--

--

Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Comune - 100 giorni di centrodestra - Bocciatura su tutta la linea da Frontini (Viterbo 2020): "Siamo passati dalla padella alla brace"

“Arena come Michelini, sindaco senza polso”

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

Chiara Frontini - 100 giorni di Arena - La conferenza stampa

Chiara Frontini – 100 giorni di Arena – La conferenza stampa

Chiara Frontini - 100 giorni di Arena - La conferenza stampa

Chiara Frontini – 100 giorni di Arena – La conferenza stampa

Chiara Frontini

Chiara Frontini

Viterbo – (g.f.) – Da Michelini ad Arena: “Dalla padella alla brace”. Cento giorni di Giovanni Arena in comune, arrivano gli “auguri” da Chiara Frontini (Viterbo 2020).

Centrodestra bocciato su tutta la linea. “Solo annunci – osserva Frontini – poi non rispettati”. Parole. “Non pretendiamo chissà cosa in cento giorni, ma un cambio di passo, sì. Non c’è stato”.

Conferenza stampa del movimento nel giardino di palazzo dei Priori, all’ingresso. Sporco e cosparso di guano. Un simbolo di quello che non va. L’elenco è lungo. “Basti pensare al Bullicame – ricorda Frontini – il 13 luglio in un comunicato si anticipava la sistemazione. A oggi, la situazione è sempre quella. È pure dovuto intervenire il prefetto.

Le piazze libere: il 27 luglio, il consigliere Bianchini pubblicava in un post la foto senza auto in sosta. Altrettante e ben più numerose, se ne possono scattare, quando sono occupate”.

Non si discute del piano assunzioni, vera emergenza per il comune. “L’amministrazione ha avuto la fiducia della città e deve mantenere le promesse elettorali”. Finora, per Frontini, non è successo. Eppure, tra gli assessori, ma anche lo stesso sindaco Arena, c’è gente esperta.

“Probabilmente – è la spiegazione che si dà Frontini – dopo tanti anni che stai lì, inevitabilmente ti adagi. Conosci tutto, l’ambiente ti è familiare, ma non corri. Senza contare le divisioni interne che stanno dilaniando la maggioranza. Non c’è una visione comune sui grandi temi. Basti pensare alle spaccature sul futuro della ztl a via San Lorenzo.

C’è gente con esperienza, manca la visione comune. Non è un caso se qualcosa di tra gli assessori più attivi ci sia la giovane Claudi Nunzi. Almeno ha dimostrato dinamicità”. Sostenere che manchi una visione comune, equivale a dire che non c’è un sindaco in grado di fare una sintesi.

“Infatti, questo è l’esempio più grosso del cadere dalla padella alla brace. Non c’era un primo cittadino di polso con Michelini e lo stesso accade ora. Arena non ha sufficiente autorevolezza, a causa del risultato elettorale. Il centrodestra ha vinto, ma non per lui. I dati sono inequivocabili. Forse accade anche per il suo carattere. È molto presente, ma la sostanza non c’è. È un uomo di rappresentanza”.

Fronte politico, altra bocciatura. “Ci ricordiamo l’insediamento della giunta, nell’ultimo giorno utile, le promesse non mantenute sul numero d’assessori, portato al massimo, così come i costi. Vanificando lo slogan in campagna elettorale di una lista a sostegno, che aveva promesso il dimezzamento del compensi”.

Poi, ancora non si conoscono le linee programmatiche dell’amministrazione. “Ci sono tre mesi di tempo e stanno per scadere. Non sappiamo le loro proposte, ma probabilmente perché nemmeno la maggioranza le conosce. Non è un caso se si ripetono situazioni che il centrodestra quando era all’opposizione criticava duramente.

Penso ai cartelli col limite di 30 chilometri. Sono comparsi di nuovo in strada bagni. Nessuno pretende che Arena abbia la bacchetta magica, non si sistema tutto in tre mesi, qui, però, nemmeno l’approccio è cambiato”.

Frontini ricorda il silenzio in cui è piombato il nuovo contratto sui rifiuti: “Preoccupante” e la consigliera Patrizia Notaristefano nota la chiusura dell’amministrazione: “Totale su alcuni temi, anche importanti. Non sono state prese decisioni pure in un settore delicato come i servizi sociali, per iniziative fondamentali. Mi riferisco alla vicenda Erinna. È un’amministrazione poco accorta”. Ma loro se ne sono accorti?

11 ottobre, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR