--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Vasanello - Vandali distruggono la statuetta e i mazzi di fiori posizionati nel punto in cui è stata uccisa la ragazza - Il sindaco Porri: "Fatto gravissimo e imperdonabile"

Decapitata la madonnina in ricordo di Silvia Tabacchi

Condividi la notizia:

Vasanello - La statuina distrutta

Vasanello – La statuina distrutta

Vasanello - La statuina distrutta

Vasanello – La statuina distrutta

Vasanello - La statuina distrutta

Vasanello – La statuina distrutta

Vasanello – Riceviamo e pubblichiamo – “Fatto gravissimo e imperdonabile”.

Sdegno ed indignazione sono i sentimenti espressi dal sindaco di Vasanello, Antonio Porri, a seguito degli atti vandalici perpetrati stanotte sulla strada provinciale che conduce ad Orte, nel punto in cui è stata uccisa, lo scorso anno, Silvia Tabacchi.

Per commemorare la ragazza, sul posto è stata posizionata una madonnina e mazzi di fiori che sono stati oggetto di un episodio intollerabile.

Alla statuetta è stata portata via la testa mentre i fiori sono stati distrutti.

“A distanza di solo tre giorni dalla cerimonia del premio intitolato a Silvia, provoca una rabbia incontenibile dover constatare un simile gesto scellerato. Si tratta di un’offesa alla sua memoria e un nuovo dolore inferto ai suoi genitori, che già stanno soffrendo abbastanza. Non vorremmo inoltre che, dietro a questa gesto vandalico si celino altresì delle motivazione religiose, e la gravità sarebbe ulteriormente amplificata”.

“Come amministratore e come cittadino – prosegue Porri – mi sono immediatamente attivato per denunciare alle autorità competenti quello che si è verificato. Non escludiamo, inoltre, anche il ricorso all’intervento del Prefetto per indagare sulla matrice dell’episodio. La verità deve essere accertata al più presto, perché non può rimanere impunito chi si macchia di tali infamie”.

“Abbiamo già allertato la Questura – conclude il primo cittadino – e ci attiveremo con ogni mezzo a disposizione per appurare tutte le responsabilità perché chi ha compiuto una simile oscenità venga sottoposto al giudizio della legge che, ci auguriamo, agisca in maniera esemplare per evitare il ripetersi di tali fatti vergognosi”.

Comune di Vasanello


Condividi la notizia:
29 ottobre, 2018

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR