--

--

Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Tra pensionamenti e trasferimenti, uffici ai minimi storici e il peggio deve ancora venire

Dipendenti comunali a quota 360, l’emorragia continua

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

Viterbo - Comune - Terza commissione - Purchiaroni, Allegrini e Gai

Viterbo – Comune – Terza commissione – Purchiaroni, Allegrini e Gai

Viterbo – (g.f.) – Dipendenti comunali, ce ne sono sempre meno e palazzo dei Priori rischia la desertificazione. Con tutto quello che ne consegue.

Erano, fino a qualche tempo fa 470, oggi sono 360, ma il numero è destinato a calare paurosamente.

Le cifre, in terza commissione le snocciola il dirigente ai Lavori pubblici Massimo Gai. Si parla di progetti da portare avanti e gare da indire. Con uffici semivuoti.

“Quest’anno – ricorda Gai – altri venti dipendenti andranno in pensione, sei di questi appartengono proprio al settore Lavori pubblici”. Il prossimo anno non andrà meglio. Altre decine di persone in uscita. Un problema che rischia di far inceppare la macchina organizzativa.

Non si tratta solo di dirigenti, che lentamente il sindaco Arena sta sostituendo. Il problema interessa l’amministrazione a tutti i livelli.

“Se il 25% dei dipendenti se na va – osserva Gai – non è semplice lavorare”. Soprattutto se non sono sostituiti. In certi periodi e in determinati uffici, è una corsa continua.

Gli otto milioni di euro in lavori per la città hanno messo a dura prova alcuni settori per bandire le gare, qualcuno ha anche saltato le ferie. Tanto ai Lavori pubblici, quando al settore gare. Sono rispettivamente due gli addetti, in ciascun settore. Pochi.

Del problema se n’è fatto carico, il gruppo di Fondazione. Il consigliere Sergio Insogna ha chiesto un incontro urgente della prima commissione, per capire lo stato dell’arte e il da farsi. Quello che è possibile. Per i miracoli ci sarà da attendere.

12 ottobre, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR