--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Maxiprocesso Asl - Parla il difensore della società che gestisce la clinica di Nepi

“Il Gruppo RoRi va assolto, perché gli Angelucci sono innocenti”

di Silvana Cortignani

Condividi la notizia:

La casa di cura di Nepi

Nepi – La casa di cura specializzata in terapie riabilitative

L'avvocato Pasquale Bartoli

Il difensore del Gruppo RoRi – L’avvocato Pasquale Bartoli

Roberto e Fabio Angelucci

Gli imprenditori della sanità privata Roberto e Fabio Angelucci

Viterbo – Maxiprocesso Asl agli sgoccioli, si parla del Gruppo RoRi e della casa di cura di Nepi facente capo alla famiglia Angelucci. 

Non sono ancora finite le requisitorie delle difese a distanza di dieci mesi dall’udienza fiume del primo dicembre 2017, quando l’accusa ha chiesto la condanna a tre anni e mezzo per l’ex direttore generale Giuseppe Aloisio e a due anni per l’ex direttore dell’unità organizzativa acquisto e vendita prestazioni sanitarie Renato Leoncini.

Ieri è stata la volta della difesa del gruppo RoRi, dopo di che il collegio ha fissato le date di quelle che dovrebbero essere le ultime due udienze, il 30 novembre e il 7 gennaio 2019.

Dovrebbe dunque arrivare con la Befana la sentenza di primo grado del processo, nel frattempo falcidiato dalle prescrizioni, nato dalla maxinchiesta per corruzione, concussione, truffa e abuso d’ufficio iniziata nel 2009 e conclusa nel 2012.

I pm Tucci e D’Arma, dieci mesi fa, hanno chiesto per il gruppo RoRi la “non condanna per mancanza di colpa”. “Il Gruppo RoRi va assolto, perché gli Angelucci sono innocenti”, secondo la difesa.

La procura ha chiesto la condanna pecuniaria a 60mila euro mediante sequestro delle quote per una sola delle persone giuridiche coinvolte, la società di servizi informatici Italbyte di Viterbo che, secondo l’accusa, nel corso degli anni, in cambio di tangenti, avrebbe macinato appalti per milioni di euro.

In aula per il gruppo RoRi, la società che fa capo agli imprenditori della sanità privata Roberto e Fabio Angelucci (padre e figlio, il primo deceduto il 4 settembre 2017 a 77 anni), titolari del Cra di Nepi e della Nuova Clinica Santa Teresa sulla Tuscanese, l’avvocato del foro di Roma e docente dell’università “La Sapienza” Pasquale Bartolo, storico legale del celebre studio di Franco Coppi.

Di recente ha difeso Marco Prato, il trentenne morto suicida nel carcere di Velletri, dove si è tolto la vita la notte tra il 19 e il 20 giugno 2017, il giorno prima dell’inizio del suo processo per l’omicidio di Luca Varani, il 23enne torturato e ucciso in un appartamento al Collatino, tra il 3 e il 4 marzo 2016 per cui sta scontando una pena di 30 anni il complice Manuel Foffo. 

Bartolo ha chiesto l’assoluzione della società, per la quale i pm Stefano D’Arma e Fabrizio Tucci hanno chiesto la “non condanna per mancanza di colpa”. 

L’imputazione è di truffa per la non appropriatezza dei ricoveri e l’inadeguatezza delle terapie praticate. presso la clinica di Nepi degli Angelucci, una casa di cura specializzata nella riabilitazione finita anch’essa nella bufera, una decina di anni fa, nell’ambito della maxinchiesta sulla corruzione alla Asl della procura.

“Nel corso del processo è emersa l’innocenza di Fabio e Roberto Angelucci, che erano accusati dei reati presupposti”,  ha sottolineato il difensore.

“I carabinieri del Nas hanno ricostruito un certo quadro nell’ambito di un contesto difficilissimo di regime di autorizzazione-accreditamento, in cui tutti i pazienti per cui è stato chiesto il pagamento sono stati ricoverati e curati – ha proseguito – dove stanno gli artifizi e raggiri? Solo tanta confusione a monte, per via di una congerie di norme all’epoca poco chiare che dovevano regolare un settore allora nuovo come quello della riabilitazione. Semmai si può parlare di irregolarità amministrative trovate a posteriori. La truffa è impossibile”.

“I presunti reati presupposti sono insussistenti. Non solo il Cra di Nepi ha fatto quanto risulta nei documenti, ma lo ha fatto sotto il continuo controllo della Asl. La struttura ha sempre avuto le figure professionali richieste in base al numero dei pazienti, non ha percepito un profitto che non le spettava. Ha accolto, ricoverato e curato bene i pazienti. Per questo, anche se i pm hanno con grande onestà chiesto la non condanna per mancanza di colpa, io chiedo l’assoluzione della società RoRi, anche in caso di prescrizione”. 

Come detto, si tornerà in aula venerdì 30 novembre e poi di nuovo il 7 gennaio, giorno immediatamente successivo alla fine delle festività di fine anno. 

La maxinchiesta, andata avanti per anni, al centro di feroci campagne stampa, ha scosso non solo il mondo della sanità, ma anche quello della politica viterbese, fino ai piani più alti. Nel luglio 2009, dopo il clamoroso arresto dell’ex responsabile del Ced Ferdinando Selvaggini e di due imprenditori, si dimise lo stesso direttore generale Aloisio.

La voragine nel bilancio della Regione Lazio, con il blocco degli accreditamenti per mettere un freno al buco sanitario, ha fatto il resto, mettendo in crisi gli Angelucci proprio quando avevano deciso di investire milioni di euro a Viterbo nella Nuova Clinica Santa Teresa da 150 posti letto sulla Tuscanese. Stop non solo ai sogni di gloria per la neonata struttura, che avrebbe dovuto portare più salute e più posti di lavoro nella Tuscia, ma anche ai rimborsi fino a quel momento ottenuti grazie alle convenzioni Asl col Cra di Nepi.

La tensione toccò il culmine nel febbraio 2012, quando l’inchiesta si chiuse con un mare di indagati: in testa l’ex direttore generale della Asl viterbese Giuseppe Maria Aloisio; il suo “alter ego”, come lo hanno chiamato ieri i pm, ilconsulente strategico Mauro Paoloni; il “braccio destro” e dirigente del Ced Ferdinando Selvaggini. E poi ancora, gli imprenditori della sanità privata Roberto e Fabio Angelucci, padre e figlio; il direttore dell’unità organizzativa di acquisto e vendita Renato Leoncini; i fratelli Giampaolo e Francesco Marzetti, finiti nella bufera per il centro diurno falisco Aureart che faceva capo alla moglie di Paoloni.

Silvana Cortignani

 


Condividi la notizia:
3 ottobre, 2018

Inchiesta Asl - Aloisio & Co. ... Gli articoli

  1. Finisce nel nulla il maxiprocesso Asl
  2. Assoluzioni e prescrizioni per Aloisio e Leoncini
  3. Maxinchiesta Asl, è il giorno della sentenza
  4. "Non c'era un sistema Moscaroli, ma un sistema Selvaggini"
  5. "Pacifica la gestione accentratrice e autoritaria di Aloisio"
  6. Tangenti in cambio di appalti, chiesta condanna a 60mila euro
  7. Maxiprocesso Asl, chiesti tre anni e mezzo per Aloisio
  8. Ferdinando Selvaggini fuori dal maxiprocesso Asl
  9. "Gianlorenzo favoriva o danneggiava 'su richiesta' il politico o il manager di turno..."
  10. "Se ti fai arrestare dalla polizia, non ti rivolgo più la parola..."
  11. Nel maxiprocesso Asl irrompono le carte della "macchina del fango"
  12. "Gianlorenzo mi chiamava spesso, gli posso aver detto bravo..."
  13. Maxiprocesso Asl, l'ex comandante dei carabinieri Dell'Agnello in aula
  14. Aloisio, tre assoluzioni e una pioggia di prescrizioni
  15. "Aloisio, non fu concussione"
  16. "Aloisio voleva salvare i posti di lavoro"
  17. Mauro Paoloni fuori dal maxiprocesso Asl
  18. "Una tangente per ogni lavoro affidato"
  19. Il maxiprocesso Asl perde pezzi
  20. "Mai chiesto nulla, mai terrorizzato nessuno"
  21. Aloisio interrogato per tre ore
  22. "Trentamila euro in tre anni al partito"
  23. "Bisogna sostenere il partito"
  24. La morte lenta del processo Asl
  25. Maxiprocesso Asl, a giugno parla Aloisio
  26. "Paoloni? Non sapevamo che era un pezzo grosso..."
  27. "La tessera della Margherita? Non ce l'avevo nemmeno io..."
  28. Paoloni interrogato in aula per tre ore
  29. "Direttore amministrativo? Solo con la tessera della Margherita..."
  30. "Soldi per il Pd, me li chiese Selvaggini"
  31. "Tangenti, tutti sapevano che ero ricattato"
  32. Asl, i pm: "Falsa testimonianza"
  33. Pagavano tangenti in ritardo... cacciati
  34. "Casa di cura di Nepi, 27 milioni di euro in quattro anni"
  35. "Aloisio ordinava e Selvaggini dava di matto"
  36. "Tangenti a metà con Selvaggini"
  37. Quintarelli: "Fioroni mi volle alla segreteria di Aloisio"
  38. "Con la tessera della Margherita farai carriera..."
  39. Aloisio e Paoloni, la difesa: "Nessun fatto concreto"
  40. "Vita impossibile a chi ostacolava Aloisio e Paoloni"
  41. "Quattro ore chiuso nel portabagagli per arrestarli..."
  42. "Con Aloisio? Non ci potevamo vedere"
  43. Scuola Aureart, raccolta firme per non farla chiudere
  44. Abbott e Cittadella, prime accuse in prescrizione
  45. Quel parere "anomalo" sull'Aureart...
  46. Trecentomila euro dalla Asl all'Aureart
  47. Maxiprocesso Asl, fuori l'associazione Caponnetto
  48. La difesa di Aloisio: Daga chi?
  49. Asl, una notifica ingolfa il processo
  50. Maxi processo Asl, giudici incompatibili
  51. Maxi processo Asl già bloccato in partenza
  52. Maxi inchiesta Asl, tutti rinviati a giudizio
  53. "Aloisio non ha preso un euro"
  54. Maxi inchiesta Asl, parola ancora alle difese
  55. Inchiesta Asl, l'indagato Bianchini parla in aula
  56. Asl, le difese: Dov'è la corruzione?
  57. Ventinove richieste di rinvio a giudizio
  58. Inchiesta Asl, riuniti i due filoni
  59. Inchiesta Asl, l'udienza salta per una consulenza
  60. Inchiesta Asl, valanga di eccezioni
  61. Maxi inchiesta Asl, se ne parla tra un mese
  62. Maxi inchiesta Asl, rinvio annunciato
  63. Maxi inchiesta Asl, slitta l'udienza
  64. Maxi inchiesta Asl, al via l'udienza preliminare
  65. Maxi consulenze Asl, danno da 6,5 milioni
  66. Maxi inchiesta Asl, tutti davanti al gup
  67. Inchiesta Asl, 23 richieste di rinvio a giudizio
  68. Sì all'immobile al posto dei conti
  69. Richieste di arresto, nessun ricorso in Cassazione
  70. "Ora si riconosca l'infondatezza delle accuse"
  71. Respinte le richieste di arresto per Aloisio & Co.
  72. Il Gruppo Ro.Ri. pagherà i lavoratori
  73. Gruppo Ro.Ri., stato d'agitazione e due ore di sciopero
  74. Richieste di arresto per Aloisio & co, i giudici si riservano
  75. Inchiesta Asl, oggi l'udienza per le richieste d'arresto
  76. "Dissequestrate i conti degli Angelucci"
  77. Oltre quattro ore di interrogatorio
  78. Aloisio di nuovo dai pm
  79. Carcere per Aloisio & co., a giorni la decisione
  80. Paoloni interrogato per oltre quattro ore
  81. Aloisio interrogato dai pm per sei ore
  82. Richieste di arresto per Aloisio & Co., se ne parla a maggio
  83. Centro diabetologico, disposto il sequestro
  84. Centro diabetologico, i giudici ci pensano
  85. Selvaggini cambia avvocato
  86. Centro diabetologico, la decisione è vicina
  87. Inchiesta Asl, Ceccarelli dai pm
  88. Anche Aloisio vuole essere ascoltato dai pm
  89. Paoloni chiede di essere interrogato
  90. Un immobile al posto dei conti
  91. "Ci sono stati contributi della Isa al Pd"
  92. "I bilanci del Pd controllati dai pm e regolari"
  93. Un'inchiesta pesante e complessa
  94. Inchiesta Asl, spuntano richieste di finanziamenti per Margherita/Pd
  95. Asl, chiuso il secondo filone d'indagine
  96. Gli Angelucci chiedono di pagare i fornitori
  97. Una truffa da oltre 20 milioni di euro
  98. "Il centro diabetologico garantisce il servizio"
  99. Chiesto il sequestro del centro diabetologico
  100. Appalti in cambio di consenso politico
  101. "Chiederemo di essere interrogati"
  102. Asl, 19 gli indagati
  103. Chiusa l'inchiesta Asl
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR