sangue…”  di Raffaele Strocchia


Presunzione di innocenza
Per indagato si intende semplicemente una persona nei confronti della quale vengono svolte indagini preliminari in un procedimento penale.

Nel sistema penale italiano vige la presunzione di innocenza fino al terzo grado di giudizio. Presunzione di innocenza che si basa sull’articolo 27 della costituzione italiana secondo il quale una persona “non è considerata colpevole sino alla condanna definitiva”.


Condividi la notizia:
1 settembre, 2018

Tuscania - Omicidio in campagna ... Gli articoli

  1. Omicidio Gianlorenzo, negata l'assoluzione post mortem a Sassara
  2. Omicidio Gianlorenzo, oggi si decide se la morte dell'agricoltore resterà un giallo irrisolto
  3. Aldo Sassara può essere assolto post mortem dall'accusa di omicidio
  4. E' morto Aldo Sassara
  5. Omicidio Gianlorenzo, l'ultimo teste: "Quella mattina Aldo Sassara stava arando col trattore"
  6. Massacrato di botte e morto d'infarto, è confronto tra medici legali
  7. "Sassara non stava arando il suo terreno mentre Gianlorenzo veniva ucciso"
  8. Omicidio Gianlorenzo, riprende il processo al cognato che si proclama innocente
  9. "Male non fare, paura non avere", si dichiara innocente il 76enne accusato di avere ucciso il cognato
  10. Accusato di avere ucciso il cognato, attesa per l'interrogatorio di Aldo Sassara
  11. "Se m'evono trovato la maglietta, da mo' che m'avevano arrestato"
  12. Omicidio Gianlorenzo, è il giorno della verità per il cognato accusato di averlo ucciso
  13. Omicidio Gianlorenzo, in aula il supertestimone rivela: "Voci di due uomini sul luogo del crimine..."
  14. Omicidio Gianlorenzo - Furgone sul luogo del delitto, è giallo
  15. "Non ha ucciso lui il cognato, quella mattina è andato col trattore in direzione opposta"
  16. Aldo Sassara sgridò la moglie: "Rifai la deficiente, tu chiacchieri troppo"
  17. "Aldo non è un fratello, ma una belva feroce. Pensammo avesse ucciso anche nostro padre"
  18. "Meno male che mio cognato è morto, uno di meno. Era un birbaccione, vaffanculo"
  19. "Gianlorenzo aveva il collo spezzato e tutte le costole rotte, ma è morto d'infarto"
  20. Due "interpreti" di dialetto martano per tradurre i soliloqui del presunto killer
  21. "Trenta-quaranta colpi che lui ansimava ancora ed era cosciente"
  22. "E' stata una morte violenta, ma nessun riscontro scientifico porta a Aldo Sassara"
  23. Omicidio Angelo Gianlorenzo, tocca ai primi testi dell'accusa
  24. "Il cognato incastrato dal suo soliloquio in macchina e dalla videosorveglianza"
  25. Agricoltore massacrato e ucciso nelle campagne di Tuscania, processo al cognato al via il 17 giugno
  26. "Contro di me non hanno niente" diceva tra sé Aldo Sassara intercettato in macchina...
  27. Omicidio di Angelo Gianlorenzo, rinviato a giudizio Aldo Sassara
  28. Omicidio di Tuscania, Aldo Sassara davanti al gup
  29. "L'ha ucciso, si è cambiato e ha fatto sparire i vestiti sporchi di sangue..."
  30. Omicidio di Tuscania, chiuse le indagini
  31. Un anno fa l'omicidio dell'agricoltore Angelo Gianlorenzo
  32. Omicidio di Tuscania, dissequestrati il casale e i mezzi agricoli dell'indiziato
  33. Omicidio di Tuscania, nuovo interrogatorio in procura per Sassara
  34. Omicidio di Tuscania, è giallo sull’ora della morte
  35. "Massacrato di botte finché non è morto di crepacuore"
  36. Omicidio di Tuscania, restano sotto sequestro i mezzi agricoli
  37. "Ho pensato subito che era stato assassinato”
  38. Omicidio di Tuscania, chiesto il dissequestro dei mezzi agricoli
  39. Nessuna traccia di Gianlorenzo sull'uomo accusato dell'omicidio
  40. Al lavoro i sommozzatori dell'Arma
  41. Gianlorenzo aveva anche il torace fracassato
  42. Omicidio di Tuscania, i Ris sul luogo del delitto
  43. Si cercano i vestiti sporchi di sangue
  44. "Aldo? Incensurato e benvoluto da tutti"
  45. "Non dovevi decidere tu della morte di Angelo"
  46. "Assassini, costituitevi!"
  47. Anziano ucciso, indagato il cognato
  48. I Ris sulla scena del delitto
  49. I vestiti strappati e il cranio fracassato
  50. Colpito alla testa e ucciso dopo una lite
  51. Aggredito e ucciso con un colpo alla testa

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR