--

--

Pigi-Battista-560x60

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - All'assemblea generale Unindustria, l'intervento del presidente Filippo Tortoriello - Tra gli ospiti, Tajani e Zingaretti

“Viterbo diventi meta turistica privilegiata e centro leader per la ricerca”

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

Roma - L'assemblea di Unindustria

Roma – L’assemblea di Unindustria

Roma - Assemblea Unindustria - Francesco Tortorello

Roma – Assemblea Unindustria – Filippo Tortorello

Roma - L'assemblea di Unindustria

Roma – L’assemblea di Unindustria

Roma – “Dobbiamo lavorare perché Viterbo diventi meta turistica privilegiata”.

A Roma, l’assemblea generale Unindustria e il presidente Filippo Tortoriello, nel suo intervento, oltre a toccare temi quali la manovra e i rischi che corre paese, burocrazia, infrastrutture e l’Unione Europea che vogliamo, si è anche soffermato sulla competitività territoriale e il Lazio, l’innovazione, il progetto Roma-Futura 2030-2050. Oltre a una disamina delle specificità di ciascuna provincia.

Per la Tuscia, Tortoriello ha un’idea precisa: “Dovremo lavorare perché Viterbo possa diventare una meta turistica privilegiata, simbolo di storia e cultura, ma anche un centro leader per la ricerca sull’economia circolare, sui materiali e sulla protezione ambientale nelle produzioni industriali di qualità, facendo perno sulle specializzazioni dell’Università della Tuscia”.

C’è molta strada da fare: “Il territorio deve recuperare i suoi deficit. Interventi attesi da anni, come la chiusura dell’anello ferroviario e la Orte – Civitavecchia, sono bloccati da impedimenti giuridici, burocratici e urbanistici”.

Una situazione non facile, nonostante la quale, le imprese in questi anni non hanno mollato, anzi. “In uno scenario complesso – continua Tortoriello – le nostre imprese hanno sempre continuato a garantire il proprio contributo in anni difficili, aggiornando la propria organizzazione, adattandosi alle nuove sfide e sopperendo alle difficoltà di un sistema pubblico ancora fortemente in ritardo”.

Civita Castellana è l’esempio tipo: “Si pensi al distretto della ceramica di Civita Castellana che, nonostante una concorrenza a volte sleale, ha visto aumentare ininterrottamente le vendite all’estero negli ultimi tre anni.

Un lavoro costante su sostenibilità, qualità e design ha fatto ripartire i piani di assunzione e reso sempre più internazionali questi prodotti”.

Dopo Tortoriello ha preso la parola il presidente della regione Nicola Zingaretti, tornato proprio sulla trasversale. “Prima della fine dell’anno inaugureremo la tratta Cinelli-Monte Romano della Orte-Civitavecchia. Abbiamo il cento per cento dei finanziamenti per gli ultimi chilometri tra Monte Romano e l’autostrada Tirrenica. Quindi, dovremo correre.

Stiamo costruendo uno schema per cui il porto di Civitavecchia, che ha l’entroterra che permette uno sviluppo della logistica, sia collegato alla grande arteria autostradale verso Orte, che lo renderà un quadrante produttivo non per l’Italia, ma per l’intera Europa oltre che per tutto il mezzogiorno”.

Ci sono 200 milioni in investimenti per lo sviluppo dei porti nel Lazio, grazie alla Banca europea degli investimenti. Con questi sarà possibile investire nella zona logistica per il porto.

Ospite anche il presidente dell’Europarlamento Antonio Tajani. Si è soffermato sulla manovra economica del governo. Difficile per Tajani, che possa arrivare un giudizio positivo dall’Ue e nel dettaglio, la critica è non avere previsto azioni a favore dell’occupazione: “Ma solo assistenzialismo”.

Quindi le imprese: “Occorre un’azione forte a sostegno delle attività imprenditoriali. Non servono regalie di stato, nessun imprenditore vuole l’elemosina. Va abbattuto il cuneo fiscale. È profondamente ingiusto che un vigile del fuoco sia pagato come un fannullone che sta a casa”.

La bordata più forte è proprio al reddito di cittadinanza. “Dare 780 euro a un fannullone per farlo stare a casa sul divano? Non è questa la politica per la crescita. A mio figlio non darei mai 800 euro per stare a casa e poi andare in discoteca”.

Dal canto suo, per il presidente Confindustria Vincenzo Boccia si deve puntare alla crescita. Evitando battute che fanno salire lo spread.

“Il governo deve puntare aa crescita – osserva Boccia – i vari ministri devono evitare battute che fanno aumentare lo spread. Bisogna preoccuparsi dello spread, lo dico nell’interesse di chi vuole finanziare il debito pubblico dell’Italia. Occorre fare un salto in avanti sulla crescita, che significa sostenibilità economica, credibilità del governo. Bisogna aprire i cantieri, perché se li chiudono la crescita non arriva”.

Tra i viterbesi presenti all’assemblea, il presidente Unindustria Stefania Palamides, il presidente del gruppo giovani imprenditori di Viterbo Alessandra Sensi, il presidente della Camera di Commercio di Viterbo e di Ance Lazio Domenico Merlani, Francesco Battistoni, senatore Forza Italia e il sindaco di Viterbo Giovanni Arena.


Unindustria – La scheda

Unindustria – Unione degli Industriali e delle imprese Roma, Frosinone, Latina, Rieti, Viterbo – è la più grande Associazione imprenditoriale del sistema Confindustria per estensione territoriale: la seconda per numero di dipendenti inquadrati.

Si compone di un sistema decisionale di top manager e imprenditori supportato da 120 professionisti a disposizione di 3.000 Imprese Associate e dei loro 220.000 dipendenti.

Ha sedi operative a Roma, Frosinone, Latina, Rieti, Viterbo, Civitavecchia, Aprilia e Cassino.

È l’Associazione imprenditoriale più importante del Lazio e con le sue,Imprese, sia PMI che grandi aziende nazionali e multinazionali, rappresenta il 25% degli addetti del settore privato nel territorio.

Unindustria assiste e tutela le aziende produttrici di beni e/o servizi con organizzazione industriale, rappresentando i differenti insiemi di imprese del sistema produttivo laziale e collaborando a tutti i livelli con istituzioni, organizzazioni economiche, politiche e sociali, presso i quali designa i suoi rappresentanti.

L’Associazione è costantemente impegnata nel rendere il territorio laziale competitivo e attrattivo: a tal fine elabora proposte progettuali concrete e predispone ricerche, studi di settore, dibattiti e convegni su temi economici e sociali.

Offre alle imprese consulenza manageriale, servizi qualificati ed informazioni sulle tematiche imprenditoriali di maggior rilievo e attualità, stimolando il business tra gli imprenditori anche con iniziative ed eventi di networking e vita associativa.

16 ottobre, 2018

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR